Le società benefit e il welfare aziendale
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Arte & Fisco
  4. Fisco e Contenzioso
  5. Fisco Sport e Non Profit
  6. Fisco ed Agricoltura
  7. Fisco Editoria TV
  8. Tax Credit
  9. Lavoro
  10. E-Commerce
  11. Dogana




Le società benefit e il welfare aziendale

Le società benefit e il welfare aziendale

Il fine comune nelle SB e il ruolo del welfare aziendale

Le società benefit e il welfare aziendale

Cos’è la società benefit

Le SB sono società a duplice scopo. Nell’esercizio della loro attività economica oltre allo scopo di dividere gli utili perseguono una o più finalità di beneficio comune.

Non si tratta di un genere societario nuovo rispetto ai tipi regolati dalla legge. Una SB può essere una società di persone o di capitali, ma anche una società cooperativa.

Nell’ambito di tali tipi, il legislatore ha elencato i seguenti requisiti che permettono alle società, già note alla legge, di assumere la qualifica di SB:

- indicare il beneficio comune nell’oggetto sociale dello statuto;

- gestire la società in modo da bilanciare lo scopo di lucro con la finalità di beneficio comune;

- individuare il responsabile addetto a svolgere i compiti connessi a garantire il perseguimento del beneficio comune;

- redigere annualmente la Relazione Benefit e al suo interno indicare gli obiettivi perseguiti e realizzati attraverso la Valutazione di impatto della società.  Se da esse si riscontrasse il mancato assolvimento dell’obbligo di perseguire il beneficio comune, la SB sarebbe soggetta alle disposizioni in tema di pubblicità ingannevole e del codice del consumo.

Il beneficio comune nelle SB

Il beneficio comune è il perseguimento, nell’esercizio dell’attività economica, di effetti positivi o la riduzione di effetti negativi su i soggetti o categorie che interagiscono con l’impresa e sulle quali l’organizzazione può avere un impatto. È sufficiente, stando al tenore letterale della norma, che la SB agisca in modo da minimizzare gli effetti negativi (es. svolgendo l’attività economica con materiali a basso impatto aziendale) o da massimizzare gli effetti positivi. Non è richiesto che la società realizzi il beneficio comune, ma che lo persegua.

La società benefit è gestita in modo da bilanciare l’interesse dei soci (quello di dividere gli utili) con l’interesse di coloro sul quale l’attività sociale può avere un impatto.

L’oggetto sociale delle SB e il welfare aziendale

L’elemento costitutivo della SB è il perseguimento del beneficio comune non in modo esclusivo ma concorrente con la finalità lucrativa.

Le finalità di beneficio comune possono essere perseguite da società benefit di nuova costituzione ma anche da società già costituite attraverso la modifica dell’oggetto sociale.

Il beneficio comune può riguardare anche il proprio personale e materializzarsi in iniziative di welfare aziendale, come ammesso dall’art. 1 comma 378 della L. 208/2015 istitutiva delle SB.

Il welfare è termine inglese che indica l’insieme delle iniziative, promosse dallo Stato o da Enti pubblici/privati, che aiutano un individuo a vivere meglio.

Il welfare può essere anche aziendale. Si tratta di iniziative adottate dal datore di lavoro per incrementare il benessere del lavoratore e della sua famiglia (buoni pasto, asili nido aziendali, corsi di formazione ecc.).

Il welfare aziendale come fine comune può risultare conveniente sotto più aspetti:

- migliora la motivazione dei dipendenti, aumentando il loro potere d’acquisto attraverso l’utilizzo di servizi di utilità molto significativa, e di ridurre come conseguenza, a favore dell’impresa, i costi del personale legati a inefficienza, assenteismo, elevato turnover;

- a livello tributario i costi dei servizi resi sono deducibili dall’imponibile del reddito d’impresa, assicurando all’azienda un risparmio fiscale.  

I servizi di welfare aziendale, infatti, non concorrono a formare il reddito del lavoratore e sono deducibili dal datore di lavoro ai fini Ires e Irap.

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top