Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

Credito d’imposta per investimenti in pubblicità: pubblicato il regolamento in Gazzetta Ufficiale

Come beneficiarne e compensare imposte e contributi fino al 90% dell’importo speso in pubblicità

Credito d’imposta per investimenti in pubblicità: pubblicato il regolamento in Gazzetta Ufficiale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24.07.18 il regolamento attuativo  in merito al credito d’imposta per investimenti incrementali in pubblicità su riviste, periodici, quotidiani on line. Prendiamo appuntamento, in numero limitato, per fornire assistenza sia per computo e la lavorazione dell’istanza che per la promozione pubblicitaria sulla rivista on line Commercialista.it

 

Ottieni un credito d’imposta fino al 90% della spesa pubblicitaria

 

   Clicca qui per l’esito di fattibilità su anno 2017 (secondo semestre) e 2018 ed eventuale lavorazione della pratica

 

   Clicca qui per pubblicizzare su Commercialista.it

 

 

 

Credito d’imposta a sostegno degli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sugiornali e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale.

 

 

 

Con larticolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, è stata introdotta una importante agevolazione di natura fiscale, nella forma del credito dimposta, sugli investimenti pubblicitari incrementali programmati ed effettuati sulla stampa (giornali quotidiani e periodici, locali e nazionali, anche on-line) e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale.

 

Con larticolo 4 del decreto-legge16 ottobre 2017, n. 148, è stato anche definito lo stanziamento delle risorse finalizzate a questa misura: per il 2018 sono dedicati 62,5 milioni di euro, di cui:

 

-   50 milioni per gli investimenti sulla stampa (20 per gli investimenti effettuati nel secondo semestre del 2017, più 30 per quelli da effettuare nel 2018);

-    12,5 milioni per gli investimenti da effettuare nel 2018 sulle emittenti radio-televisive.

 

La legge ha demandato ad un Regolamento di attuazione il compito di disciplinare tutti gli aspetti della misura non direttamente regolati dalla legge, comprese le procedure operative che sono state definite con la collaborazione dellAgenzia delle Entrate; il Regolamento, approvato dal Consiglio di Stato e firmato il 16 maggio 2018, è attualmente in corso di registrazione presso la Corte dei Conti; non appena registrato, sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, ed entrerà in vigore trascorsi

15 giorni dalla sua pubblicazione, come per tutti gli atti normativi.

 

I chiarimenti che vengono illustrati qui di seguito tengono quindi conto dei contenuti definitivi del provvedimento, e pertanto differiscono, per qualche aspetto, da quelli pubblicati in precedenza.

 

 

 

1.  Soggetti beneficiari

 

Possono beneficiare del credito d'imposta i soggetti titolari di reddito d'impresa o di lavoro autonomo e gli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, il cui valore complessivo superi di almeno l1 per cento gli investimenti effettuati nellanno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

 

Per stessi mezzi di informazione si intendono, ovviamente, non le singole testate giornalistiche o radiotelevisive, bensì il tipo di canale informativo: stampa, da una parte, emittenti radiofoniche e televisive, dallaltra.

 

ATTENZIONE: nel caso di investimenti pubblicitari articolati su entrambi i mezzi di informazione,  lincrementrelativo allinvestimento pubblicitario  per il  quale si chiede il credito d’imposta è verificato e calcolato distintamente in relazione ai due mezzi informativi, in ragione derispettivi incrementi percentuali.   Lseparazione del calcolo non implica, tuttavia, che si possa accedere al credito d’imposta per lincremento effettuato ad esempio sulla stampa, se contestualmente si è operata una diminuzione di spesa sul canale radiotelevisivo, tale da annullare lincremento di spesa complessivo.

 

 

 

2. Misura del beneficio

 

Il credito dimposta è pari al 75 per cento del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90 per cento nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative; per microimprese, piccole e medie imprese si intendono quelle definite dalla raccomandazione n.2003/361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, e dal decreto del Ministro delle attività produttive 18 aprile 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 238 del 12 ottobre 2005; per start-


up innovative si intendono quelle definite dallarticolo 25 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221.

