20.6 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024

FLAT TAX imprese 2017: come si calcola e come funziona l’IRI? Prelievi, plafond di deducibilità e regime delle perdite.

Con questa guida operativa illustriamo in pratica come gestire in modo facile la tassazione separata dei redditi degli imprenditori individuali e delle società di persone con la nuova IRI 2017, per evitare di commettere errori di calcolo e incrementare così il vostro patrimonio aziendale nello scenario del piano Industria 4. 0!  

L’IRI è l’imposta sul reddito d’impresa contenuta nella Legge di stabilità 2017 che consente alle imprese individuali e società di persone in contabilità ordinaria di optare per la tassazione separata del reddito d’impresa: in pratica il reddito d’impresa viene escluso dalla formazione del reddito complessivo ai fini IRPEF e tassato distintamente con l’aliquota IRES che dal 1 gennaio 2017 è stata ridotta al 24%.

Per approfondimenti sull’aliquota ridotta IRES leggete subito la nostra guida pratica dedicata al calcolo e pagamento dell’IRES 2017!

Nel dettaglio, con l’IRI (imposta sul reddito d’impresa) gli imprenditori individuali o i soci di società di persone non osserveranno più il regime di trasparenza previsto dall’articolo 5 del TUIR ma l’aliquota IRES al 24% sarà applicata – con le regole proprie in tema di reddito d’impresa contenute nel capo VI del TUIR – sull’utile prodotto e non distribuito, mentre i redditi diversi dal reddito d’impresa compreso il reddito da lavoro, saranno assoggettati ad aliquota progressiva IRPEF.

Dunque, a partire dal 2017 l reddito prodotto dall’azienda può essere tassato su 2 binari:

1) reddito d’impresa reinvestito in azienda sconterà la FLAT TAX IRI;

2) l’importo prelevato dall’imprenditore (tutti gli altri redditi compreso quello di lavoro autonomo) sarà soggetto alle aliquote progressive IRPEF dal 23% al 43%.

Obbiettivi dell’IRI

E’ quindi evidente come il doppio binario consenta di versare un’imposta più leggera sulla porzione di reddito utilizzata in favore della crescita aziendale, in linea con il leitmotiv del Piano Industria 4. 0!

In particolare, l’obiettivo dell’IRI al 24% è favorire la capitalizzazione delle imprese che vedranno incrementare il loro patrimonio grazie alla parziale trasposizione della tassazione propria delle società di capitali (IRES al 24%), rendendo così neutrale la tassazione nella scelta della forma di impresa (individuale, società di persone, società di capitali) e distinguendo l’azienda dalle persone fisiche dell’imprenditore e del socio.

Valutate adesso la convenienza fiscale di tale opzione con la nostra guida dedicata alla nuova imposta sul reddito imprenditoriale 2017!

COME SI CALCOLA L’IRI

Prelievi e plafond di deducibilità

Al momento del prelievo delle somme dai conti correnti bancari dell’impresa assoggettate all’IRI, l’importo corrispondente alle le somme prelevate a carico dell’utile di esercizio e delle riserve di utili diventa deducibile dalla base imponibile IRI e concorre alla formazione del reddito complessivo imponibile IRPEF dell’imprenditore/socio.

I redditi d’impresa eccedenti la misura dell’utile d’esercizio in modo definitivo, restano assoggettati esclusivamente ad IRI, dal momento che non potranno essere oggetto di prelevamento (analogamente a quanto avviene con riferimento alla tassazione IRES), sulla base del cosiddetto plafond di deducibilità dei prelievi IRI.  

Attenzione: ai fini del calcolo del plafond IRI occorre monitorare i redditi tassati e i prelievi eseguiti lungo tutto l’arco temporale del regime (periodo minimo pari a 5 anni).

Regime delle perdite

a) Perdite pregresse: il comma 2 dell’articolo 55-bis prevede le perdite maturate nel regime IRI seguano la normale disciplina prevista all’articolo 8, comma 3 del TUIR in base alla quale sono computabili in diminuzione per l’intero importo che trova capienza nel reddito e sono riportabili non oltre 5 esercizi;
b) perdite maturate nei periodi d’imposta di applicazione IRI, l’articolo 55-bis chiarisce che sono computate in diminuzione del reddito dei periodi d’imposta successivi per l’intero importo che trova capienza in essi, senza particolari limiti temporali;
c) perdite non ancora utilizzate al momento di fuoriuscita dal regime IRI: sono computabili in diminuzione dai redditi considerando l’ultimo anno di permanenza nel regime come anno di maturazione delle stesse.

Come scegliere l’IRI

L’opzione per l’IRI che ha durata quinquennale ed è rinnovabile si esercita nella dichiarazione dei redditi, con effetto dal periodo d’imposta cui è riferita la dichiarazione.

Per il 2017, l’opzione IRI andrà quindi indicata in UNICO 2018.

Attenzione: la scelta che presuppone un’attenta valutazione di convenienza fiscale sulla base dei bilanci, sarà possibile solo se nel 2017 ditte individuali e società di persone hanno tenuto la contabilità ordinaria.

Volete scoprire tutte le altre agevolazioni previste dal Piano Industria 4. 0 per le imprese? Leggete subito la nostra guida dedicata ai bonus fiscali e incentivi smart Industria 4. 0 cumulabili con il Patent Box!

 

Se desiderate:

scegliere il regime fiscale più conveniente che vi consentirà di realizzare tax saving;
ottenere la nostra contabilità in Cloud attiva in tutta Italia;
attivare tutti i bonus del Piano Industria 0. 4 per attuare al meglio la vostra progettualità d’impresa e massimizzare il vostro risparmio lecito d’imposta;
registrare un marchio d’impresa o collettivo;
richiedere assistenza tributaria specializzata e customizzata in intangible assets;
avviare con successo la vostra attività,

ottenendo un preventivo su misura, cliccate qui!

vi ricontatteremo entro 8 ore lavorative!  

oppure

chiedeteci subito un parere cliccando qui!  

PER URGENZE

chiamateci subito al NUMERO VERDE 800. 19. 27. 52!

riceverete assistenza tributaria specializzata in tutta serenità e con la massima professionalità e cortesia!

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli