22.6 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024

Ristrutturazioni Edilizie

Ristrutturazioni edilizie guida e vademecum fiscale, accedi e leggi la nostra guida nella sezione dossier.

Risparmiare legittimamente per le ristrutturazioni aziendali

Valeria Ceccarelli - Data di Pubblicazione: 05/06/2024
Risparmiare legittimamente per le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali possono essere un investimento importante per migliorare l’efficienza e la competitività di un’impresa. Tuttavia, il costo di tali interventi può essere elevato, e spesso le aziende si trovano a dover cercare soluzioni per risparmiare.

Fortunatamente, esistono diverse possibilità per risparmiare legittimamente sulle ristrutturazioni aziendali. In questo articolo, vi forniremo una panoramica delle principali agevolazioni fiscali e finanziarie disponibili in Italia nel 2024, oltre a consigli pratici per ottimizzare i costi.

Agevolazioni fiscali

  • Bonus ristrutturazioni: permette di detrarre il 50% delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia su immobili ad uso abitativo e commerciale. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus facciate: permette di detrarre il 90% delle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica, antisismica e conservativa del rivestimento esterno degli edifici. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus Superbonus 110%: permette di detrarre il 110% delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico, antisismica e installazione di impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica. La detrazione è cedibile o fruibile sotto forma di sconto in fattura.
  • Credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi: permette di ottenere un credito d’imposta pari al 30% del costo di acquisto di beni strumentali nuovi destinati ad attività di impresa.
  • Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese: offre alle PMI la possibilità di ottenere finanziamenti agevolati per investimenti in innovazione, digitalizzazione e transizione ecologica.

 

Finanziamenti agevolati

  • Banche: diverse banche offrono finanziamenti specifici per le ristrutturazioni aziendali, con tassi d’interesse agevolati e condizioni flessibili.
  • Istituti di credito fondiario: erogano finanziamenti ipotecari per l’acquisto o la ristrutturazione di immobili ad uso commerciale.
  • Confidi: offrono garanzie fideussorie a favore delle PMI che richiedono finanziamenti alle banche.

 

Consigli pratici per risparmiare

  • Pianificare attentamente gli interventi: è fondamentale definire con precisione gli obiettivi della ristrutturazione e stilare un preventivo dettagliato dei costi.
  • Richiedere più preventivi: è consigliabile richiedere preventivi a diverse imprese per ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo.
  • Scegliere materiali e tecnologie efficienti: l’utilizzo di materiali e tecnologie efficienti può permettere di risparmiare sui costi energetici nel lungo periodo.
  • Approfittare delle agevolazioni fiscali: è importante informarsi sulle agevolazioni fiscali disponibili e valutare se è possibile usufruirne.
  • Ricercare finanziamenti agevolati: è consigliabile esplorare le diverse possibilità di finanziamento agevolato offerte da banche, istituti di credito fondiario e confidi.

 

Conclusione

Risparmiare sulle ristrutturazioni aziendali è possibile, ma è importante pianificare attentamente gli interventi, richiedere più preventivi, scegliere materiali e tecnologie efficienti, approfittare delle agevolazioni fiscali e ricercare finanziamenti agevolati. Con un approccio strategico e un’attenta valutazione delle diverse opzioni, è possibile realizzare ristrutturazioni di qualità ottimizzando i costi.

Ristrutturare casa: adempimenti fiscali 2024

  • Numero di Visualizzazioni: 1608
  • Commenti: 0
Ristrutturare casa: adempimenti fiscali 2024

Quali sono le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia nel 2024

Le principali agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia nel 2024 sono:

  • Bonus ristrutturazione 50%: consente di detrarre dall'IRPEF il 50% delle spese sostenute per interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, fino a un massimo di 96.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus facciate 90%: permette di detrarre dall'IRPEF il 90% delle spese sostenute per interventi di pulitura, tinteggiatura, ricostruzione o ritonacatura delle facciate esterne degli edifici, fino a un massimo di 90.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Ecobonus: consente di detrarre dall'IRPEF una percentuale variabile delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico degli edifici, come l'installazione di caldaie a condensazione, infissi a basso emissivo o pannelli solari. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus sismabonus: permette di detrarre dall'IRPEF una percentuale variabile delle spese sostenute per interventi di messa in sicurezza sismica degli edifici, fino a un massimo di 96.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 5 quote annuali di pari importo.
 

Quali sono gli adempimenti fiscali per chi ristruttura una casa nel 2024

Oltre a richiedere le agevolazioni fiscali previste, chi ristruttura una casa nel 2024 deve assolvere ad alcuni obblighi fiscali:

  • Presentare la CILA o SCIA: prima di iniziare i lavori è necessario presentare al Comune la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) o la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), a seconda del tipo di intervento.
  • Effettuare i pagamenti con bonifico parlante: le spese per la ristrutturazione devono essere sostenute tramite bonifico bancario o postale "parlante", che rechi la causale del pagamento, i dati del beneficiario e i riferimenti della detrazione fiscale.
  • Conservare la documentazione: è importante conservare tutta la documentazione relativa ai lavori, come fatture, ricevute, bonifici e copie delle autorizzazioni rilasciate dal Comune.
  • Inserire le spese nella dichiarazione dei redditi: nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno in cui sono state sostenute le spese, è necessario indicare le stesse nella sezione relativa alle detrazioni fiscali.
 

