Cartella esattoriale notifica via pec nulla
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Arte & Fisco
  4. Fisco e Contenzioso
  5. Fisco Sport e Non Profit
  6. Fisco ed Agricoltura
  7. Fisco Editoria TV
  8. Tax Credit
  9. Lavoro
  10. E-Commerce
  11. Dogana
  12. Cibo proteico e fisco




Focus

Cartella esattoriale notificata via pec nulla

Ecco perché. Attenzione all’indirizzo del mittente!

Cartella esattoriale notificata via pec nulla

Come puoi verificare l’indirizzo pec dell’Agenzia delle entrate riscossione?

Dovrai accedere al registro pubblico degli indirizzi pec.  Esistono diversi registri. Si tratta di elenchi che contengono gli indirizzi pec (“domicili digitali”) di professionisti, enti e imprese, cioè di coloro che per legge sono chiamati ad eseguire e/o ricevere notifiche.

Per gli enti pubblici il registro di riferimento è l’IPA.

Gli uffici pubblici rientrano tra coloro che possono notificare per pec (D.P.R. 60/1973).

 

Notifica delle cartelle esattoriali via pec. Le modalità

Questo tipo di notifica, fin dalla sua introduzione, ha sollevato subito perplessità.

Il punto è che la legge (art. 60 DPR.600/73) ha esplicitato solo le caratteristiche che, per una valida notifica, deve avere l’indirizzo pec del destinatario, stabilendo che:

- per i soggetti obbligati ad avere un indirizzo di posta elettronica certificata da inserire nei pubblici registri (INIPEC) (ossia le società, imprese individuali e professionisti), l’ente dovrà inviare la pec all’indirizzo del destinatario risultante da tali registri;

- per i soggetti diversi la notificazione può essere eseguita all’indirizzo di posta elettronica certificata di cui sono intestatari.

L’indirizzo pec del mittente? La legge non ha specificato se deve essere registrato nei pubblici elenchi!

Da qui l’abitudine, di ogni ufficio territoriale, di inviare la pec tramite l’indirizzo, ad esempio, per gli uffici della Regione Lazio,  “notifica.acc.lazio@pec.agenziariscossione.gov.it”, che non risulta nel registro IPA. Similmente accade nelle altre Regioni (notifica.acc.campania@pec.agenziariscossione.gov.it; notifica.acc.sardegna@pec.agenziariscossione.gov.it e cosi via)

 

L’indirizzo ufficiale per eseguire le notifiche, presente in IPA è protocollo@pec.agenziariscossione.  

Quindi, la notifica, eseguita dall’ufficio in tal modo, è valida?

Su tutto il territorio nazionale, i contribuenti hanno segnalato questa prassi alle competenti Commissioni Tributarie, che hanno però espresso pareri divergenti, a causa dell’incertezza della legge.

Non a caso, l’Agente della riscossione si è a lungo difeso facendo leva sul DPR n. 602/73 (articolo 26) per il quale è richiesto espressamente che la sola pec del destinatario deve risultare nei registri pubblici, senza nulla chiarire per la pec del mittente. 

Perché questa abitudine dell’ufficio è contestabile? I contribuenti, ricevendo una pec, con richiesta di pagamento, da un indirizzo che non è presente nel registro internet, e come tale non è associato a quell’ufficio, sono legittimamente indotti essere a ritenere che si tratta di una mail truffa (phishing). Naturale, dunque, non aprirla e cancellarla.

Così il destinatario rischia di essere privato del diritto di contestare la cartella stessa entro i termini.

Cosa ne pensa la giurisprudenza più recente?

Le notifiche Pec dell’agente di Riscossore devono essere inviate da indirizzi di posta elettronica certificati estratti dai pubblici registri.

In caso contrario, la cartella è nulla (non ha effetti giuridici) e la notifica è inesistente.

A dirlo, non solo la suprema Corte di legittimità (Cass. n. 17346/2019 e n. 3093/2020) ma anche le Commissioni tributarie coinvolte nel merito dei ricorsi dei contribuenti. In particolare, la recente sentenza della CTR Lazio, n. 915 del 28 febbraio 2022 esclude che, allo stato attuale, il silenzio della legge, possa essere interpretato a vantaggio dell’Agenzia delle entrate riscossione.  

L’interpretazione giurisprudenziale colma la lacuna normativa creata dal DPR 600/73, in modo coerente e logico, in linea con la principale normativa di riferimento delle Pubbliche Amministrazioni: il Codice dell’Amministrazione Digitale, “CAD” (D.Lgs. n. 82/2005).

Il CAD chiarisce che le Pubbliche Amministrazioni, (quindi anche l’Agenzia delle entrate riscossione), per le notifiche, devono utilizzare gli indirizzi PEC presenti nei pubblici registri.  

In sintesi:

-  non è sufficiente che siano estratti, da tali registri, solo gli indirizzi del soggetto destinatario, ma devono essere estratti, sempre da tali indici, anche gli indirizzi dei soggetti mittenti la PEC.

-  l’assenza dell’indirizzo pec nei registri pubblici è contestabile e, secondo la CTP di Roma (sentenza n. 2799/2020), l’impugnazione della cartella non è una condotta che sana tale vizio.

