18.2 C
Rome
venerdì 17 Maggio 2024

Prima Casa

Si può applicare l’aliquota iva del 4% alle prestazioni di servizi commissionate, in corso d’opera, direttamente dalla persona fisica, all’impresa appaltatrice che sta edificando la sua “prima casa” (per conto della cooperativa edilizia a proprietà divisa di cui la persona fisica è socio), al fine di apportare alcune migliorie all’abitazione. Questo è il chiarimento fornito dall’agenzia delle entrate, nella risoluzione n. 22 del 22 febbraio 2011.

Bonus acquisto casa: chi può chiedere la detrazione, quando e come compilare il 730/2017. L’esempio pratico per calcolare il beneficio fiscale.

Avv. Giorgia Ardia - Data di Pubblicazione: 12/04/2017 - 36475 visualizzazioni.
Bonus acquisto casa: chi può chiedere la detrazione, quando e come compilare il 730/2017. L’esempio pratico per calcolare il beneficio fiscale.

Con questa guida in pillole illustriamo come funziona la detrazione acquisto casa, confermata dal Decreto Milleproroghe 2017, con le istruzioni per indicarla in fase di compilazione della dichiarazione dei redditi 2017 ed un esempio pratico per quantificarne il beneficio fiscale.

Come noto, la detrazione Irpef del 50% dell’IVA, prevista per i soggetti che entro il 31. 12. 2016 hanno acquistato unità immobiliari nuove di classe energetica A o B  (prorogata dal  Decreto Milleproroghe Legge 27 febbraio 2017 n°19 di conversione del D. L. 30 dicembre 2016, n°244), deve essere indicata nel modello 730/3017 e nel modello UnicoPF 2017.

Come funziona la detrazione?

Il beneficio fiscale, congegnato nell’ottica di incentivare le vendite immobiliari riducendo il carico dell’IVA in capo all’acquirente, consiste in una detrazione Irpef pari al 50% dell’IVA pagata al momento dell’acquisto dell’unità immobiliare, da  ripartire in 10 quote annuali. La detrazione può essere operata fino a concorrenza dell’Irpef lorda.

La detrazione acquisto è cumulabile con bonus ristrutturazione?

Relativamente alla possibilità di cumulo con altre agevolazioni in materia Irpef, l’Agenzia delle Entrate, con la circolare 20/E/2016, ritiene che, data la mancanza di divieti espliciti della norma, sia possibile beneficiare della detrazione del 50% dell’IVA sull’acquisto di un’unità immobiliare al’interno di un edificio interamente ristrutturato dall’impresa di costruzione e contemporaneamente anche quella per interventi di ristrutturazione nella stessa percentuale (50%) ma calcolata sul 25% del prezzo di acquisto dell’immobile (articolo 16-bis comma 3 del TUIR), entro un importo massimo di € 96. 000, e ripartita in 10 quote costanti.

Istruzioni compilazione modello 730/2017

La detrazione dovrà essere indicata nel modello 730/2017 nell’apposito rigo E59 della sezione III C del QUADRO E.

Chi può chiedere la detrazione e a quali condizioni?

L’agevolazione può essere richiesta dai soggetti passivi Irpef, quindi i privati a condizione che l’immobile:

sia acquistato entro il 31. 12. 2016, data prorogata al 31 dicembre 2017 dal decreto sopra citato;  
sia destinato ad uso residenziale.  In mancanza di ulteriori specificazioni legislative, si ritiene che siano agevolabili non solo gli acquisti di “prime case”, ma anche gli acquisti destinati a “seconda casa” o a locazione. Attenzione: l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’agevolazione si estende anche alla pertinenza dell’unità immobiliare, a condizione che l’acquisto della pertinenza avvenga contestualmente all’acquisto dell’unità abitativa, e l’atto di acquisto dia evidenza del vincolo pertinenziale (Circolare 20/E/2016 par. 10. 1);
sia di classe energetica A o B;
sia ceduto da un’impresa costruttrice. E’ stato chiarito che sono agevolabili anche gli acquisti effettuati da un’impresa ristrutturatrice art. 3 comma 1 lett. C), d), f) del DPR 380/2001 (Circolare 20/E/2016 par. 10).

TABELLA DI SINTESI

Agevolazione IVA casa 2017

Condizioni unità immobiliare

Acquistata entro il 31. 12. 2016

Ceduta da impresa costruttrice o ristrutturatrice

A destinazione residenziale

Di classe energetica A o B

Soggetti beneficiari

Soggetti passivi Irpef

Misura dell’agevolazione

50% dell’IVA pagata al momento dell’acquisto, da ripartire in 10 anni

 

Esempio pratico: ipotizzando che il prezzo di acquisto sia di € 300. 000 e che l’IVA sia al 10% (no abitazione principale): l’importo complessivo da portare in detrazione sarà 15. 000 Euro [(300. 000×10%)×50%], con rate annuali di 1. 500 Euro cadauna.

 

Per  valutare la convenienza fiscale dell’agevolazione acquisto casa nel caso specifico

Oppure

per richiedere:

un parere tributario in materia IVA;

una istanza di interpello all’Agenzia delle Entrate;

un checkup Fiscale; 
una istanza di rimborso IVA,

ed ottenere assistenza tributaria specializzata nella massima serenità e con la massima efficienza ed efficacia,  

chiamaci  subito al NUMERO VERDE  800. 19. 27. 52!

 

 

 

 

 

Accertamenti dell'Agenzia dell'Entrate in caso di applicazione del prezzo valore, verso il singolo socio assegnatario dell'immobile:come difendersi.

Guida all'applicazione del prezzo-valore e applicabilità del valore catastale in caso di assegnazione di beni immobili ai soci

  • Numero di Visualizzazioni: 41951
  • Commenti: 0
Accertamenti dell'Agenzia dell'Entrate in caso di applicazione del prezzo valore, verso il singolo socio assegnatario dell'immobile:come difendersi.
Se una società  immobiliare che decide di estinguersi applica il meccanismo del prezzo valore sugli immobili assegnati, cioè opti nell'atto notarile per il più vantaggioso valore catastale sul quale pagare l'imposta sostitutiva dell'8 per cento, l'Agenzia delle Entrate, potrà ex post accertare ...

Sistema del “Prezzo - Valore” e applicabilità del beneficio fiscale anche alle ipotesi di assegnazione di beni immobili ai soci. Come si ottiene l'“agevolazione nell'agevolazione”?

Guida all'applicazione del prezzo-valore e applicabilità del valore catastale in caso di assegnazione di beni immobili ai soci

  • Numero di Visualizzazioni: 75094
  • Commenti: 0
Sistema del “Prezzo - Valore” e applicabilità del beneficio fiscale anche alle ipotesi di assegnazione di beni immobili ai soci. Come si ottiene l'“agevolazione nell'agevolazione”?
Il meccanismo agevolativo del “Prezzo-Valore”, che non risulta ancora adeguatamente conosciuto, merita di essere illustrato con chiarezza per “mettere sotto gli occhi” dei contribuenti uno strumento fiscale il quale, nelle ipotesi di trasferimenti immobiliari, consentente di realizzare un ...

Sismabonus 2017: agevolazione fiscale fino all'85% per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici a rischio sismico anche per le zone a rischio “3”

Guida fiscale all' Ecobonus, Bonus ristrutturazione edilizia e Sisma Bonus nella legge di stabilità 2017: chi può ottenere le detrazioni Irpef e Ires fino all’85% e quando

  • Numero di Visualizzazioni: 40382
  • Commenti: 0
Sismabonus 2017: agevolazione fiscale fino all'85% per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici a rischio sismico anche per le zone a rischio “3”
La legge di bilancio 2017, nell'ambito dei piani di prevenzione riassetto e messa in sicurezza  degli edifici a seguito dei violenti terremoti che di recente hanno profondamente danneggiato centri storici e abitazioni del Centro Italia, con drammatiche conseguenze e pesanti ripercussioni sotto ...

Ecobonus 2017 fino al 75%: rimborsi fiscali immediati e non più dilazionati in 10 anni per gli interventi di riqualificazione energetica

Guida fiscale all'Ecobonus, Bonus ristrutturazione edilizia e Sisma-Bonus 2017

  • Numero di Visualizzazioni: 33203
  • Commenti: 0
Ecobonus 2017 fino al 75%: rimborsi fiscali immediati e non più dilazionati in 10 anni per gli interventi di riqualificazione energetica
Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2017, è stato confermato l'”Ecobonus”, l'agevolazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici nella misura del 65%, elevabile fino al 75% per i condomini, con un'importante novità: possibilità di rimborsi immediati e in ...

Focus Approfondimenti