Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Voucher 2019: La reintroduzione dei voucher lavoro.

Voucher 2019: La reintroduzione dei voucher lavoro.

Lo strumento di retribuzione del lavoro occasionale nato nel 2003 e abolito nel 2017, sostituito poi da altre forme di pagamento, è stato reintrodotto con alcune novità.

Voucher 2019: La reintroduzione dei voucher lavoro.

Voucher 2019: La reintroduzione dei voucher lavoro.

Lo strumento di retribuzione del lavoro occasionale nato nel 2003 e abolito nel 2017, sostituito poi da altre forme di pagamento, è stato reintrodotto con alcune novità.

I voucher rappresentano una retribuzione di tipo accessorio voluta dal governo Berlusconi 15 anni fa e abolita nell’aprile 2017 dall’esecutivo Gentiloni. Furono introdotti per regolamentare le prestazioni non riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte occasionalmente, per contrastare le retribuzioni in nero e per riconoscere al lavoratore occasionale i contributi Inps e le forme di assicurazione Inail per eventuali infortuni sul lavoro. Con il Decreto Dignità sono stati reintrodotti e l’uso è stato esteso anche alle imprese agricole.

 

Evoluzione storica.

Introdotti nel 2003 con la Legge Biagi i voucher impiegano 5 anni ad entrare pienamente in vigore, ovvero a venir estesi a tutti i settori dal Ministro del Lavoro Elsa Fornero. Nel 2016, dopo l’introduzione della tracciabilità dei buoni lavoro con un decreto attuativo del Jobs Act, viene annunciata la possibilità di allargare il confine d’uso dei voucher a 7mila euro annui anziché 5mila; possibilità realizzata successivamente dal ministro Giuliano Poletti nel governo Gentiloni. Tra il 2016 e i primi mesi del 2017, la Cgil ha raccolto 3 milioni di firme per un referendum che proponeva anche l’abolizione di alcune norme sui voucher. Tale referendum, datato 28 maggio 2017, non avvenne mai in quanto il governo Gentiloni nel marzo 2017 con un decreto abrogò gli articoli 48, 49 e 50 del Jobs Act relativi ai voucher.

 

I voucher prima della loro abolizione.

Fino al 2017 i voucher avevano un valore di 10, 20 o 50 euro. Il compenso netto spettante al lavoratore era rispettivamente di 7,50, 15 e 37,5 euro. Il resto si divideva tra Inail (7%) e Inps (13%). Per pagare tramite voucher bastava la registrazione del lavoratore sul sito dell’Inps, attraverso un codice pin. Dopodiché, si potevano comprare i voucher online sul sito dell’Inps, nelle sedi Inps, alle Poste, in banca e perfino in alcune tabaccherie. Per riscuoterli, invece, il lavoratore poteva incassarli negli uffici postali, tramite InpsCard, bonifico su un conto domiciliato presso un ufficio postale, nelle tabaccherie autorizzate o in banca, a partire dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro accessorio e entro un anno dall’emissione.

 

I voucher oggi.

Il Decreto Dignità ha sancito il ritorno dei voucher lavoro, con alcune novità rispetto ai vecchi voucher.

Esistono due tipi diversi di voucher destinati a beneficiari diversi: il Libretto Famiglia voucher Inps e il PrestO (prestazione occasionale).

·        Il Libretto Famiglia è riservato alle famiglie e viene utilizzato per retribuire le prestazioni lavorative dedicate all’assistenza agli anziani e ai bambini, i lavori domestici e le lezioni private. È un libretto nominativo prefinanziato, composto da titoli di pagamento con valore nominale di 10 euro.

·        Il voucher PrestO è riservato invece alle imprese e attualmente è esteso anche al settore agricolo e alle aziende fino a un massimo di cinque dipendenti. Il prestatore ha la garanzia di essere pagato 9 euro netti all’ora. Retribuzione che ammonta a 12,41 euro per il datore di lavoro, in quanto comprende i contributi Inps e quelli assicurativi Inail.

