Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Hotel, Alberghi e B&B: credito di imposta per le spese di riqualificazione

Hotel, Alberghi e B&B: credito di imposta per le spese di riqualificazione

Tax credito fino al 65% di euro 200.000 per hotel, alberghi e B&B che investono

Hotel, Alberghi e B&B: credito di imposta per le spese di riqualificazione

Hotel, Alberghi e B&B: credito di imposta per le spese di riqualificazione

Tax credit fino al 65% di euro 200.000 per hotel, alberghi e B&B che investono o sostengono spese

La Legge di Bilancio 2017 ha prorogato, per gli anni 2017 - 2020, il credito d’imposta previsto per la riqualificazione delle strutture ricettive (hotel, alberghi, B&B..), portandolo al 65% delle relative spese sostenute fino ad un massimo di euro 200.000 e riconoscendolo inoltre anche alle imprese esercenti attività agrituristica (art. 1, co. 4, 5, 6, 7, Legge di Bilancio 2017).

Dalle ore 10:00 del 3 aprile 2019 fino alle ore 16:00 del 4 aprile 2019 le strutture turistico ricettive (hotel, alberghi, B&B, etc..) potranno chiedere il tax credit, credito d’imposta del 65% per la riqualificazione della struttura previsto dal Decreto Cultura del 2014 e prorogato dalla Legge di Bilancio 2017: si tratta di una sorta di domanda preliminare, che si può presentare fino alle ore 16.00 del 21 marzo 2019, e che dovrà poi essere confermata nel corso dei successivi click day, dalle ore 10:00 del 3 aprile 2019 fino alle ore 16:00 del 4 aprile 2019. Il ministero dei Beni Culturali mette a disposizione, online, una Guida al Tax credit per la riqualificazione delle strutture ricettive. Vediamone gli aspetti fondamentali.

Il credito d’imposta è regolamentato dall’articolo 10 del decreto legge 83/2014, e reso operativo dal decreto ministeriale del 7 maggio 2015. Consiste in un credito d’imposta del 65% sulle spese di ristrutturazione, fino a un massimo di 200.000 euro. E’ destinato ad alberghi, villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi, hotel, B&B, eventuali altre strutture alberghiere individuate da regolamenti regionali, già esistenti alla data del primo gennaio 2012 ed anche dalle strutture che svolgono attività agrituristica, come definita dalla legge 20 febbraio 2006, n. 96, e dalle pertinenti norme regionali.

Le spese devono essere sostenute dal primo gennaio 2014 al 31 dicembre 2020. Sono ammissibili le seguenti spese e interventi:

Riqualificazione edilizia: manutenzione straordinaria (articolo 3, comma 1, lettera b, Dpr 380/2001), quindi modifiche alle parti anche strutturali degli edifici, ai servizi igienico sanitari, frazionamento o accorpamento unità immobiliari (che non devono modificare la volumetria complessiva dell’edificio e l’originaria destinazione d’uso); restauro conservativo (articolo 3, comma 1, lettera c, Dpr 380/2001), quindi consolidamento, ripristino e rinnovo elementi costitutivi edificio, inserimento elementi accessori, eliminazione di quelli estranei all’organismo edilizio; riqualificazione edilizia (articolo 3, comma 1, lettera d dello stesso Dpr), quindi ripristino o sostituzione elementi costitutivi dell’edificio, eliminazione, modifica o inserimento di nuovi elementi ed impianti, compresi gli interventi di demolizione.

Acquisto mobili e componenti d’arredo destinati esclusivamente alla struttura alberghiera.

Eliminazione barriere architettoniche.

Incremento efficienza energetica.

Le spese devono essere certificate da attestazione di un soggetto autorizzato (presidente del collegio sindacale, revisore legale, commercialista, perito commerciale, consulente del lavoro centro assistenza fiscale), mentre non c’è bisogno di allegare alla domanda la documentazione contabile.

Il tax credit

Ogni singola voce di spesa può essere agevolabile al 100%, il credito d’imposta come detto è pari al 65%, con un tetto a 200.000 euro in tre anni va ripartito in tre quote annuali di pari importo, è utilizzabile esclusivamente in compensazione. Può essere utilizzato entro dieci anni, nel modello UNICO è previsto un apposito spazio dedicato a questo beneficio. Il beneficio non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali.

La domanda online

Va presentata attraverso il Portale dei Procedimenti del ministero dei Beni Culturali, al quale è necessario iscriversi (è disponibile una forma semplificata per il tax credit). Effettuata l’autenticazione (arriva la comunicazione tramite e-mail), si utilizza il proprio codice di accesso per arrivare al menù principale, dal quale si può attivare una pratica relativa al Tax Credit Riqualificazione. 

Il credito d’imposta è riconosciuto per le spese relative ad interventi di ristrutturazione edilizia e alla riqualificazione energetica o antisismica, ed è ripartito in due quote annuali di pari importo e può essere utilizzato a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati, nel limite massimo di 60 milioni di euro nell’anno 2018, di 120 milioni di euro nell’anno 2019 e di 60 milioni di euro nell’anno 2020.


Il beneficio viene quindi concesso in relazione alla riqualificazione della struttura e rispetto all’anno precedente è fissato nella misura del 65% per gli anni dal 2017 al 2020.


Viene inoltre riconosciuto anche per le imprese esercenti attività agrituristica, ossia per le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli, attraverso l’utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali.

Per ricevere consulenza sul tax credit, chiamate il numero 800.19.27.52 o inviate mail a taxcredit@networkfiscale.com

Documenti da scaricare

Stampa

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Altri articoli di Dott. Alessio Ferretti

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2019 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top
ankara escort pendik escort
umraniye escort
antalya bayan escort
huluhub.com
asyabahis pinbahis deneme bonusu deneme bonusu veren siteler bonus veren siteler bedava bahis casino siteleri bahis siteleri hermesbet bedava bahis