La scissione societaria
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




La scissione societaria

La scissione societaria

Guida fiscale e convenienza

La scissione societaria

Cos’è

La scissione societaria è l’operazione straordinaria mediante la quale il patrimonio di una società è trasferito a una o più società beneficiarie, preesistenti ed anche di nuova costituzione.

L’operazione può avere per oggetto l’intero patrimonio oppure solo una parte. La scissione può dunque essere totale o parziale. In ogni caso, ai soci della società scissa, in sostituzione delle azioni originariamente possedute, vengono assegnate azioni delle società beneficiarie, in misura proporzionale a quelle già possedute nella società scissa,  al fine di evitare che i soci possano subire pregiudizi dall’intera operazione.

Con la scissione totale la società cessa la propria esistenza. Con la scissione parziale la società scissa rimane attiva.
La scissione può essere:

-       proporzionale (quando a tutti i soci della società scissa vengono assegnate azioni di tutte le società beneficiarie);

-       non proporzionale (quando solo ad alcuni dei soci della società scissa vengono attribuite azioni di una o più società beneficiarie).

La scissione societaria può essere utilizzata per conseguire svariati obiettivi, quali la riorganizzazione degli assetti proprietari dell’impresa o la suddivisione del patrimonio sociale in vista di una successiva cessione di quote.

L’operazione è fiscalmente neutrale solo se si fonda su valide ragioni economiche. In assenza di un valido progetto imprenditoriale l’amministrazione finanziaria può attribuire all'operazione il carattere di elusività.

Scissione societaria e responsabilità per le esposizioni debitorie.

Per valutare la convenienza della scissione, prima di procedere all’operazione è necessario ponderare gli eventuali rischi derivanti dall’inadempimento di pregresse obbligazioni civili e tributarie, specie quando la scissione comporti anche una modifica degli assetti proprietari delle società partecipanti.

Per le obbligazioni civilistiche vige un regime di responsabilità di tipo sussidiario e limitato.

Ai sensi dell’articolo 2506-quater, comma 3, c.c. ciascuna società beneficiaria è solidalmente responsabile dei debiti della scissa. Tuttavia tale responsabilità è sussidiaria e limitata al valore effettivo del patrimonio netto ad essa trasferito o assegnato.

L’art. 2506-bis, comma 3, c.c. stabilisce poi che, per le scissioni parziali, la società scissa e le società beneficiarie rispondono in solido degli elementi del passivo la cui destinazione non è desumibile dal progetto, specificando, in ogni caso, che la responsabilità solidale è limitata al valore effettivo del patrimonio netto attribuito a ciascuna società beneficiaria.

Per i debiti tributari è vigente la responsabilità solidale ed illimitata per tutte le società partecipanti.

L’articolo 173, commi 12 e 13, del Testo unico delle imposte sui redditi (T.U.I.R.) sancisce che gli obblighi tributari della società scissa, riferibili a periodi di imposta anteriori alla data dalla quale l’operazione ha effetto, sono adempiuti in caso di scissione parziale dalla stessa società scissa e le altre società beneficiarie sono responsabili in solido per le imposte, le sanzioni pecuniarie, gli interessi e ogni altro debito.

L’articolo 15, comma 2, D.Lgs. n. 472/1997 ribadisce analogamente che, nei casi di scissione anche parziale di società o enti, ciascuna società od ente è obbligato in solido al pagamento delle somme dovute per violazioni commesse anteriormente alla data dalla quale la scissione produce effetto.

È evidente che per i debiti tributari le società beneficiarie sono coobbligate in solido, ma l’obbligazione tributaria solidale non ha mai carattere sussidiario. Esse inoltre non potranno opporre alcun limite quantitativo della responsabilità, rappresentato invece, in caso di obbligazioni civili, dal valore effettivo del patrimonio netto assegnato.

Da segnalare, inoltre, che per la giurisprudenza, nei confronti delle società beneficiarie possono essere compiute le attività di riscossione senza oneri di avvisi o di altri adempimenti per l’amministrazione. 

Infatti, in caso di un avviso di accertamento notificato alla sola scissa anche in epoca successiva all’efficacia della scissione (per debiti riferibili a periodi di imposta anteriori alla data dalla quale l’operazione ha avuto effetto), nessun onere sussiste a carico dell’amministrazione di rinnovazione della notifica dell’avviso di accertamento nei confronti della società beneficiaria solidalmente obbligata, mentre resta comunque priva di vizi la successiva notifica della cartella alla beneficiaria ai fini della riscossione.

In conclusione, è consigliabile di valutare attentamente tutti i rischi prima di compiere un’operazione di scissione societaria. Una consulenza specialistica di settore può essere di supporto anche per l’elaborazione di eventuali clausole ad hoc che possano tutelare al meglio i nuovi soci per l’ipotesi in cui una delle società partecipanti sia chiamata a rispondere in via solidale ed illimitata per i debiti tributari di altra società partecipante.

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2021 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top