Ecco perché è utile, prima di pagare, accertare se la PEC mittente appartiene all’elenco degli ammissibili!

 

Cosa fare?

Chi riceve un’e-mail con una richiesta di pagamento da parte di Agenzia Entrate o Agenzia Entrate Riscossione deve:

- collegarsi al sito istituzionale dell’Ente da cui proviene la missiva e verificare se l’indirizzo Pec è quello effettivo;

- verificare che l’indirizzo sia contenuto nei registri pubblici degli indirizzi Pec (esempio IPA).

Se l’indirizzo da cui proviene la cartella esattoriale non è nell’elenco dell’IPA, è possibile impugnare l’atto.

Come impugnare la cartella esattoriale

Per contestare la cartella esattoriale è previsto il termine di 60 giorni dal ricevimento della PEC. Lo strumento a disposizione è il ricorso da presentare al giudice competente:

- Commissione Tributaria Provinciale, per cartelle riferite a mancato pagamento di imposte (Irpef, Imu, Iva, Tari, bollo auto, ecc.);

- Giudice di Pace se la cartella è riferita a multe stradali o a sanzioni amministrative;

- Tribunale ordinario - sezione lavoro, se la cartella è riferita all’omesso versamento di contributi Inps o Inail.

Per il buon esito della procedura è consigliabile rivolgersi a un commercialista (quando la competenza è della Commissione tributaria) oppure ad un avvocato. 

Ad ogni modo, la consulenza di un commercialista è necessaria per valutare ogni altra strategia alternativa da intraprendere, tenuto conto della tipologia ed entità della cartella e, soprattutto, alla luce della complessiva posizione debitoria del cliente.

 

Hai ricevuto cartelle esattoriali? Contattaci per verificare insieme ai nostri esperti le strategie di difesa più utili al tuo caso.

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x

Archivio Fiscale

Cartella esattoriale notificata via pec nulla

Ecco perché. Attenzione all’indirizzo del mittente!

Cartella esattoriale notificata via pec nulla

Quando non paghi le imposte, multe, sanzioni amministrative, contributi Inps, l’Agenzia delle entrate e riscossione, può, per legge, notificarti le cartelle esattoriali, gli avvisi e gli altri atti, anche tramite posta elettronica certificata (pec).

La pec, per gli uffici pubblici è un mezzo di notifica più tecnologico e rapido rispetto l’invio tramite ufficio postale. Ma l’Agente della riscossione deve comunque rispettare date modalità di invio, altrimenti la cartella via pec può dirsi nulla e potrai non pagarla. Come?

Se hai appena ricevuto una pec con una cartella esattoriale o altro atto, prima di concentrarti sul contenuto, presta attenzione al mittente. Questo particolare può rendere nulla la notifica della tua cartella.   

Come registrare un contratto preliminare e quali imposte pagare?

Imposta di registro e Iva in caso di caparra e acconto

Come registrare un contratto preliminare e quali imposte pagare?

Come ogni contratto, anche il contratto preliminare richiede l’osservanza di date formalità. Ecco una guida ai principali adempimenti, in particolare alla registrazione del preliminare in Agenzia delle entrate e alle imposte dovute.

Info sul Quadro RP: elenco degli oneri e delle spese detraibili e deducibili per Unico Persone Fisiche 2022 su redditi 2021

Guida alla dichiarazione dei redditi quali documenti inviare al commercialista

Info sul Quadro RP: elenco degli oneri e delle spese detraibili e deducibili per Unico Persone Fisiche 2022 su redditi 2021
spese veterinarie, quadro RP, detrazioni, Elenco spese deducibili, elenco oneri detraibili, unico spese deducibili, spese medice, figlio a carico, deduzioni, reddito minimo, guida alla dichiarazione dei redditi, dichiarazione dei redditi 2021, elenco oneri detraibili unico pf 2021, denuncia dei redditi 2021, 

Società benefit e certificazione B Corp

Come ottenere la certificazione B Corp e che cos’è

Società benefit e certificazione B Corp

Spesso il termine B-Corp viene associato alle Benefit Corporation (o Società Benefit), che però non sono propriamente la stessa cosa. “Benefit Corporation” è una forma giuridica legalmente riconosciuta che un’azienda può assumere, mentre il termine B-Corp indica una certificazione volontaria e ufficiale che viene rilasciata dopo la misurazione di alcune performance.

In definitiva si può essere Società benefit pur non avendo la certificazione B-Corp e viceversa.

Società benefit: guida agli adempimenti

Quali sono gli adempimenti per diventare e mantenere lo status di società benefit. Perché diventare società benefit?

Società benefit: guida agli adempimenti

Le società benefit (SB) sono state introdotte dalla legge n. 208/2015 (Commi 376-384). Per soddisfare i requisiti di trasparenza richiesti dalla legge, sono tenute ad “obblighi di reportistica”: redigere la Relazione benefit da allegare al bilancio e pubblicarla sul sito aziendale.

Breve guida operativa destinata alle Società Benefit italiane, utile ad approfondire questi aspetti e i vantaggi di diventare SB.

RSS

Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top