Facciamo chiarezza sull'art. 17 comma 6 lettera a-ter
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

APPLICAZIONE REVERSE CHARGE NELL'ATTIVITA' DI SANIFICAZIONE

Facciamo chiarezza sull'art. 17 comma 6 lettera a-ter)

APPLICAZIONE REVERSE CHARGE NELL'ATTIVITA' DI SANIFICAZIONE

APPLICAZIONE REVERSE CHARGE NELL'ATTIVITA' DI SANIFICAZIONE 

Facciamo chiarezza sull'art. 17 comma 6 lettera a-ter)

A decorrere dal 1° gennaio 2015 la legge di Stabilità 2015, integrando l’articolo 17 del DPR 633/72, ha esteso il meccanismo del “Reverse Charge” (inversione contabile) fra le altre, anche alle prestazioni di servizi di pulizia relative ad edifici. In particolare sono soggette all’inversione contabile le attività identificabili con i seguenti codici ateco:

·       81.21.00 Pulizia generale non specializzata di edifici;

·       81.22.02 Atre attività di pulizia specializzata di edifici e di impianti e macchinari industriali.

L’intento è il contrasto alle condotte fraudolente mediante la semplificazione degli adempimenti fiscali che, in concreto, viene attuata assegnando al destinatario dei servizi, qualificato come il debitore dell’imposta, il compito di versare l’IVA a debito al posto del fornitore (cedente o prestatore) e, dunque, in deroga alla normale procedura di applicazione del tributo.

Con riferimento alla disciplina che regolarizza l’attività di pulizia, la Legge del 25 gennaio 1994, n. 82, definisce in modo specifico le attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione, così definite:

  a) sono  attività di pulizia quelle che riguardano il complesso di  procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato  o  sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza;

  b)  sono  attività di  disinfezione  quelle  che  riguardano il complesso   dei   procedimenti  e  operazioni  atti  a  rendere  sani determinati  ambienti  confinati  e  aree  di  pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni;

  c)  sono  attività di  disinfestazione quelle che riguardano il complesso  di  procedimenti  e  operazioni atti a distruggere piccoli animali,  in  particolare artropodi, sia perchè parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perchè molesti e specie vegetali non desiderate.  La  disinfestazione  può essere integrale se rivolta a tutte le specie infestanti ovvero mirata se rivolta a singola specie;

    d)  sono  attività di  derattizzazione quelle che riguardano il complesso  di  procedimenti  e  operazioni  di disinfestazione atti a determinare  o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della  popolazione  dei  ratti  o  dei  topi al di sotto di una certa soglia;

    e)  sono  attività  di  sanificazione  quelle  che riguardano il complesso   di   procedimenti   e  operazioni  atti  a  rendere  sani determinati   ambienti   mediante   l'attività di  pulizia  e/o  di disinfezione e/o di disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento  delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura,  l'umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l'illuminazione e il rumore.

 

Le attività elencate dalla lettera a) alla lettera d) sono definite dall’articolo I del D.M. n. 274/1997 (in applicazione della Legge 82/94) e sono quindi distinte rispetto alla sanificazione. Per tale ultima attività, di fatto, non risulta attribuito alcun codice Ateco specifico.


Nella genesi, l’attività di sanificazione, come indicato dalla legge n.82 del 25 gennaio 1994, viene rinviata all’attività di pulizia, disinfezione e disinfestazione.

Pertanto, la sanificazione, essendo "composta" dall’attività di pulizia e dalle attività di disinfezione e disinfestazione, appartenenti a loro volta alla macro categoria “Attività di pulizia e disinfestazione”, sposa la tesi di assoggettamento al regime del Reverse Charge, come disciplinato dall’art. 17 comma 6 lettera a-ter), “prestazioni di servizi di pulizia”.


Incentivi per le sanificazioni

La sanificazione degli uffici, studi e aziende, è una delle prestazioni più richieste durante questo periodo emergenziale.

A tal proposito, l’art. 64 del decreto Cura Italia, convertito dalla Legge n. 27/2020, ha previsto il riconoscimento di un credito di imposta pari al 50 per cento della spesa sostenuta. Il credito di imposta può essere calcolato su un massimale di spesa fino a 20.000 euro. Le spese che fanno sorgere il diritto al credito di imposta sono quelle sostenute per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro purché documentate. In particolare:

1. la sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l'attività lavorativa e istituzionale;

2. la sanificazione degli strumenti utilizzati nell'ambito di tali attività;

3. l'acquisto di dispositivi di protezione individuale, come: mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;

4. l'acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;

5. l'acquisto di dispositivi di sicurezza diversi da quelli di cui alla lettera c) quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea e incluse le eventuali spese di installazione;

6. l'acquisto di dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

 

A chi spetta:

Possono beneficiare dell’agevolazione: i soggetti esercenti attività d’impresa; gli esercenti arti e professioni; gli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo del settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Limiti temporali;

Il beneficio è per ora circoscritto al solo anno 2020.

