Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

Installazione di impianti con vendita di beni significativi aliquota iva ridotta al 10 % quando applicarla e come emettere la fattura

Guida fiscale alla corretta emissione della fattura, aziende e commercialisti possono richiederci assistenza per il computo della convenienza inviando mail ad iva@networkfiscale.com

Installazione di impianti con vendita di beni significativi aliquota iva ridotta al 10 % quando applicarla e come emettere la fattura

Installazione di impianti con vendita di beni significativi aliquota iva ridotta al 10 % quando applicarla e come emettere la fattura

Guida fiscale alla corretta emissione della fattura, aziende e commercialisti possono richiederci assistenza per il computo della convenienza inviando mail ad iva@networkfiscale.com

 

Esaminiamo il caso di un’azienda cliente che ha installato un impianto di video sorveglianza e ha chiesto assistenza per emettere in modo corretto la fattura al cliente privato, non titolare di partita iva, evitando di commettere errori ed addebitare iva in eccesso allo stesso cliente.

 

La norma ad applicare è in primis l’articolo 7, comma 1, lettera b), della L. 488/1999, la quale ha introdotto l’agevolazione fiscale dell’aliquota iva ridotta del 10% su interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, di restauro e di risanamento conservativo nonché di ristrutturazione eseguiti su fabbricati a prevalente destinazione abitativa. Dopo una serie di proroghe, fino al 31 dicembre 2010, l’agevolazione in esame è stata definitivamente prevista a regime con la L. 131/2009.

In dettaglio, gli interventi di manutenzione ordinaria sono quelli relativi alla riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici, nonché quelle neces­sarie ad integrare e mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti.

Sono ricompresi nella manutenzione ordinaria i seguenti interventi:

  • sostituzione integrale o parziale di pavimenti e le relative opere di finitura e conservazione;
  • riparazione di impianti per servizi accessori (impianto idraulico, impian­to per lo smaltimento delle acque bianche e nere);
  • rivestimenti e tinteggiature di prospetti esterni senza modifiche dei preesi­stenti oggetti, ornamenti, materiali e colori;
  • rifacimento intonaci interni e tinteggiatura;
  • rifacimento pavimentazioni esterne e manti di copertura senza modifiche ai materiali;
  • sostituzione tegole e altre parti accessorie deteriorate per smaltimento delle acque, rinnovo delle impermeabilizzazioni;
  • riparazioni balconi e terrazze e relative pavimentazioni;
  • riparazione recinzioni;
  • sostituzione di elementi di impianti tecnologici;
  • sostituzione infissi esterni e serramenti o persiane con serrande, senza mo­difica della tipologia di infisso;
  • adeguamento degli impianti elettrici e di riscaldamento;
  • rifacimento di parte delle strutture portanti dei pavimenti e dei rivestimenti;
  • installazione di ascensori e scale di sicurezza;
  • sostituzione di serramenti interni ed esterni;
  • interventi sulle parti lignee esterne e realizzazione di poggiolate arricchenti la facciata;
  • demolizione di tramezzature e realizzazione di nuove mura divisorie;
  • chiusura di vani porta esistenti con apertura di nuovi vani;
  • spostamento della cucina in altro locale, creazione di un nuovo bagno e spo­stamento del bagno preesistente;
  • posa in opera di nuovi impianti e rivestimenti;
  • sostituzione delle funi degli ascensori e dei pannelli per adeguamento alle norme di legge;
  • sostituzione della centralina e delle sonde per la regolazione automatica del calore distribuito dalla centrale termica;
  • riparazione di perdite d’acqua delle condotte in pressione dell’impianto con­dominiale;
  • lavori di scavo e ripristino del piano cortile e posa in opera di tubi per il trasferimento del contatore dell’acqua potabile;
  • sostituzione del manto di tegole;
  • rifacimento dell’impermeabilizzazione e del piano piastrellato;
  • impermeabilizzazione delle grondaie del tetto;
  • verniciatura dei parapetti in metallo dei balconi.

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono quelli che riguardano le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico sanitari e tecnologici, purché non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche di destinazione d’uso dell’immobile.

Sono ricompresi nella manutenzione straordinaria i seguenti interventi:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza;
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici;
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso;
  • rifacimento di scale e rampe;
  • interventi finalizzati al risparmio energetico;
  • recinzione dell’area privata (realizzazione di recinzioni, muri di cinta e can­cellate);
  • costruzione di scale interne;
  • demolizione e rifacimento dei canali di grondaia e pluviali in lamiera con nuovi elementi di rame e nuove installazioni;
  • sostituzione dei cancelletti di ingresso carraio e pedonabile con altri aventi caratteristiche e colori diversi;
  • realizzazione di un marciapiede su suolo privato con posa di nuova pavimentazione;
  • installazione di un nuovo impianto di condizionamento con unità refrigerante esterna e unità ventilanti interne pensili;
  • sostituzione della caldaia esistente ed installazione di un nuovo bollitore per acqua sanitaria;
  • modifica dell’impianto idrico con sostituzione e nuovo posizionamento dell’autoclave;
  • interventi di adeguamento degli impianti alle norme antincendio;
  • apertura di lucernari di mansarde, senza modifica della destinazione d’uso;
  • demolizione e ricostruzione di tramezzi e solai;
  • costruzione o rifacimento totale di sistemazioni esterne;
  • installazione di un ascensore.

L’aliquota del 10% trova applicazione:

  • quando gli interventi sono eseguiti su fabbricati a prevalente destinazione abitativa con esclusione, quindi, dei fabbricati a prevalente destinazione strumentale;
  • per le sole prestazioni di servizi e non anche alle cessioni di beni finiti.

Le prestazioni di servizi agevolabili sono quelle rese in base a un contratto d’appalto o d’opera. Sono invece escluse:

  • le prestazioni professionali;
  • le prestazioni rese in base a un contratto di subappalto.

Sono considerati fabbricati a prevalente destinazione abitativa:

  • le unità immobiliari classate nella categoria A, con l’esclusione dell’A10, indipendentemente dall’utilizzo dell’immobile. Devono intendersi comprese anche le pertinenze dell’unità immobiliare abitativa;
  • gli edifici che abbiano oltre il 50% della superficie dei piani sopra terra destinati ad abitazione privata. In tal caso l’agevolazione si estende anche alle parti comuni dell’edificio; diversamente, restano esclusi gli interventi eseguiti sulle singole unità immobiliari non abitative.

L’aliquota del 10% si applica sull’intero valore delle prestazioni di servizi comprendendovi anche i beni impiegati.

Tuttavia, laddove i beni impiegati siano significativi l’applicazione dell’aliquota ridotta trova una limitazione se il loro valore supera il 50% dell’intero corrispettivo. In particolare:

  • se il valore dei beni significativi non supera il 50% del valore della prestazione, l’Iva al 10% si applica sull’intero valore della prestazione, comprensivo della fornitura dei beni;
  • se il valore dei beni significativi supera il 50% del valore della prestazione, su tali beni l’aliquota del 10% si applica solo fino a concorrenza del valore della prestazione, considerato al netto del valore dei beni significativi medesimi.

ESEMPIO: Quindi, se il costo complessivo al netto Iva dell’intervento è di 10.000 euro, di cui 4.000 euro per la prestazione lavorativa e 6.000 euro per il bene significativo, l’Iva al 10% si applica sull’intero valore del servizio (4.000), ma, con riferimento al bene, solo su 4.000, ovvero sulla differenza tra l’importo complessivo dell’intervento e quello del bene significativo (10.000 – 6.000 = 4.000).

N.B. La limitazione si applica solo in presenza dei beni significativi “interi”; non interessa, invece, eventuali pezzi singoli o parti di ricambio.

Peraltro, se l’intervento comprende più manutenzioni e solo per alcune è previsto l’impiego di beni significativi, per il calcolo della quota non agevolata, il valore della prestazione va assunto complessivamente quando il contratto è unico.

Sono beni significativi:

·        ascensori e montacarichi;

·        infissi esterni ed interni;

·        caldaie;

·        Video citofoni

·        Apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria

·        Sanitari e rubinetterie da bagno

·        Impianti di sicurezza

Nella fattura il prestatore deve indicare:

  • il corrispettivo complessivo dell’operazione, comprensivo del valore dei beni significativi;
  • in maniera separata, il valore dei beni significativi.

Sulla materia è intervenuta la legge di Stabilità 2018 (L. 205/2017), il cui comma 19 ha stabilito che la determinazione dei beni significativi deve essere effettuata:

  • avendo riguardo all’accordo contrattuale tra le parti;
  • sulla base dell’autonomia funzionale delle parti staccate rispetto al manufatto principale come individuato nel D.M. 29.12.1999;
  • tenendo conto solo di tutti gli oneri che concorrono alla produzione dei beni stessi (materie prime + manodopera impiegata per la produzione).