Casi particolari

  • Acquisto di materiali con IVA agevota: per alcuni tipi di interventi di ristrutturazione è possibile acquistare i materiali con l'IVA agevotata al 4% o al 10%. Per fruire di questa agevolazione è necessario presentare al fornitore una apposita dichiarazione.
  • Cessione del credito o sconto in fattura: in alternativa alla detrazione diretta, è possibile cedere il credito a un istituto di credito o a un fornitore di servizi energetici, oppure usufruire dello sconto in fattura direttamente dal fornitore che ha eseguito i lavori.

Ristrutturazione edilizia: agevolazioni fiscali 2024

  • Numero di Visualizzazioni: 1616
  • Commenti: 0
Ristrutturazione edilizia: agevolazioni fiscali 2024

Ristrutturare casa può essere un'impresa impegnativa, ma anche un'occasione per migliorare la propria abitazione e renderla più confortevole e funzionale. Per fortuna, lo Stato italiano offre diverse agevolazioni fiscali per incentivare i lavori di ristrutturazione edilizia, permettendo di recuperare una parte delle spese sostenute.

Quali sono le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia nel 2024?

Le principali agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia nel 2024 sono:

  • Bonus ristrutturazione 50%: consente di detrarre dall'IRPEF il 50% delle spese sostenute per interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, fino a un massimo di 96.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus facciate 90%: permette di detrarre dall'IRPEF il 90% delle spese sostenute per interventi di pulitura, tinteggiatura, ricostruzione o ritonacatura delle facciate esterne degli edifici, fino a un massimo di 90.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Ecobonus: consente di detrarre dall'IRPEF una percentuale variabile delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico degli edifici, come l'installazione di caldaie a condensazione, infissi a basso emissivo o pannelli solari. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
  • Bonus sismabonus: permette di detrarre dall'IRPEF una percentuale variabile delle spese sostenute per interventi di messa in sicurezza sismica degli edifici, fino a un massimo di 96.000 euro per immobile. La detrazione è ripartita in 5 quote annuali di pari importo.
 

Come richiedere le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia

Per richiedere le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia è necessario seguire alcuni semplici passaggi:

  1. Presentare la CILA o SCIA: prima di iniziare i lavori è necessario presentare al Comune la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) o la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), a seconda del tipo di intervento.
  2. Effettuare i pagamenti con bonifico parlante: le spese per la ristrutturazione devono essere sostenute tramite bonifico bancario o postale "parlante", che rechi la causale del pagamento, i dati del beneficiario e i riferimenti della detrazione fiscale.
  3. Conservare la documentazione: è importante conservare tutta la documentazione relativa ai lavori, come fatture, ricevute, bonifici e copie delle autorizzazioni rilasciate dal Comune.
  4. Inserire le spese nella dichiarazione dei redditi: nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno in cui sono state sostenute le spese, è necessario indicare le stesse nella sezione relativa alle detrazioni fiscali.
 

Requisiti per richiedere le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia

Per poter richiedere le agevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia è necessario che siano rispettati alcuni requisiti, tra cui:

  • Essere proprietari o detenere un diritto reale sull'immobile: l'agevolazione può essere richiesta solo dai proprietari dell'immobile oggetto dei lavori o da chi detiene un diritto reale sullo stesso, come usufruttuario o nuda proprietà.
  • Realizzare gli interventi di ristrutturazione ammessi: l'agevolazione spetta solo per gli interventi di ristrutturazione edilizia previsti dalla normativa vigente.
  • Rispettare le modalità di pagamento: le spese per la ristrutturazione devono essere sostenute tramite bonifico bancario o postale "parlante".
  • Conservare la documentazione: è importante conservare tutta la documentazione relativa ai lavori.

Il bonifico parlante errato fa decadere dalle “detrazioni casa”? Quando? Le istruzioni operative per evitare errori

Guida alla compilazione del bonifico parlante "detrazioni-casa" 2017

  • Numero di Visualizzazioni: 41335
  • Commenti: 0
Il bonifico parlante errato fa decadere dalle “detrazioni casa”? Quando? Le istruzioni operative per evitare errori
La compilazione incompleta o errata del bonifico parlante per le detrazioni per ristrutturazioni e riqualificazione energetica“casa” 2017 implica la decadenza dal beneficio fiscale? Rispondiamo al quesito posto da centinaia di utenti, sulla base della recentissima risoluzione dell’Agenzia ...

Sismabonus 2017: agevolazione fiscale fino all'85% per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici a rischio sismico anche per le zone a rischio “3”

Guida fiscale all' Ecobonus, Bonus ristrutturazione edilizia e Sisma Bonus nella legge di stabilità 2017: chi può ottenere le detrazioni Irpef e Ires fino all’85% e quando

  • Numero di Visualizzazioni: 41240
  • Commenti: 0
Sismabonus 2017: agevolazione fiscale fino all'85% per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici a rischio sismico anche per le zone a rischio “3”
La legge di bilancio 2017, nell'ambito dei piani di prevenzione riassetto e messa in sicurezza  degli edifici a seguito dei violenti terremoti che di recente hanno profondamente danneggiato centri storici e abitazioni del Centro Italia, con drammatiche conseguenze e pesanti ripercussioni sotto ...

Focus Approfondimenti