20.7 C
Rome
giovedì 16 Maggio 2024

Fisioterapisti: aprire la Partita IVA

I fisioterapisti che desiderano operare come liberi professionisti necessitano di aprire una partita IVA. Questo passaggio è fondamentale per regolarizzare l’attività professionale ai fini fiscali e previdenziali. Ecco una guida essenziale su come procedere.

 

Registrazione della Partita IVA

Per avviare l’attività, il primo passo è la registrazione presso l’Agenzia delle Entrate per ottenere la partita IVA. Questo processo include la scelta della descrizione dell’attività (fisioterapista) e del regime fiscale più adatto.

 

Scelta del Regime Fiscale

I fisioterapisti possono scegliere tra diversi regimi fiscali:

  • Regime forfettario: Adatto per chi ha ricavi inferiori ai limiti stabiliti dalla legge, offre una tassazione ridotta e minori obblighi contabili.
  • Regime ordinario: Per chi supera i limiti del forfettario o preferisce una deduzione completa delle spese.

 

Iscrizione all’Ordine Professionale

Prima di iniziare l’attività, è necessario iscriversi all’Ordine dei Fisioterapisti, che garantisce il rispetto degli standard professionali e etici.

 

Iscrizione alla Gestione Separata INPS

I fisioterapisti liberi professionisti devono iscriversi alla Gestione Separata INPS per il versamento dei contributi previdenziali. La percentuale di contribuzione è calcolata sul reddito professionale.

 

Gestione delle Fatture e Ritenuta d’Acconto

È necessario emettere fatture per tutti i servizi resi, applicando la ritenuta d’acconto del 20% se il cliente è un’altra impresa o un libero professionista.

 

Adempimenti Contabili e Dichiarazione dei Redditi

La tenuta della contabilità e la dichiarazione dei redditi sono obbligatorie. Le spese deducibili includono attrezzature, affitto dello studio, consumi e corsi di formazione.

 

Deduzioni e Detrazioni

I contributi previdenziali sono completamente deducibili dal reddito imponibile. Inoltre, esistono detrazioni per assicurazioni professionali e altre spese sanitarie correlate.

 

Monitoraggio e Aggiornamenti Normativi

È importante rimanere aggiornato sulle modifiche legislative che possono influenzare la pratica fisioterapica e la gestione fiscale e previdenziale.

 

Conclusione

Aprire una partita IVA come fisioterapista richiede una comprensione dettagliata degli adempimenti fiscali e previdenziali. Una gestione accurata non solo assicura la conformità con le normative, ma permette anche di ottimizzare il carico fiscale e previdenziale. Si raccomanda sempre di consultare un commercialista specializzato per una guida personalizzata e per assicurarsi di seguire la migliore strategia fiscale e previdenziale possibile.

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Valeria Ceccarelli

Mi occupo di realizzazioni grafiche digitali e cartacee. 

Sono la responsabile della comunicazione e della sponsorizzazione di Commercialista.it e di altre aziende in diversi ambiti. 

Ho collaborato come editor per diversi volumi aziendali e biografici. 

Attualmente sono laureanda in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Unicusano di Roma.

Profilo completo e Articoli Valeria Ceccarelli

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli