Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

Se la segretaria è “a distanza” o “virtuale” il professionista paga l’IRAP?

Guida pratica all’outsourcing per professionisti ed imprese

Se la segretaria è “a distanza” o “virtuale” il professionista paga l’IRAP?

Quesito

Un professionista per l’organizzazione del proprio studio si avvale di un servizio di segreteria e telefonia esternalizzato attraverso la stipulazione di un contratto di outsourcing. In sostanza, ricorre  alla cosiddetta “segretaria virtuale”. In tal caso il contribuente sarà tenuto o no al versamento dell’IRAP?

Attenzione: per scoprire subito perché scegliere l’Outsourcing esternalizzando le vostre attività di supporto al Core Business, leggete la nostra guida dedicata all'Outsourcing per professionisti ed imprese!

Analisi normativa

Cos’è l’IRAP

IRAP è l’acronimo di Imposta Regionale sulle Attività Produttive il cui riferimento normativo fondamentale in materia è il Decreto Legislativo n°446/1997. Dall’articolo 2 del citato Decreto si ricava che i presupposti dell’imposta nel caso dell’IRAP sono essenzialmente tre:

  • esercizio abituale di un’attività autonomamente organizzata;
  • attività di produzione e scambio di beni e servizi;
  • attività esercitata dalle società e dagli enti, compresi gli organi e le amministrazioni dello Stato.

La peculiarità dell’IRAP è che tale imposta non colpisce le classiche grandezze economiche oggetto di imposizione fiscale ovvero reddito, patrimonio o consumo ma ha ad oggetto il “valore della produzione netta”, rappresentato dal valore aggiunto della produzione. Esso è costituito dalla differenza tra voce A e voce B dello schema di conto economico obbligatorio previsto dal codice civile al netto degli ammortamenti.

Soluzione della Cassazione

La Corte di Cassazione con sentenza n°9477/2017 ha chiarito se nell’ipotesi in cui il servizio di segreteria fornito al professionista con contratto di collaborazione esterna debba o meno ritenersi sussistente quel requisito, rilevante come uno dei presupposti perché scatti l’obbligo di versamento IRAP, che consiste nella sussistenza di un’autonoma struttura organizzativa esterna.

In particolare la Suprema Corte ha precisato quanto segue:

1) per potersi applicare la norma è necessario che la specifica capacità contributiva del professionista sia estesa e rafforzata da un’attività autonomamente organizzata, nel cui ambito assume rilievo anche la presenza di un solo dipendente. Ne consegue che, nonostante il contribuente non si avvalga di dipendenti, ma di collaboratori esterni e autonomi ingaggiati mediate la sottoscrizione di un contratto di servizi, ciò non esclude di per sé la ricorrenza di una sua autonoma struttura organizzativa assoggettabile ad IRAP, dovendosi invece valutare la qualità e quantità di tali collaborazioni;

2) l’auto-organizzazione del professionista è quindi un elemento essenziale per il versamento dell’imposta, ma non sufficiente, essendo altresì necessario un elemento organizzativo esterno, basato sull’esistenza di beni strumentali, sul ricorso a lavoro altrui e sull’apporto di capitale, anche in via tra loro alternativa;

3) in particolare il presupposto ex articolo 2 del Decreto Legislativo n°446/1997 di un’autonoma struttura organizzativa "esterna" ricorre allorché il professionista impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’"id quod plerumque accidit", il minimo indispensabile per l’esercizio dell'attività in assenza di organizzazione oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui, non essendo sufficiente l'assenza di limitazioni e controlli da parte di altri soggetti”(Casazione n°22468 del 04/11/2015);

4) quindi se la collaborazione è continuativa e rilevante, il fatto che il professionista si avvalga di tali servizi con un contratto di outsourcing (e non a mezzo di contratto di lavoro dipendente), non rileva ai fini del versamento dell’imposta;

5) anche il ricorso al lavoro di terzi per la fornitura di tutti i necessari servizi (dalla telefonia al segretariato) in forma considerevole e non occasionale, ma continuativa, integra il presupposto dell’esercizio abituale di una attività autonomamente organizzata, previsto dall'articolo 2, comma 1, del d.lgs. 15 dicembre 1997, n°446, non rilevando che la struttura posta a supporto e consolidamento dell’attività professionale del contribuente sia fornita da personale dipendente o da un terzo in forza di un contratto di fornitura (Cassazione 28/04/2010 n°101.5 05 - 02/2015 n°2099).

Conclusione

Ne consegue che nonostante il professionista non si avvalga di dipendenti, ma di collaboratori esterni ed autonomi ingaggiati mediate la sottoscrizione di un contratto di servizi, ciò non è ostativo alla ricorrenza di una sua autonoma struttura organizzativa assoggettabile ad IRAP, dovendosi invece valutare la qualità e quantità di tali collaborazioni. Se, dunque, tali prestazioni di servizi in outsourcing hanno carattere continuativo e rilevante, il professionista è tenuto a versare l’IRAP (l’Imposta sul Reddito per le Attività Produttive), rientrando la fattispecie nell’ipotesi di cui all’articolo 2 del d.lgs. n°446/1997.

