La cessazione dello stato di socio nelle società di persone (snc, sas, srl)
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Arte & Fisco
  4. Fisco e Contenzioso
  5. Fisco Sport e Non Profit
  6. Fisco ed Agricoltura
  7. Fisco Editoria TV
  8. Tax Credit
  9. Lavoro
  10. E-Commerce
  11. Dogana
  12. Cibo proteico & fisco




La cessazione dello stato di socio nelle società di persone (snc, sas, srl)

La cessazione dello stato di socio nelle società di persone (snc, sas, srl)

Guida alle cause, modalità ed effetti del recesso

La cessazione dello stato di socio nelle società di persone (snc, sas, srl)

Il recesso

Le società nascono mediante atto costitutivo, un contratto plurilaterale con il quale più soggetti, accomunati dallo stesso scopo, esprimono la volontà di costituire l’ente.  

Ogni socio ha diritto di recedere dal contratto che lo lega ad una SAS, SNC, SS. Con il recesso, il socio manifesta la sua volontà di sciogliere il rapporto contrattuale che lo lega alla società. Il recesso, quindi, si attua con una dichiarazione unilaterale del socio uscente.

Il recesso va comunicato a tutti gli altri soci. La legge non impone la forma scritta, salvo che l'atto costitutivo preveda una determinata forma, ma è comunque preferibile averla come prova dell’avvenuta comunicazione di recesso, per esempio a mezzo raccomandata a/r.

Per la sua efficacia non è richiesta l’accettazione degli altri soci. Se l'atto costitutivo non prevede diversamente, il recesso è immediatamente efficace dal momento in cui la comunicazione perviene a conoscenza di tutti i soci (art. 1334 c.c.).

È invalida la clausola dell’atto costitutivo che esclude il diritto di recesso.

Il recesso nelle società a tempo determinato

Nella società è a tempo determinato, il recesso è ammesso esclusivamente in due casi:

1. recesso per giusta causa. Vi è giusta causa in presenza di:

- violazione di obblighi contrattuali o di doveri di fedeltà, lealtà, diligenza e correttezza che incidono sulla natura fiduciaria del rapporto;

- cambiamento dell'oggetto sociale;

- dissidio insanabile tra i soci;

- mancata esclusione di un socio pur esistendone i presupposti;

- trasferimento della sede sociale all'estero;

2. recesso convenzionale per una causa prevista dalla società, mediante apposite clausole inserite nello statuto. Queste clausole possono aggiungere ulteriori motivazioni di recesso, oltre la giusta causa.

Lo statuto può prevedere il recesso a favore di tutti o solo di alcuni soci. È nulla la clausola che esclude il recesso per giusta causa. 

Per esempio, lo statuto sociale può prevedere il recesso ad nutum, cioè a discrezione del socio; oppure se il bilancio di un solo esercizio chiude in passivo; a una certa età del socio ecc.

Il recesso nelle società a tempo indeterminato

Se la società è stata contratta a tempo indeterminato o per tutta la vita di uno dei soci, l’art. 2285, comma 1 e 3, c.c.) consente al socio di sciogliere a proprio arbitrio (ad nutum) il vincolo che lo lega alla società.

È considerata equivalente alla durata indeterminata quella prevista per un tempo troppo lungo rispetto alla possibilità di vita di tutti i soci.

Il recesso deve essere comunicato con un preavviso di almeno 3 mesi. Infatti, il recesso ad nutum è efficace dopo tre mesi dalla comunicazione, salvo lo statuto preveda un termine maggiore.

Prima della scadenza del termine, i soci possono prevenire l'operatività del recesso alternativamente:

-       decidendo di sciogliere la società;

-       escludendo il socio a patto sussista una giusta causa di esclusione.

A fronte delle tipologie di recesso diversificate in base alla durata della società, è opportuno verificare, prima di comunicare il recesso, la modalità con cui è stata contratta la società.

Prima del recesso

Se si è soci di una società ad esempio in accomandita semplice, oppure in nome collettivo, la durata della società è consultabile all’interno dello statuto che specifica se la società è costituita a tempo determinato (es. sino all’anno x) oppure a tempo indeterminato. Si considera a tempo indeterminato anche la società la cui durata oltrepassa l’aspettativa di vita del socio uscente.

Il diritto alla liquidazione

Per effetto del recesso il socio uscente ha diritto alla liquidazione della quota detenuta nella società.

Nello specifico, è previsto che:

il socio recedente ha diritto ad una somma di denaro, a titolo di liquidazione, pari al valore della quota versata. Gli eventuali beni conferiti (macchinari e attrezzature) resteranno di proprietà dell’azienda;

la liquidazione viene effettuata considerando lo stato patrimoniale della società nel preciso momento in cui si manifesta il recesso;

il socio uscente, o eventualmente i suoi eredi, hanno il diritto a partecipare ad utili e perdite derivanti da operazioni in corso;

il versamento della somma di liquidazione deve avvenire entro sei mesi dalla data di scioglimento del contratto. Se trascorso tale periodo la società non avrà provveduto al versamento, essendo la quota di liquidazione un credito in valuta, l’ex socio potrà applicare i principi sul risarcimento del danno a seguito della morosità del debitore.

La pubblicità del recesso

Il socio recedente è responsabile di tutte le obbligazioni sociali fino alla sua uscita.

Quando un socio decide di uscire dalla società, uno degli effetti sarà la modifica del contratto sociale. Inoltre, gli amministratori hanno il dovere di comunicare l’avvenuto recesso al Registro delle Imprese. Infatti, lo scioglimento del vincolo societario ha validità solo quando viene registrato presso la Camera di Commercio e iscritto nel Registro delle Imprese. Quindi, fino a quel preciso momento, l’ex socio rimane responsabile per le obbligazioni sociali.

Nella prassi, il contratto viene modificato in un secondo tempo rispetto al recesso e anche la comunicazione al registro delle imprese richiede tempistiche piuttosto lunghe. Perciò, eventuali debiti conseguiti dalla società dopo lo scioglimento del contratto possono vedere l’ex socio ancora responsabile. In questi casi l’unica possibilità è dimostrare che i terzi fossero già a conoscenza dell’avvenuto recesso.

Per tutelare il socio recedente, la legge gli consente di effettuare personalmente la comunicazione al Registro delle Imprese al posto della società. È nel suo interesse velocizzare la procedura, visto che solo ad avvenuta iscrizione nel registro cessano, per il socio receduto, le responsabilità per i debiti societari pregressi.

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top