19.5 C
Rome
venerdì 17 Maggio 2024

ONLUS: REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DELLE ONLUS

L’art. 3, comma 189, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, nel dettare  i principi e i criteri direttivi in materia di disciplina tributaria delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, ha delimitato l’ambito dei soggetti inquadrabili in tale categoria soggettiva, individuando esattamente  gli enti ai quali non è concesso assumere la qualifica di organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

 ONLUS: REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE  DELLE ONLUS

1. 1 Tipologie di enti

L’art. 3, comma 189, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, nel dettare  i principi e i criteri direttivi in materia di disciplina tributaria delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, ha delimitato l’ambito dei soggetti inquadrabili in tale categoria soggettiva, individuando esattamente  gli enti ai quali non è concesso assumere la qualifica di organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

In particolare la citata disposizione alla lett. A) esclude dall’ambito dei soggetti qualificabili  come  ONLUS “gli  enti  pubblici  e le società commerciali diverse da quelle cooperative, le fondazioni bancarie, i partiti politici, le organizzazioni sindacali, le associazioni di datori di lavoro e le associazioni di categoria”.

In attuazione  dei criteri impartiti dalla legge delega n. 662 del 1996, il decreto legislativo n. 460 del 1997, all’art. 10, comma 1, individua positivamente  i soggetti  che possono assumere la qualifica di ONLUS, stabilendo  che, ricorrendone  i presupposti, “Sono organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) le associazioni,  i comitati, le fondazioni, le società cooperative e gli altri enti di carattere privato con o senza personalità giuridica”.

Il comma  10 del medesimo art. 10 del decreto legislativo n. 460 del 1997 dispone che “Non si considerano in ogni caso ONLUS gli enti pubblici, le società commerciali diverse da quelle cooperative,  gli enti conferenti di cui alla legge 30 luglio 1990, n. 218,  i partiti e i movimenti  politici, le organizzazioni sindacali, le associazioni di datori di la- voro e di categoria”.

Dall’esame delle disposizioni menzionate risulta in sostanza che possono assumere la qualifica  di ONLUS solo gli enti privati, mentre sono espressamente  esclusi dal regime tributario  delle organizzazioni  non lucrative  di utilità sociale  gli  enti pubblici. Nell’ambito degli enti di diritto privato la norma elenca espressamente i soggetti  in ogni caso esclusi dalla categoria delle ONLUS, mentre lascia ampia facoltà di scelta nella individuazione della forma giuridica da assumere  ai fini della inquadrabilità fra le organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Si può in sintesi tracciare  il seguente quadro riassuntivo.

Soggetti ammessi

I soggetti che possono assumere la qualifica di organizzazione non lucrativa di utilità sociale sono i seguenti:

– associazioni riconosciute e associazioni non riconosciute;

– comitati;

– fondazioni;

– società cooperative;

– altri enti di carattere privato, con o senza personalità giuridica.

La norma non fa riferimento ai consorzi di cooperative che, pertanto, non possono assumere la qualifica di ONLUS.

Soggetti esclusi

I soggetti esclusi dal particolare regime fiscale delle ONLUS, sono  i seguenti:

– enti pubblici;

– società commerciali, diverse da quelle cooperative;

– enti conferenti di cui alla legge 30 luglio 1990, n. 218;

– partiti e movimenti politici;

– organizzazioni sindacali;

– associazioni di datori di lavoro;

– associazioni di categoria.

 

Enti non residenti

I requisiti necessari per la qualificazione di un soggetto nell’ambito delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, indicati nel comma 1 art. 10 del decreto legislativo n. 460 del 1997, non consentono di ricomprendere in tale tipologia soggettiva gli enti non residenti, ciò anche in assenza di un’espressa esclusione normativa in tal senso. Infatti, le disposizioni contenute  nella Sez. II del decreto legislativo n. 460 del 1997, in forza del richiamo che le stesse fanno ad istituti propri del diritto interno (es. Atto pubblico, scrittura privata autenticata o registrata,  contratti collettivi nazionali di lavoro) ed a leggi nazionali (es. Per il limite del compenso  massimo dei componenti  gli organi amministrativi e di controllo viene fatto riferimento al compenso massimo previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1994, n. 645, e dal decreto-legge 21 giugno 1995, n. 239, convertito dalla legge 3 agosto 1995, n. 336, e successive modificazioni e integrazioni, per il presidente  del collegio sindacale delle società per azioni), non possono  che riferirsi esclusivamente ad enti residenti.

Peraltro, per gli enti non residenti non sarebbe  di fatto esperibile il controllo sulla sussistenza dei requisiti dell’articolo 10 del decreto legislativo in esame (es. Esclusività dell’attività nei settori art. 10, comma 1, lett. A).

 Dottor Alessio Ferretti

Dott. Alessio Ferretti

 

per assisterti nella gestione della tua associazione chiamaci al

NUMERO%20VERDE. Png? Ver=2016-04-17-165008-940

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Dott. Alessio Ferretti

Tributarista Qualificato Lapet ai sensi della Legge 4/2013, referente di Networkfiscale.com, Commercialista.it, Commercialista.com, amministratore e consigliere in varie società. Dottore Commercialista ODCEC di Roma nr di iscrizione AA12304

Profilo completo e Articoli Dott. Alessio Ferretti

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli