19 C
Rome
sabato 17 Febbraio 2024

Immobile uso strumentale durata minima Alberghi Hotel Bed and Breakfast Commercialista esperto

Immobile uso strumentale durata minima alberghi hotel bed and breakfast commercialista esperto. Contattaci per ricevere un preventivo gratuito.

Guest House e Durata minima del contratto di locazione di immobile adibito ad uso commerciale

Dott. Alessio Ferretti - Data di Pubblicazione: 23/04/2016 - 60284 visualizzazioni.
Guest House e Durata minima del contratto di locazione di immobile adibito ad uso commerciale

Buongiorno, sono titolare di una guest house (affittacamere – bed and breakfast et similia), sto stipulando contratto di locazione di immobile ad uso commerciale, cortesemente potreste chiarirmi un dubbio sulla durata minima? Anni 8+8 è corretta come durata minima?

Legge 27/07/1978 n. 392 capo secondo

Locazione di immobili urbani adibiti ad uso diverso da quello di abitazione

Articolo 27.

Durata della locazione.

La durata delle locazioni e sublocazioni di immobili urbani non può essere inferiore a sei anni se gli immobili sono adibiti ad una delle attività appresso indicate industriali, commerciali e artigianali di interesse turistico, quali agenzie di viaggio e turismo, impianti sportivi e ricreativi, aziende di soggiorno ed altri organismi di promozione turistica e simili [32].

La disposizione di cui al comma precedente si applica anche ai contratti relativi ad immobili adibiti all’esercizio abituale e professionale di qualsiasi attività di lavoro autonomo.

La durata della locazione non può essere inferiore a nove anni se l’immobile urbano, anche se ammobiliato, è adibito ad attività alberghiere, all’esercizio di imprese assimilate ai sensi dell’articolo 1786 del codice civile o all’esercizio di attività teatrali [33].

Se è convenuta una durata inferiore o non è convenuta alcuna durata, la locazione si intende pattuita per la durata rispettivamente prevista nei commi precedenti.

Il contratto di locazione può essere stipulato per un periodo più breve qualora l’attività esercitata o da esercitare nell’immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio.

Se la locazione ha carattere stagionale, il locatore è obbligato a locare l’immobile, per la medesima stagione dell’anno successivo, allo stesso conduttore che gliene abbia fatta richiesta con lettera raccomandata prima della scadenza del contratto.

L’obbligo del locatore ha la durata massima di sei anni consecutivi o di nove se si tratta di utilizzazione alberghiera. è in facoltà delle parti consentire contrattualmente che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto dandone avviso al locatore, mediante lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione.

Indipendentemente dalle previsioni contrattuali il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto con preavviso di almeno sei mesi da comunicarsi con lettera raccomandata [34].

note:

[32] Comma così sostituito dal comma 1 dell’art. 52 dell’allegato 1, d. Lgs. 23 maggio 2011, n. 79.

[33] Comma prima modificato dal comma 1 dell’art.  7, l. 8 febbraio 2007, n. 9 e poi così sostituito dal comma 2 dell’art. 52 dell’allegato 1, d. Lgs. 23 maggio 2011, n. 79. Vedi, anche, il comma 2 del citato articolo 7, l. N. 9/2007.

[34] Vedi, anche, l’art. 4, comma 9-bis, D. L. 12 ottobre 2000, n. 279, nel testo integrato dalla relativa legge di conversione.

Argomenti e fonti correlati

c. C.  art.  1786.  Stabilimenti e locali assimilati agli alberghi. Le norme di questa sezione si applicano anche agli imprenditori di case di cura, stabilimenti di pubblici spettacoli, stabilimenti balneari, pensioni, trattorie, carrozze letto e simili.

Indennità di avviamento commerciale

In caso di cessazione del rapporto di locazione relativo agli immobili adibiti ad uso industriale, commerciale, artigianali, e alberghiero, che non sia dovuta a risoluzione per inadempimento o disdetta o recesso del conduttore o a una delle procedure previste dal regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 , il conduttore ha diritto, per le attività indicate ai numeri 1) e 2) dell’articolo 27 legge 392/78, ad una indennità pari a 18 mensilità dell’ultimo canone corrisposto; per le attività alberghiere l’indennità è pari a 21 mensilità.

Il conduttore ha diritto ad una ulteriore indennità pari all’importo di quelle rispettivamente sopra previste qualora l’immobile venga, da chiunque, adibito all’esercizio della stessa attività o di attività incluse nella medesima tabella merceologica che siano affini a quella già esercitata dal conduttore uscente ed ove il nuovo esercizio venga iniziato entro un anno dalla cessazione del precedente.
l’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile è condizionata dall’avvenuta corresponsione dell’indennità di cui al primo comma.

L’indennità deve essere corrisposta all’inizio del nuovo esercizio.

Nel giudizio relativo alla spettanza ed alla determinazione dell’indennità per la perdita dell’avviamento, le parti hanno l’onere di quantificare specificatamente la entità della somma reclamata o offerta e la corresponsione dell’importo indicato dal conduttore, o, in difetto, offerto dal locatore o comunque risultante dalla sentenza di primo grado, consente, salvo conguaglio all’esito del giudizio, l’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile.

Quanto è costato realmente il Festival di Sanremo agli Italiani e quali incassi sono stati raggiunti? Il Bilancio della 67° Edizione tra dati, percentuali alla mano e un po' di sano Gossip!

Guida al Bilancio del Festival di Sanremo tra spese e incassi: cachet presentatori e artisti internazionali, guadagno cantanti, premio per il vincitore e.. Gossip

  • Numero di Visualizzazioni: 34668
  • Commenti: 0
Quanto è costato realmente il Festival di Sanremo agli Italiani e quali incassi sono stati raggiunti? Il Bilancio della 67° Edizione tra dati, percentuali alla mano e un po' di sano Gossip!
La Kermesse della musica tricolore di Viale Mazzini ha riscosso nella sua 67° edizione un Boom straordinario nello share di ascolti rispetto alle passate edizioni, incassando una media di 1,5 milioni di utili a puntata. I conti pubblici per la RAI tornano gradualmente a quadrare grazie alla ...

Focus Approfondimenti