Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

Detraibilità spese veterinarie 2017: calcolo, requisiti, documenti e come indicarle nella dichiarazione dei redditi

Guida fiscale alla detrazione delle spese veterinarie 2017

Detraibilità spese veterinarie 2017: calcolo, requisiti, documenti e come indicarle nella dichiarazione dei redditi

Calcolo delle spese veterinarie detraibili

Le spese veterinarie sostenute dal contribuente per animali domestici, di affezione o per la pratica sportiva, rientrano tra gli oneri detraibili dalla dichiarazione dei redditi con modello 730 e Unico nella misura del 19% considerando ai fini del calcolo:

  • la franchigia pari a € 129,11;
  • il tetto massimo di spesa detraibile è pari a 387,34 euro.

Questo significa che la detrazione del 19% andrà applicata sulla differenza tra il totale delle spese sostenute ammesse al beneficio fiscale e l’importo di € 129.11.

Quali sono le spese veterinarie detraibili?

Le spese veterinarie detraibili, quindi scaricabili dalla dichiarazione dei redditi attribuendo al contribuente che si prende cura del proprio amico a quattro zampe uno sconto IRPEF, sono tutte quelle spese mediche sostenute dal contribuente per la cura e la prevenzione  di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o di pratica sportiva quindi i costi sostenuti per prestazioni professionali del medico veterinario e per l'acquisto dei farmaci prescritti. Inoltre a partire dal 2016, nel 730 precompilato, sono state inserite per la prima volta dall'Agenzia delle Entrate, le spese mediche detraibili  inviate dagli operatori sanitari, mediante il Sistema Tessera Sanitaria (TS).

Qual è il presupposto principale per la detraibilità?

L’ammissibilità della detrazione della spesa veterinaria è subordinato all’imprescindibile condizione che l’animale sia legalmente posseduto: occorre cioè dimostrare al Fisco, di essere i veri proprietari del cane, del gatto, dei canarini, del furetto o del cavallo, secondo le seguenti modalità:

  • mediante la documentazione rilasciata dalla ASL o dal medico veterinario al momento dell'iscrizione dell'animale all'apposita anagrafe: per esempio, per il cane sussiste l'obbligo di iscrizione all'anagrafe canina e di microchip;
  • nel caso di animali domestici non obbligati all’iscrizione la prova del legale possesso, può essere fornita esibendo il cd. pet passport per gatti e furetti, o il certificato di adozione, o ancora da fatture di acquisto dell’animale o anche da un’apposita identificazione/registrazione volontaria da parte del contribuente che s’impegna nella detenzione giuridica dell’animale da compagnia, mediante la sottoscrizione di una apposita dichiarazione del proprietario. 

Sanzioni per illegale possesso dell'animale

Il contribuente che dichiara indebitamente ai fini della detrazione la spesa veterinaria in mancanza (anche sopravvenuta) delle condizioni di proprietà o detenzione legale, quindi che si trovi nell’impossibilità di fornire prove documentali specifiche, rischia due tipi di sanzioni:

  • sanzioni amministrative pecuniarie per indebita detrazione (con l'applicazione del 30% oltre gli interessi legali sulla minore imposta Irpef versata);
  • sanzioni amministrative per la mancata regolarizzazione del possesso dell'animale, nei casi obbligatori per legge. 

Istruzioni compilazione 730/Unico

Le spese veterinarie stando alle istruzioni 2016, vanno inserite nel modello 730, nei righi da E8 a E12 ed utilizzando il codice 29, mentre nell’Unico compilando i righi da RP8 a RP14, specificando, il 29 come codice relativo alle spese veterinarie.

Documentazione fiscale

I documenti da conservare per beneficiare della detrazione sono:

  • fatture o ricevute fiscali del medico veterinario;
  • scontrino parlante della farmacia.

N.B. Nelle suddette spese, rientrano anche gli esami di laboratorio eseguiti presso strutture veterinarie mentre sono esclusi i farmaci senza prescrizione medica veterinaria, mangimi ed antiparassitari.

Attenzione: non rientrano fra i beneficiari delle detrazioni gli animali da allevamento, riproduzione, consumo alimentare o destinati alle attività agricole.


Per collaborare o farti assistere da un nostro consulente in tutta serenità e con la massima efficienza  o richiedere un parere tributario

contattaci subito al NUMERO VERDE 800.19.27.52!

Print
Avv. Giorgia Ardia

Avv. Giorgia ArdiaAvv. Giorgia Ardia

Legal Manager & Fiscal Editor presso Network Fiscale Srl a socio unico

Other posts by Avv. Giorgia Ardia

Full biography

Full biography

Titolo di avvocato

Qualifica professionale operatrice fiscale- tributaria

Formazione presso Diritto e Scienza Srl IQ

Scuola di Formazione Giuridica Avanzata

x
Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie Fiscali

Detraibilità spese veterinarie 2017: calcolo, requisiti, documenti e come indicarle nella dichiarazione dei redditi

Guida fiscale alla detrazione delle spese veterinarie 2017

Detraibilità spese veterinarie 2017: calcolo, requisiti, documenti e come indicarle nella dichiarazione dei redditi

Con questa guida illustriamo in sintesi i requisiti per la detraibilità delle spese veterinarie 2017, come si calcola il beneficio fiscale, come indicare le suddette spese nella dichiarazione dei redditi tramite 730 ordinario e modello Unico e quali sono i documenti necessari per fruirne.

Spese veterinarie: detraibilità nella dichiarazione dei redditi

Come e quanto detrarre delle spese veterinarie ed alcune considerazioni

Spese veterinarie: detraibilità nella dichiarazione dei redditi

Nella propria dichiarazione dei redditi, i contribuenti persone fisiche, possono detrarre dall’Irpef solo il 19% delle spese veterinarie sostenute fino all’importo di € 387,34 e limitatamente alla somma che eccede i € 129,11, per gli animali detenuti legalmente a scopo di compagnia o per la pratica sportiva (quindi, cani, gatti, volatili in gabbia e cavalli da corsa). 


RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top