Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

IVA: GUIDA FISCALE E VADEMECUM PER L’AUMENTO DELL’IVA AL 22%

IVA: GUIDA FISCALE E VADEMECUM PER L’AUMENTO DELL’IVA AL 22%

IVA: Guida Fiscale e Vademecum per l’aumento dell’IVA al 22%

A partire dal 1° ottobre 2013, a meno di un improbabile ulteriore rinvio, è entrato in vigore l’aumento dell’Aliquota IVA dal 21% al 22% come previsto dall’articolo 11 del D.L. 28.6.2013 n.76 convertito nella Legge

9.8.2013 n.99.Sulla falsa riga di quanto già avvenuto e disciplinato (MEF ed Agenzia delle Entrate) per il precedente aumento al 21% del 17.09.2011 forniamo alcune importanti linee guida per aziende e professionisti sulla condotta da adottare per gestire l’attuale aumento al 22%.

 

Si tiene a precisare che:

se le operazioni a cui si riferisce la fattura si ritengono effettuate in data antecedente al 01.10.2013 sono d a assoggettare ad IVA con aliquota del 21%;

per le cessioni di beni mobili per la determinazione dell’aliquota vale la data della consegna o spedizione

MOMENTO IMPOSITIVO: l'art. 6 individua il momento in cui l'IVA sulle operazioni di cessione di beni o di prestazione di servizi diviene esigibile (da parte dello Stato), cioè il giorno in cui sorge il debito Iva verso l'Erario da parte del cedente o del prestatore. L'effettiva liquidazione dell'IVA avviene successivamente, per cadenze trimestrali o mensili (vedi art. 27). In fase di prima approssimazione si può dire che il debito IVA si origina all'atto della consegna o della spedizione dei beni mobili, all'atto traslativo della proprietà per i beni immobili e all'atto del paga­ mento (nella misura in cui esso avviene) per le prestazioni di servizi. Esistono tuttavia numerose eccezioni e particolarità sintetizzate nella tabella sotto riportata. Per le prestazioni di servizi il momento impositivo viene anticipato in caso di emissione della fattura prima della data di pagamento. Per le cessioni di beni è anticipato in caso di anticipata emissione della fattura rispetto al giorno di effettuazione dell'operazione, nonché in caso di ricevimento di acconti o pagamenti anticipati. 

E’ importante aggiornare alla nuova aliquota del 22% i listini prezzi dei commercianti al dettaglio e quelli delle imprese all'ingrosso, se indicati al lordo dell'imposta, ad esempio perché utilizzati dai clienti rivenditori che hanno rapporti con i privati.  

Per evitare di ristampare costosi cataloghi, si possono applicare etichette adesive sulla copertina o apporre dei timbri nelle pagine dei prezzi lordi, indicando che dalla data di entrata in vigore dell'aumento dell'aliquota lva.  

Nei prossimi giorni, per determinare l'aliquota Iva applicabile (21% o 22%) alle cessioni di beni mobili o immobili o alle prestazioni di servizi, si dovrà prestare particolare attenzione al momento fiscalmente rilevante dell'operazione. Solo se questo cadrà dopo l'entrata in vigore della modifica si applicherà l'aliquota Iva del 22 per cento.

Per applicare ancora l'lva del 21%, però, è possibile anticipare la fatturazione alla data precedente all'entrata in vigore dell'aumento al 22 per cento. In questo caso, però, l'lva deve essere versata nella successiva liquidazione mensile o trimestrale, indipendentemente dal pagamento del corrispettivo da parte del cliente. Anche il pagamento anticipato a oggi del corrispettivo consente l'applicazione dell'aliquota al 21 per cento.   Le fatture differite relative alle consegne di beni effettuate nel mese di settembre 2013, emesse entro il 15 ottobre, indicheranno due aliquote Iva ordinarie differenti: il 21% per le consegne effettuate fino al 30 settembre (compreso), e il 22% per quelle successive. Nulla vieta, però, di emettere nei confronti dello stesso cliente due differenti fatture differite.

L'articolo 21, comma 4 Dpr 633/1972, infatti, prima concede la possibilità di emettere una fattura differita per ogni cessione di beni documentata da documento di trasporto o da altro documento simile, poi prevede la possibilità di emettere anche «una sola fattura per le cessioni effettuate nel corso di un mese solare fra le stesse parti». La conferma arriva dalla circolare 31 ottobre 1974, n. 42, secondo la quale «per le cessioni effettuate nel corso di un mese solare fra le stesse parti si può emettere una unica fattura che riepiloghi le operazioni effettuate nel mese ovvero più fatture che riassumano operazioni effettuate in periodi più brevi del mese stesso». Quindi, le cessioni effettuate nei confronti di un medesimo soggetto nel mese possono anche essere riepilogate in più fatture, fermo restando l'obbligo di indicare in fattura gli estremi dei documenti di trasporto emessi”.

Tabella di riepilogo

TIPO di OPERAZIONE

 

GIORNO di ESIGIBILITÀ DELL'IVA

CESSIONE di BENI MOBILI

 

CONSEGNA o SPEDIZIONE del BENE SE con

 

 

EFFETTO TRASLATIVO IMMEDIATO

CESSIONE di BENI IMMOBILI

 

STIPULA dell'ATTO SE con EFFETTO

 

 

TRASLATIVO IMMEDIATO

CESSIONE con RISERVA DI PROPRIETÀ

 

STIPULA dell'ATTO

LOCAZIONE con CLAUSOLA di

 

STIPULA del CONTRATTO di LOCAZIONE

TRASFERIMENTO della PROPRIETÀ

 

 

VINCOLANTE per ENTRAMBE le PARTI

 

 

CESSIONE per ATTO DI UNA  PUBBLICA

 

PAGAMENTO del CORRISPETTIVO

AUTORITA

 

 

CESSIONI PERIODICHE o CONTINUATIVE in

PAGAMENTO del CORRISPETTIVO

base a CONTRATTI di SOMMIISTRAZIONE

(vedi R.M. 21.4.1009, n. 105/E)

PASSAGGI dal COMMITTENTE al

 

VENDITA da PARTE del COMMISSIONARIO

COMMISSIONARIO

 

 

AUTOCONSUMO o DESTINAZIONE a

 

              PRELIEVO DEL BENE

FINALITÀ ESTRANEA di BENI

 

 

CESSIONE in BASE a CONTRATTO

 

RIVENDITA a TERZI

ESTIMATORIO

 

 

ASSEGNAZIONI di ABITAZIO\'I da PARTE di

ROGITO NOTARILE

COOPERATIVE EDILIZIE)

 

 

CESSIONE di DETERMINA TI PRODOTTI

 

PAGAMENTO

FARMACEUTICI

 

 

 

 

CESSIONE di BENI e PRESTAZIONI di

 

PAGAMENTO

SERVIZI da PARTE di ENTI NON

 

 

COMMERCIALI, ASSOCIAZIONI, ecc. a SOCI,

 

ASSOCIATI, ecc.

 

CESSIONE di BENI a STATO, ENTI PUBBLICI

PAGAMENTO

Territoriali, C.C.LA.A., UNIVERSITA,

 

 

A.S.L., ENTI OSPEDALIERI,  di RICOVERO

 

e CURA, ENTI PUBBLICI di ASSISTENZA e di

 

PREVIDENZA

 

 

PREST AZIONI di SERVIZI

 

PAGAMENTO

AUTOCONSUMO O DESTINAZIONE A  

 

ATTO DELL’EFFETTUAZIONE

FINALITÀ ESTRANEA di SERVIZI

 

 

 
























































































































 



Per assistenza o pareri inviate mail a

 

 a.ferretti@networkfiscale.com

 

O telefonate al numero verde 800.19.27.52










Print

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Other posts by Dott. Alessio Ferretti

Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie ed aggiornamenti nel contenzioso tributario

IVA: GUIDA FISCALE E VADEMECUM PER L’AUMENTO DELL’IVA AL 22%

A partire dal 1° ottobre 2013, a meno di un improbabile ulteriore rinvio, è entrato in vigore l’aumento dell’Aliquota IVA dal 21% al 22% come previsto dall’articolo 11 del D.L. 28.6.2013 n.76 convertito nella Legge 9.8.2013 n.99.Sulla falsa riga di quanto già avvenuto e disciplinato (MEF ed Agenzia delle Entrate) per il precedente aumento al 21% del 17.09.2011 forniamo alcune importanti linee guida per aziende e professionisti sulla condotta da adottare per gestire l’attuale aumento al 22%. 

RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

Statistiche dei Visitatori

Free counters!

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top