20.7 C
Rome
giovedì 16 Maggio 2024

Regime fiscale dei dividendi: approfondimento

I dividendi rappresentano la distribuzione degli utili realizzati da una società ai propri soci. In Italia, la tassazione dei dividendi segue principi differenti a seconda che il soggetto percipiente sia una persona fisica o una società.

Tassazione per soci persone fisiche

  • Partecipazioni qualificate:

Si considerano partecipazioni qualificate quelle che superano il 2% del capitale sociale o che comportano diritti di voto che superano il 2% dei voti esercitabili in assemblea.

Per le partecipazioni qualificate, l’imposta sui dividendi è prelevata direttamente alla fonte dalla società a titolo di imposta sostitutiva, con un’aliquota del 26%.

I dividendi netti percepiti dal socio (al netto della ritenuta alla fonte) non concorrono al reddito imponibile del socio ai fini IRPEF.

 

Partecipazioni non qualificate

Per le partecipazioni non qualificate, i dividendi percepiti concorrono al reddito imponibile del socio ai fini IRPEF.

La quota di dividendi che concorre al reddito imponibile varia a seconda del regime fiscale del socio:

Reddito da impresa: i dividendi concorrono al reddito imponibile per il 58,14%, con tassazione all’aliquota IRPEF ordinaria.

Altri casi: i dividendi concorrono al reddito imponibile per il 58,14%, con tassazione all’aliquota IRPEF ordinaria.

 

Tassazione per società

  • Le società che percepiscono dividendi da altre società residenti in Italia beneficiano di un’esenzione fiscale del 95% sugli utili ricevuti.
  • I restanti 5% degli utili concorrono al reddito imponibile della società percettrice e sono assoggettati all’imposta sul reddito delle imprese (IRES) con l’aliquota ordinaria.

 

Regime fiscale dei plusvalenze

  • Le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate detenute per almeno un anno sono esenti da imposta.
  • Le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate detenute per almeno un anno sono soggette a un’imposta sostitutiva del 26%.

 

Novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2024

La Legge di Bilancio 2024 non ha introdotto modifiche significative al regime fiscale dei dividendi.

Confermata l’aliquota di imposta sostitutiva del 26% per i dividendi derivanti da partecipazioni qualificate.

Confermata l’esenzione fiscale del 95% sugli utili percepiti da società da altre società residenti in Italia.

 

Casi particolari

  • Dividendi esteri: la tassazione dei dividendi esteri può variare a seconda del paese estero da cui provengono. In alcuni casi, è possibile fruire di sconti d’imposta o di crediti d’imposta previsti dalle convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate dall’Italia con altri paesi.
  • Dividendi percepiti da soggetti non residenti: i dividendi percepiti da soggetti non residenti in Italia sono assoggettati a un’imposta sostitutiva del 26%, a meno che non sia prevista una diversa aliquota da una convenzione contro le doppie imposizioni.

 

Conclusione

Il regime fiscale dei dividendi in Italia è complesso e prevede diverse casistiche. È importante rivolgersi a un professionista per un’analisi approfondita della propria situazione fiscale e per la determinazione della corretta tassazione dei dividendi percepiti.

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Valeria Ceccarelli

Mi occupo di realizzazioni grafiche digitali e cartacee. 

Sono la responsabile della comunicazione e della sponsorizzazione di Commercialista.it e di altre aziende in diversi ambiti. 

Ho collaborato come editor per diversi volumi aziendali e biografici. 

Attualmente sono laureanda in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Unicusano di Roma.

Profilo completo e Articoli Valeria Ceccarelli

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli