6.9 C
Rome
sabato 13 Aprile 2024
Home E-commerce Vendita Indiretta Ecommerce studio commercialista specializzato apertura e gestione

Ecommerce studio commercialista specializzato apertura e gestione

E-commerce vendita indiretta cessione a clienti italiani commercialista specializzato ecommerce, contattavi per un preventivo e ricevere consulenza fiscale dai nostri esperti.

E-Commerce, il business “easy” e redditizio: come “aprire” in un giorno, pagare le imposte ed essere in regola con il Fisco.

Avv. Giorgia Ardia - Data di Pubblicazione: 03/03/2017 - 37327 visualizzazioni.

Se avete in testa buone idee e state cercando un’ ottima occasione per creare facilmente business, l’e commerce ( il commercio elettronico) è quello che fa al caso vostro, da cogliere assolutamente al volo, considerato che la Direttiva 2000/31/CE prevede la possibilità di avviarla senza autorizzazioni preventive (fermi restando i requisiti professionali per lo svolgimento di specifiche attività). Illustriamo quindi una mini guida pratica per capire velocemente come aprire un e – commerce, sia nel caso di vendita occasionale come free lance, sia come professionista con partita IVA, che in caso di impresa o società commerciale, quali sono i costi, le regole e i relativi adempimenti legali e fiscali. Se avete in testa buone idee e state cercando un’ ottima occasione per creare facilmente business, l’ e commerce (il commercio elettronico) è quello che fa al caso vostro, da cogliere assolutamente al volo, considerato che la Direttiva 2000/31/CE prevede la possibilità di avviarla senza autorizzazioni preventive (fermi restando i requisiti professionali per lo svolgimento di specifiche attività). Per potenziarne la redditività considerata la “social era” nella quale viviamo, potreste anche associarla al Social Commerce (puntando cioè sulla sinergia dei social network per la vendita grazie all’interazione tra utenti e allo scambio di feedback). Illustriamo quindi una mini guida pratica per capire velocemente come aprire una e – commerce , quali sono i costi, le regole e gli adempimenti legali e fiscali, sia nel caso di vendita occasionale come free lance,sia come professionista con partita IVA che in caso di impresa o società commerciale.

Cos’è e come funziona l’e – commerce

L’ e- commerce” abbreviazione di “electronic commerce”, comprende le operazioni relative ad attività commerciali e transazioni (commercializzazione di beni e servizi, distribuzione online di contenuti digitali, effettuazione di operazioni finanziarie e di Borsa, appalti pubblici per via elettronica e altre procedure transattive della PA), effettuate attraverso un sito internet. La piattaforma web è lo strumento virtuale attraverso il quale si attuano le operazioni di acquisto e vendita : il venditore carica il catalogo prodotti/servizi che il compratore consulterà online, selezionando i prodotti da acquistare e inviando l’ordine.

Tipi di e – commerce

Occorre distinguere due tipologie di e – commerce in funzione del “ profilo” del cliente

B2C “Business to Consumer” cioè rapporti “verticali” nei quali l’ azienda vende ad un soggetto privato, consumatore finale;

B2B :”Business to Business” cioè rapporti “orizzontali” tra aziende

Come volete operare, come free lance, come professionista o come impresa?

Vendita online occasionale come free lance

Chi lavora come freelance e offre prestazioni occasionali on line, come procacciamento clienti o transazioni “isolate”, per evitare di aprire la partita IVA, deve mantenersi nel limite annuale reddituale  di 5. 000 euro, rilasciando ricevuta con l’indicazione di prestazione occasionale ai sensi dell’articolo 67 lettera i) del DPR 917 del 1986. La nota sarà soggetta a ritenuta d’acconto del 20% (redditi da inserire in dichiarazione dei redditi) e, nel caso di compensi superiori a 77,47 euro, a imposta di bollo.  

NB occorre fare attenzione perché sempre più frequentemente la Guardia di Finanza esegue accertamenti sui venditori per verificare che sia realmente rispettato il requisito della occasionalità e dietro prestazioni che figurano al Fisco come tali non si nasconda invece un vero e proprio commercio d’impresa.

Attenzione : La Commissione tributaria ha chiarito che, se la vendita online non è occasionale ma abituale, i guadagni derivanti dalle cessioni effettuate sul web non possono essere qualificati come redditi diversi o “redditi occasionali”, autorizzando l’attività impositiva dell’ufficio.

E- commerce come professionista con partita IVA

Se invece si intende avviare un e-commerce per operare in modo continuativo e abituale, acquistando merci e rivendendole al consumatore finale, superando il tetto annuo di 5. 000 euro, scatta l’obbligo di aprire Partita IVA e iscriversi alla Gestione Separata INPS. Questo perché è assente l’occasionalità della prestazione

I professionisti con partita IVA che svolgono attività autonoma, quindi non soggetta a iscrizione camerale, possono essere iscritti in un Albo od Ordine Professionale, ma anche essere senza Ordine, come i consulenti.

Sul reddito del lavoratore autonomo si paga l’IRPEF con principio di cassa: la tassazione e le deduzioni fiscali coincidono con il momento in cui i ricavi si incassano e i conti si pagano.

Il modello per la dichiarazione dei redditi è l’ex UNICO, dal 2017 rinominato “Modello Redditi”

E-Commerce come imprenditore o società 

Se si desidera avviare un’e commerce icome società commerciale , occorrerà  costituirla davanti al notaio, con le relative spese (che in genere potrebbero superare il migliaio di euro, eccetto il caso di costituzione Srls cioè società a responsabilità limitata semplificata in cui si gode di esenzione da oneri notarili e bollo).

Se si vuole operare come imprenditore, occorre in particolare provvedere a due fondamentali adempimenti che consentiranno di avviare in un giorno l’impresa: 

SCIA ( segnalazione certificata di inizio attività ) da inviare allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune nel quale si intende avviare l’attività.

ComUnica, comunicazione unica che attiva l’iscrizione presso tutti gli enti preposti:

il Comune dove ha sede l’attività;

l’Agenzia delle Entrate per la partita iva;

il Registro Imprese;

l’INPS.

NB Occorre inoltre comunicare all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo del sito Web, i dati identificativi dell’Internet Service Provider, l’indirizzo di posta elettronica, il numero di telefono e di fax. La vendita a operatori economici di altro Paese UE prevede anche l’iscrizione nella banca dati VIES (Vat Information Exchange System per operazioni intracomunitarie)

Attenzione: pertanto, per il Fisco, si configura l’attività di impresa ogni qualvolta vi sia un numero rilevante di transazioni di e-commerce, sintomatiche del requisito di abitualità. I relativi proventi, sono qualificati automaticamente come redditi di impresa.

NB la giurisprudenza tributaria ha chiarito che «la nozione tributaristica dell’esercizio di imprese commerciali non coincide con quella civilistica, giacché l’art. 55 del D. P. R. 22 dicembre 1986, n. 917 intende come tale l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, delle attività indicate dall’art. 2195 cod. Civ. » come “attività intermediaria nella circolazione dei beni”, svolta in modo abituale ancorché non esclusiva, anche se non strutturate in forma di impresa.

Occorrerà quindi dichiarare ai fini delle imposte dirette, IVA e IRAP, i ricavi derivanti da tali transazioni poiché ritenuti redditi derivanti dall’esercizio di impresa commerciale.

Ai fini della tassazione all’imprenditore individuale si applica il principio di competenza , quindi l’ l’IRPEF si calcola sul reddito annuale come differenza tra ricavi dell’impresa e costi di competenza a prescindere dal momento del pagamento, sia per le fatture che per i costi.

il modello per la dichiarazione dei redditi è l’ex UNICO, dal 2017 rinominato Modello Redditi.

Le società pagheranno l’IRES con F24. E l’IRAP

Quanto costa?

I costi amministrativi oscillano da decine di euro per il pagamento dei diritti di segreteria al Comune ove si presenta la SCIA, ad un centinaio di euro per l’apertura della Partita IVA e per il diritto annuale della Camera di Commercio.

NB per attivare lo “spazio web”. Se si vuole risparmiare molto  è possibile optare per  soluzioni low-cost cioè acquistare pacchetti pronti e completi, a misura di “start-up”.

Per aprire con successo la vostra e – commerce e ricevere assistenza serenamente step by step nella vostra progettualità d’impresa dal punto di vista commerciale, legale, fiscale, 

non esitate a contattarci al numero verde 800. 19. 27. 52!  

E-Commerce: Guida Fiscale 1.1 Vendita indiretta cessione a clienti italiani

Aspetti Fiscali e giuridici

E-Commerce: Guida Fiscale 1.1 Vendita indiretta cessione a clienti italiani
Come anticipato nella guida 1. 0 per commercio elettronico di tipo “indiretto” si intende quello rivolto alla cessione di beni “fisici” con consegna “tradizionale”,  il diretto, invece, fa riferimento alle cessioni con beni downloadables per intenderci, tipo files, software, et ...

Focus Approfondimenti