 

Per esternalizzare la vostra contabilità ottenendo un Bilancio customizzato ed aggiornato in tempo reale in modo semplice, sicuro e conveniente con vantaggiosi risparmi fino al 30% o per richiedere un preventivo, visitate il nostro portale dedicato alla contabilità e consulenza del lavoro in outsourcing!

Per emergenze contattaci subito al NUMERO VERDE 800.19.27.52!

Forniamo assistenza tributaria/contabile/legale specializzata in tutt’Italia con la massima professionalità cortesia e serenità

Print
Avv. Giorgia Ardia

Avv. Giorgia ArdiaAvv. Giorgia Ardia

Legal Manager & Fiscal Editor presso Network Fiscale Srl a socio unico

Other posts by Avv. Giorgia Ardia

Full biography

Full biography

Titolo di avvocato

Qualifica professionale operatrice fiscale- tributaria

Formazione presso Diritto e Scienza Srl IQ

Scuola di Formazione Giuridica Avanzata

x
Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie Fiscali

Se la segretaria è “a distanza” o “virtuale” il professionista paga l’IRAP?

Guida pratica all’outsourcing per professionisti ed imprese

Se la segretaria è “a distanza” o “virtuale” il professionista paga l’IRAP?

Un professionista per l’organizzazione del proprio studio si avvale di un servizio di segreteria e telefonia esternalizzato attraverso la stipulazione di un contratto di outsourcing. In sostanza, ricorre alla cosiddetta “segretaria virtuale”. In tal caso il contribuente sarà tenuto o no al versamento dell’IRAP?

Com'è tassata la cessione di ramo d'azienda e come funzionano gli obblighi Iva della “parte” venduta ? Le istruzioni “in pillole” per cedente e cessionario.

Guida giuridico - fiscale cessione ramo di azienda 2017

Com'è tassata la cessione di ramo d'azienda e come funzionano gli obblighi Iva della “parte” venduta ? Le istruzioni “in pillole” per cedente e cessionario.

Con questa guida pratica illustriamo in pillole il trattamento fiscale che si applica alle ipotesi di cessione di ramo di azienda quindi quali imposte vanno pagate, con un focus di taglio operativo dedicato alle modalità di assolvimento degli obblighi Iva facenti capo al ramo ceduto, con le relative istruzioni.

Il collezionista che vende occasionalmente on – line (su ebay, o su aste on line et similia) opere d'arte, deve dichiarare al Fisco i proventi incassati? Se si, come verranno tassati?

Guida fiscale - tributaria all'acquisto e vendita di opere d'arte per imprese, professionisti, collezionisti e autori

Il collezionista che vende occasionalmente on – line (su ebay, o su aste on line et similia) opere d'arte, deve dichiarare al Fisco i proventi incassati? Se si, come verranno tassati?

Se il collezionista vende occasionalmente on – line, senza svolgere formalmente E – Commerce, opere d'arte appositamente acquistate, cosa succede a livello fiscale? Sarà soggetto ad avvisi di accertamento da parte dell'amministrazione finanziaria se non dichiara al Fisco i relativi proventi incassati?

Vendita di opere d'arte ricevute in eredità o donazione: il collezionista deve pagare le imposte sui guadagni incassati? Se si, quando?

Guida fiscale - tributaria all'acquisto e vendita di opere d'arte per imprese, professionisti, collezionisti e autori

Vendita di opere d'arte ricevute in eredità o donazione:  il collezionista deve pagare le imposte sui guadagni  incassati? Se si, quando?

La vendita di beni d'antiquariato o altre opere d'arte, ricevuti in eredità, da parte di un collezionista d'arte privato, costituisce reddito d'impresa tassabile ex art 55 TUIR ? Quando il soggetto che non dichiara i relativi proventi, potrà essere destinatario di avvisi di accertamento legittimamente emessi dal Fisco per il recupero delle imposte non versate? 

Bonus fiscali 2017 agricoltori “under 40” , abolizione IRPEF e finanziamenti per il “Made in Italy”: il Business del ritorno alla terra in primo piano

Guida alle agevolazioni fiscali agricoltura 2017

Bonus fiscali 2017 agricoltori  “under 40” , abolizione IRPEF e finanziamenti per il “Made in Italy”: il Business del ritorno alla terra in primo piano

La nuova legge di Bilancio 2017, in una linea di continuità con la scorsa legge di Stabilità che aveva abolito Imu e Irap agricola, ha introdotto diverse agevolazioni fiscali nel settore in questione, che si traducono in una grande opportunità per investire e fare Business in questo ambito, rilanciandolo sul mercato. In primis, balzano agli occhi il Bonus agricoltori 2017 , il taglio IRPEF ed i finanziamenti per il Made in Italy. Illustriamo una breve guida pratica per chi desidera aprire un'attività nel settore agricolo e quindi sogna il “ritorno alla terra”.

RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top