In ogni caso il valore dei beni significativi non può essere inferiore:

  • al relativo prezzo di acquisto, laddove il prestatore non sia anche il produttore; ovvero
  • al prezzo di acquisto dei beni/materie prime nonché della manodopera diretta necessari alla produzione dei beni stessi.

Viene, quindi, escluso l’obbligo di applicare un ricarico sulla “rivendita” dei beni significativi da parte del fornitore. In altri termini è consentito applicare un ricarico sui beni. La previsione di legge fa salvi i comportamenti difformi tenuti fino al 1° gennaio 2018 (data di entrata in vigore della L. 205/2017.

 

Per ricevere assistenza sul calcolo della convenienza e la corretta emissione della fattura contattateci al n. 06.31055924 o inviate una e.mail con i dati (importo beni significativi ed importo delle prestazioni) a iva@networkfiscale.com Tariffa euro 60/h da pagare preventivamente con Paypal o bonifico bancario (sufficiente 1 ora a fattura).

CASO II

 

Print

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Other posts by Dott. Alessio Ferretti

Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie ed aggiornamenti nel contenzioso tributario

Installazione di impianti con vendita di beni significativi aliquota iva ridotta al 10 % quando applicarla e come emettere la fattura

Guida fiscale alla corretta emissione della fattura, aziende e commercialisti possono richiederci assistenza per il computo della convenienza inviando mail ad iva@networkfiscale.com

Installazione di impianti con vendita di beni significativi aliquota iva ridotta al 10 % quando applicarla e come emettere la fattura

Esaminiamo il caso di un’azienda cliente che ha installato un impianto di video sorveglianza e ha chiesto assistenza per emettere in modo corretto la fattura al cliente privato, non titolare di partita iva, evitando di commettere errori ed addebitare iva in eccesso allo stesso cliente.

Erogazione di servizi: guida fiscale alla gestione dell’Iva Italia su estero (Eu ed extra Ue)

Quando e come applicare per servizi rivolti a soggetti comunitari o extra comunitari, privati o titolari di partita iva

Erogazione di servizi: guida fiscale alla gestione dell’Iva Italia su estero (Eu ed extra Ue)

Questo articolo è rivolto sia ad aziende che singoli professionisti,  chiamati ad erogare, nel rispetto del DPR n. 633 del 1972 “Decreto IVA”, prestazioni di servizi, in Italia, verso soggetti privati (non titolari di partita iva) o operatori economici (titolari di partita iva) residenti fuori dalla comunità europea o all’interno (ma fuori dall’Italia).

Cessione di beni da A (ITA) a B (ITA) destinati a C (UE): triangolazione IVA e non imponibilità

Come impostare e gestire le triangolazioni IVA

Cessione di beni da A (ITA) a B (ITA) destinati a C (UE): triangolazione IVA e non imponibilità

Mr. Antonello: la nostra azienda, operante nel settore vitivinicolo, ha ricevuto una richiesta per la vendita di attrezzatura da parte di una società italiana residente, la quale intende rivenderla ad acquirente residente nella Unione Europea, chiediamo quale sia il corretto trattamento ai fini IVA?

Contabilità separata: come ripartire i costi promiscui per recuperare l’iva

Come determinare il criterio per recuperare iva detraibile nelle aziende con multiattività, alcune in regime di esenzione, altre di imponibilità

Contabilità separata: come ripartire i costi promiscui per recuperare l’iva

Frequentemente abbiamo riscontrato criticità nella gestione della contabilità separata, in quelle aziende con multiattività, alcune con ricavi in regime di esenzione iva (esempio attività sanitarie) ed altre imponibili (cessione beni o servizi). Le problematiche sono di due tipo, una inerente l’imputazione del costo alla sottoazienda corretta, l’altra inerente l’iva indetraibile per le attività con ricavi esenti, ed il recupero dell’iva detraibile sui beni e servizi comuni alle diverse sottoaziende.

IMPIANTO DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE ALIQUOTA IVA AGEVOLATA AL 10%

Come drenare liquidità ed applicare aliquota iva ridotta sia per impianti che opere realizzati verso la pubblica amministrazione

IMPIANTO DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE ALIQUOTA IVA AGEVOLATA AL   10%

MR. Luciano, quesito:  ho necessità di conoscere la corretta aliquota iva applicabile su acquisti, lavorazioni ed opere, sia nel privato che nel pubblico, inerenti impianti di depurazione delle acque. 


RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

Statistiche dei Visitatori

Free counters!

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top