 

In  sede  di  prima  applicazione,  anche  alle  microimprese,  piccole  e  medie  imprese  e  start-up innovative sarà provvisoriamente riconosciuto il beneficio nella misura standard del 75 per cento, in attesa che la Commissione Europea alla quale la misura è stata notificata si pronunci sulla compatibilità di tale profilo di maggior favore con le normative europee sugli aiuti di St ato. Le risorse  corrispondentalle  concessioni  nella  misura  del  90  per  cento  saranno  ovviamente accantonate per essere poi effettivamente destinate successivamente allapprovazione della Commissione.

 

Il credito dimposta liquidato potrà essere inferiore a quello richiesto nel caso in cui lammontare complessivo dei crediti richiesti con le domande superi lammontare delle risorse stanziate. In tal caso, si provvede ad una ripartizione percentuale  delle risorse tra tutti i richiedenti aventi diritto.

 

Nel caso si debba ricorrere alla ripartizione percentuale, scattano anche due limiti (tetti) individuali: nessun contributo può in questo caso superare il 5 per cento del totale delle risorse annue destinate agli investimenti sui giornali, ed il 2 per cento delle risorse annue destinate agli investimenti sulle emittenti radiofoniche  e televisive  locali.  Per  lanno  2018,  i due tetti quotano  rispettivamente

1.500.000  euro  per  gli  investimenti  sulla  stampa  e  250.000  euro  per  quelli  sulle  emittenti

radiofoniche e televisive.

 

Al riguardo, è importante ricordare che i limiti di spesa sono distinti per gli investimenti sulla stampa (comprendente quella on-line) e per quelli sulle emittenti radio-televisive, in coerenza con il fatto che gli stessi stanziamenti delle risorse sono stati distinti dalla legge per i due tipi di media. Questo significa che, in presenza di investimenti su entrambi i media, il soggetto richiedente può vedersriconosciuti due  diversi  creditdimposta,  in  percentualdifferenziate  a  seconda  delle condizioni della ripartizione su ognuna delle due platee di beneficiari, ma sempre a condizione che linvestimento complessivo superi almeno dell1 per cento quello effettuato nellanno precedente.

 

 

 

3. Investimenti ammissibili

 

Sono ammissibili al credito dimposta gli investimenti riferiti allacquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, anche on-line, ovvero nellambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

 

In sede di prima attuazione, il beneficio è applicabile anche agli investimenti effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017 sempre con la stessa soglia incrementale riferita allanno precedente.

 

ATTENZIONE: lestensione al secondo semestre del 2017 riguarda tuttavia i soli investimenti effettuati sulla stampa, anche on-line.

 

In ogni caso, gli investimenti pubblicitari devono essere effettuati su giornali ed emittenti editi da

imprese titolari di testata giornalistica iscritta presso il  competente Tribunale, ai sensi dellarticolo

5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione di cui allarticolo 1, comma 6, lettera a), numero 5, della legge 31 luglio 1997, n. 249, e dotate in ogni caso della figura del direttore responsabile.

 

Sono escluse dal credito dimposta le spese sostenute per lacquisto di spazi destinati a servizi particolari; ad esempio: televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, di messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovraprezzo.

 

Le spese per lacquisto di pubblicità sono ammissibili al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dallacquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connesso.

 

credito d'imposta pubblicità,tax credit spese pubblicitarie,credito d'imposta pubblicità 2017,credito d'imposta pubblicità 2018,spese pubblicitarie e credito d'imposta,costi di pubblicità e tax credit,tax credit,credito d'imposta,


 

4. Limiti e condizioni di ammissibilità

 

Le spese per gli investimenti si considerano sostenute secondo le regole generali in materia fiscale previste dall'art. 109 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il Testo unico delle imposte sui redditi.