Per entrambe le tipologie di voucher vige sempre il limite reddituale tradizionale di 5.000 euro annuo, ciò significa che l’erogazione complessiva effettuata tramite voucher al lavoratore occasionale non può superare tale limite di 5.000 euro annui.

 

Come funzionano.

I voucher non possono più essere acquistati tramite banche o tabaccherie ma esclusivamente presso il canale telematico dell’Inps. Sia il datore di lavoro che il lavoratore devono rispettare alcuni adempimenti obbligatori.  Prima che la prestazione abbia inizio datore e prestatore sono tenuti a registrarsi sul portale dell’Inps; inoltre, il datore di lavoro deve effettuare un versamento sul portale tramite modello F24 e il lavoratore dare comunicazione preventiva all’Inps dell’inizio attività (massimo un’ora prima dello stesso). Una volta iniziata l’attività, il prestatore riceverà il pagamento direttamente dall’Inps entro il 15 del mese successivo. Il datore di lavoro dovrà inserire anche alcuni dati obbligatori come i dati anagrafici del lavoratore occasionale, la data della prestazione, l’ora di inizio e fine, il luogo dove questa si svolge nonché l’importo della retribuzione. Se non si rispettano questi adempimenti obbligatori sono previste delle sanzioni significative che per il datore di lavoro possono variare dai 500 ai 2.500 euro. Inoltre, se viene superata la data di termine della prestazione occasionale comunicata all’Inps, scatterà in automatico l’obbligo per il datore di lavoro si assumere il prestatore con contratto full time a tempo indeterminato.  

 

Il trattamento Iva

L’integrazione della Direttiva Comunitaria 2006/112/CE con l’introduzione del capo V, Titolo III, a opera della Direttiva UE 2016/1065 “Direttiva sui voucher”, ha messo fine a un lungo periodo di incertezza sul trattamento Iva dei voucher. Il vuoto normativo circa il trattamento Iva delle operazioni derivanti dalla cessione e dall’utilizzo dei voucher è stato riempito dall’Amministrazione finanziaria, che nel corso degli anni ha emanato numerose risoluzioni.

I voucher potevano essere inquadrati come titoli rappresentativi di beni e servizi che rappresentano un pagamento anticipato dei beni e servizi in essi incorporati e identificati, e quindi soggetti a Iva al momento dell’emissione; oppure, come documenti di legittimazione che non rappresentavano la cessione anticipata del bene o servizio ma bensì la cessione di denaro e quindi soggetti Iva al momento dell’utilizzo del voucher con l’individuazione del bene e servizio.

L’Agenzia delle Entrate è sempre stata orientata però a trattare i voucher come documenti di legittimazione considerando quindi rilevante ai fini Iva l’utilizzo del voucher, ossia l’acquisto del bene o del servizio che esso incorpora.

Con le nuove disposizioni sul trattamento Iva dei voucher sono 3 le definizioni rilevanti di voucher:

·        il voucher-corrispettivo (art. 6-bis D.P.R. 633/1972);

·        il voucher-corrispettivo monouso (art. 6-ter D.P.R. 633/1972);

·        il voucher-corrispettivo multiuso (art. 6-quater D.P.R. 633/1972).

Per voucher-corrispettivo si intende uno strumento che contiene l’obbligo di essere accettato come corrispettivo o parziale corrispettivo a fronte di una cessione di beni o di una prestazione di servizi, che indica i beni e servizi da cedere o prestare, oppure le identità dei potenziali cedenti o prestatori, ivi incluse le condizioni generali di utilizzo a esso relative.

Per ottenere consulenza e/o informazioni sull’argomento potete contattare la Dott.ssa Luisa Vinelli all’email l.vinelli@networkfiscale.com o su appuntamento al numero 0705925989.

Documenti da scaricare

Stampa
Dott.ssa Luisa Vinelli

Dott.ssa Luisa VinelliDott.ssa Luisa Vinelli

Altri articoli di Dott.ssa Luisa Vinelli

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2019 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top
ankara escort pendik escort
antalya bayan escort