Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Focus

CASSA: Quando è alta o negativa l'impianto contabile è inattendibile

e causa di avvisi di accertamento

CASSA: Quando è alta o negativa l'impianto contabile è inattendibile

CASSA: quando è alta o negativa la contabilità risulta inattendibile e causa di accertamento in capo società e persone

 

Molti accertamenti trovano la propria origine da controlli effettuati sul mastro della cassa. Quando risulta eccessivamente alto rispetto alla tipologia di attività o negativo anche per un solo giorno dell’anno, l’impianto contabile diventa inattendibile e gli uffici finanziari sono legittimati ad avviare accertamenti con metodo induttivo in capo sia alla società che alla persone del titolare e/o altri soci.

Forniamo alcuni spunti interessati per effettuare controlli interni  salutari e preventivi:

ü  la cassa non può mai essere negativa, l’Agenzia delle Entrate sulla base dell’art. 39 del D.P.R. 600/1973 potrebbe nel caso di prelievi maggiori degli introiti presumere l’esistenza di ricavi non contabilizzati in misura almeno pari al disavanzo;

ü  l'importo della cassa non deve mai essere elevato, tenuto conto della natura dell’attività svolta; se si ricevono assegni è buona norma farlo risultare nelle scritture contabili (Cassa ad assegni);

ü  pagamenti di fatture di importi elevati non devono mai essere passati per cassa;

ü consistenti movimenti di cassa possono dare la possibilità al fisco di presumere inattendibili le scritture contabili e/o presumere che versamenti e prelievi nascondono ricavi non contabilizzati;

ü  quando la “cassa” è  elevata gli uffici fiscali possono non riconoscere la deducibilità  degli interessi passivi bancari o peggio considerare la contabilità inattendibile, o il denaro ripartito tra i soci, assegnato o utilizzato dall'amministratore;

ü  la  cassa  non  deve  comprendere  i sospesi di cassa;  occorre  quindi regolarizzare  prima  della  chiusura dell'esercizio. Non vanno comprese le cambiali attive in portafoglio compilate (vanno se non compilate);

ü le valute estere esistenti in cassa si valutano al cambio del giorno di chiusura, con imputazione dell’utile o della perdita a c.e. (Oic n. 26).

 

La  contabilità  inattendibile  può  far  scattare  l’accertamento  induttivo  (art.  39 D.P.R. 600/73;  art.  55 D.P.R. 633/72;  Cass.  Sent.24509/2009).

 

CONSIGLIATO: prestare particolare attenzione ai prelievi di cassa ingiustificati da parte dell’amministratore. La Corte di Cassazione, con la sentenza  n. 8820/2011, alla luce delle modifiche introdotte alla Legge fallimentare dal D.lgs n. 6/2006, ha affrontato il tema in materia di reato di bancarotta fraudolenta nel caso di prelievi di cassa di un amministratore di una società poi dichiarata fallita. Si palesa in tal caso la bancarotta fraudolenta per l’amministratore di società. E’ bene controllare periodicamente l’andamento di tale conto ed evitare che gli interventi dei soci o del titolare siano palesemente finalizzati ad evitare saldi negativi, incoerenti con le finalità aziendali o non congrui con le capacità economiche dei soci.

 










Contattaci per un intervento una tantum finalizzato ad un check dello stato di salute dell’impianto contabile, prevenire controlli e tutelare la tua azienda







 


Print

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Other posts by Dott. Alessio Ferretti

Contact author

Name:
Email:
Subject:
Company:
City:
Telephone:
Mobile:
Website:
Message:
x

Notizie Fiscali

CASSA: Quando è alta o negativa l'impianto contabile è inattendibile

e causa di avvisi di accertamento

CASSA: Quando è alta o negativa l'impianto contabile è inattendibile

Molti accertamenti trovano la propria origine da controlli effettuati sul mastro della cassa. Quando risulta eccessivamente alto rispetto alla tipologia di attività o negativo anche per un solo giorno dell’anno, l’impianto contabile diventa inattendibile e gli uffici finanziari sono legittimati ad avviare accertamenti con metodo induttivo in capo sia alla società che alla persone del titolare e/o altri soci. 

 

RSS

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

Statistiche dei Visitatori

Free counters!

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top