 

L'effettività del sostenimento delle spese deve poi risultare da apposita attestazione rilasciata dai soggetti legittimati a rilasciare il visto di conformità dei dati esposti nelle dichiarazioni fiscali, ovvero dai soggetti che esercitano la revisione legale dei conti.

 

ATTENZIONE: qualora il credito d’imposta richiesto sia superiore alla soglia di 150.000 euro,  la  sua  concessione   al  netto  degli  altri  requisiti  e  condizioni  di  ammissibilità  richiederà laccertamento preventivo di regolarità presso la Banca Dati Nazionale Antimafia del Ministero dellinterno, come stabilito per legge in relazione ad ogni beneficio di carattere economico destinato alle imprese.

 

Il credito d'imposta è alternativo e non cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione prevista da normativa nazionale, regionale o comunitaria.

 

Il credito dimposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite il modello F24, ai sensi

dellarticolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni.

 

 

 

5. Domanda di ammissione al beneficio

 

I soggetti interessati presentano la domanda di fruizione del beneficio , usufruendo di una finestra temporale di trenta giorni, nella forma di una comunicazione telematica (una prenotazione”) su apposita piattaforma dellAgenzia delle Entrate, secondo il modello che ha definito la medesima Agenzia, nellambito dellAccordo di collaborazione siglato il 5 giugno 2018 con il Dipartimento per linformazione e leditoria, ai fini della più corretta ed efficace gestione del credito dimposta.

 

Per lanno in corso, la finestra per la prenotazione si apre, per trenta giorni, a decorrere dal

sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale.

 

La comunicazione dovrà contenere:

 

-    i dati identificativi dellazienda (o del lavoratore autonomo);

-    il costo complessivo  degli investimenti pubblicitari effettuati, o da effettuare, nel corso

dellanno; ove gli investimenti riguardino sia la stampa che le emittenti radio -televisive, i costi andranno esposti distintamente per le due tipologia di media;

-    il costo complessivo degli investimenti effettuati sugli analoghi media nellanno precedente;

(per media analoghi si intendono la stampa, da una parte, e le emittenti radio-televisive

dallaltra; non il singolo giornale o la singola emittente);

-    lindicazione dellincremento degli investimenti su ognuno dei due media, in percentuale ed

in valore assoluto;

-    lammontare del credito dimposta richiesto per ognuno dei due media;

-   dichiarazione sostitutiva di atto notorio, redatta ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, concernente il possesso del requisito consistente nellassenza delle condizioni ostative ed interdittive previste dalle disposizioni antimafia  ai fini della fruizione di contributi e finanziamenti pubblici.

 

 

 

Entro  i  successivi  trenta  giorni  dalla  chiusura  del  termine  per  effettuare  le  prenotazioni  i l Dipartimento per linformazione e leditoria della Presidenza del Consiglio dei ministri forma un elenco dei soggetti richiedenti il credito di imposta con lindicazione delleventuale percentuale


provvisoria di riparto in caso di insufficienza delle risorse  l impo rto  t eo r ica me nt e  fr u ib ile  da ciascun soggetto dopo la realizzazione dellinvestimento incrementale.

 

L’ammontare del credito effettivamente fruibile dopo laccertamento in ordine agli investimenti effettuati è disposto  con provvedimento  del Dipartimento  per  linformazione e  leditoria della Presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento.

 

La determinazione del credito effettivamente fruibile in compensazione da ciascun richiedente è effettuata sulla base dei dati relativi agli investimenti effettivamente realizzati, che dovranno essere trasmessi  dai  richiedentcon  le  stesse  modalità  informatiche  usate  per  la  prenotazione.  La tempistica di tale adempimento sarà determinata con decreto del Capo del Dipartimento per linformazione e leditoria, che sarà adottato e pubblicato a breve sul sito web del Dipartimento.