Come usufruire del credito d’importa:

Il Decreto dispone anche le modalità secondo le quali sarà possibile fruire del credito:

·        da utilizzare in compensazione nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa;

·        possibilità di optare al posto dell'utilizzo diretto, ai sensi dell’art 122 del Decreto Rilancio,  per la cessione del credito d’imposta al locatore o al concedente o ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Il credito d'imposta, inoltre, non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell'IRAP (imposta regionale sulle attività produttive).

Si è in attesa di un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate da adottare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto con cui saranno stabiliti i criteri e le modalità di fruizione del credito d’imposta, nel rispetto del limite di spesa stanziato pari a euro 200 milioni.

 

 

Stampa

Junior Consultant Silvia PiccaJunior Consultant Silvia Picca

Altri articoli di Junior Consultant Silvia Picca

Contatta autore

Contatta autore

x

Ultime notizie

APPLICAZIONE REVERSE CHARGE NELL'ATTIVITA' DI SANIFICAZIONE

Facciamo chiarezza sull'art. 17 comma 6 lettera a-ter)

APPLICAZIONE REVERSE CHARGE NELL'ATTIVITA' DI SANIFICAZIONE

A decorrere dal 1° gennaio 2015 la legge di Stabilità 2015, integrando l’articolo 17 del DPR 633/72, ha esteso il meccanismo del “reverse charge” (inversione contabile) fra le altre, anche alle prestazioni di servizi di pulizia relative ad edifici.

Frosinone: La Camera di Commercio offre un contributo a fondo perduto per l'effettuazione di Test sierologici ai dipendenti per sostenere le imprese nell'emergenza sanitaria da COVID-19

La Camera di Commercio di Frosinone avvia l’intervento straordinario RESTART IMPRESA - TEST!!!

Frosinone: La Camera di Commercio offre un contributo a fondo perduto per l'effettuazione di Test sierologici ai dipendenti per sostenere le imprese nell'emergenza sanitaria da COVID-19

Descrizione completa del bando: la Camera di Commercio di Frosinone, attraverso la sua Azienda Speciale Aspiin, avvia l’intervento straordinario RESTART IMPRESA - TEST rivolto alle Micro, Piccole e Medie Imprese della Provincia di Frosinone, finalizzato a sostenere la loro capacità di risposta all’emergenza sanitaria in tempi rapidi, a garantire la salute dei titolari e del proprio personale per arginare il contagio mediante l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’effettuazione dei test sierologici.

Cassa integrazione guadagni: nuovo decreto in uscita

Il comunicato n. 131 pubblicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze il 12 giugno 2020 preannuncia l’uscita di un nuovo decreto dedicato all'integrazione salariale

Cassa integrazione guadagni: nuovo decreto in uscita

Lo scorso 12 giugno è stato pubblicato sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze il comunicato n. 131 il quale comunica che al prossimo Consiglio dei ministri sarà presente nei punti dell’ordine del giorno un nuovo decreto legge, al momento in fase di redazione e in concerto con il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali.


COVID-19: Legge di conversione del decreto-legge “Liquidità” e “Scuola”

Con l'approvazione del Senato il 4 giugno 2020...

  • 8 giugno 2020
  • Autore: la redazione
  • Numero di visualizzazioni: 9261
  • Commenti
COVID-19: Legge di conversione del decreto-legge “Liquidità” e “Scuola”

E’ stata pubblicata, in Gazzetta Ufficiale n.143 del 6 giugno 2020, la legge 5 giugno 2020 n.40 annunciante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, recante misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.” 

Il decreto rilancio e le misure di sostegno per il settore turistico

Il decreto numero 34 del 19 maggio 2020, redatto con l’obiettivo di rilanciare l’economia in seguito all’emergenza sanitaria da Covid-19 disciplina con l’articolo 182 alcune misure di sostegno per il settore turistico.

Il decreto rilancio e le misure di sostegno per il settore turistico

L’articolo 182 del decreto-legge 34/2020, al fine di sostenere le agenzie di viaggio e i tour operator, istituisce un fondo con una dotazione di 25 milioni di euro per aiutare il settore turistico.

RSS

Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2020 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top