 

 

 

6. Controlli

 

LAgenzia delle Entrate e lAmministrazione effettueranno i controlli di rispettiva competenza, in ordine alleffettivo possesso dei requisiti che condizionano lammissione al beneficio fiscale; ove sia accertata la carenza di taluno dei requisiti, e quindi lindebita fruizione, totale o parziale, del beneficio, lAmministrazione provvederà al recupero delle somme con le procedure coattive di legge.

 



Documents to download

Print

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Other posts by Dott. Alessio Ferretti

Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie Fiscali

Tassazione nel conferimento di azienda: istruzioni pratiche e clausole da inserire nel contratto per cautelarsi da avvisi di accertamento dell'agenzia delle Entrate.

Guida giuridico – fiscale al conferimento di azienda e ramo di azienda 2017

Tassazione nel conferimento di azienda: istruzioni pratiche e  clausole da inserire nel contratto per cautelarsi da avvisi di accertamento dell'agenzia delle Entrate.

Mediante un conferimento d'azienda si ottiene in sostanza lo stesso effetto della cessione, cioè il “passaggio” di un determinato complesso organizzato di beni e risorse umane da un soggetto ad un altro , conseguendo a differenza della seconda, un notevole risparmio d'imposta. Ecco una breve guida operativa sul regime fiscale applicabile, contenente le istruzioni pratiche essenziali e i consigli per le clausole da inserire al fine di tutelarsi da avvisi di accertamento dall'Agenzia delle Entrate. 

Focus sulla neutralità fiscale in caso di fusione di società e istruzioni operative

Guida pratica - operativa alla neutralità fiscale nelle operazioni straordinarie di fusione e scissione

Focus sulla neutralità fiscale in caso di fusione di società e istruzioni operative

La fusione, disciplinata agli articoli da 2501 a 2504 quinquies del codice civile, è quell'operazione straordinaria attraverso la quale due o più società si concentrano in una sola, ampliandone dimensione e competitività sul mercato. Illustriamo una guida pratica in pillole sul funzionamento dell'operazione di fusione e sugli effetti che produce, dedicando un focus specifico alla neutralità fiscale con le relative istruzioni operative.

Affrancamento dei marchi nelle operazioni straordinarie: quale regime conviene di più e che effetti produce sui bonus fiscali Patent Box?

Guida giuridico-tributaria all'affrancamento dei marchi nelle operazioni straordinarie 2017

Affrancamento dei marchi nelle operazioni straordinarie: quale regime conviene di più e che effetti produce sui bonus fiscali Patent Box?

I regimi opzionali di affrancamento consentono in pratica di riassorbire le divergenze generate dalle operazioni di M&A (abbreviazione di Mergers and Acquisition cioè fusioni e acquisizioni societarie), tra valori fiscali e contabili, quindi di livellare quel “doppio binario” prodotto dalla fisiologica differenza tra il “regime” civilistico/contabile da un lato e quello fiscale dall'altro, quest'ultimo fondato sull'irrilevanza dei valori iscritti contabilmente. Il nostro ordinamento tributario prevede due distinti regimi opzionali che consentono alla società avente causa (incorporante, beneficiaria o conferitaria) di riconoscere fiscalmente (riallineandoli) i maggiori valori iscritti in bilancio nell’ambito delle operazioni straordinarie, eliminando o riducendo il disallineamento con i valori civilistici, previo versamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP. Esaminiamo quale regime risulta più conveniente in caso di marchi e avviamento, la novità dell'ammortamento “abbreviato” e l'incidenza dell'affrancamento sul calcolo dei bonus fiscali del Patent Box.



OPERAZIONI STRAORDINARIE: AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE DELL’IMPOSTA SOSTITUTIVA DA AFFRANCAMENTO

Ai sensi del comma 12 articolo 15 del Decreto Legge 185 del 2008 sono affrancabili, in tutto o in parte, i maggiori valori attribuiti in bilancio in occasione di operazioni straordinarie perfezionate a partire dal periodo d’imposta successivo al quello in corso al 31 dicembre 2007.

RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

Statistiche dei Visitatori

Free counters!

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top