Fisco e debiti: cartelle esattoriali e novità 2022
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Arte & Fisco
  4. Fisco e Contenzioso
  5. Fisco Sport e Non Profit
  6. Fisco ed Agricoltura
  7. Fisco Editoria TV
  8. Tax Credit
  9. Lavoro
  10. E-Commerce
  11. Dogana




Focus

Fisco e debiti: cartelle esattoriali novità 2022

Stop al pagamento degli oneri di riscossione e proroga 180 giorni per pagare!

Fisco e debiti: cartelle esattoriali novità 2022

Cartelle esattoriali 2022 stop agli oneri di riscossione.

Gli oneri di riscossione sono il compenso che i contribuenti, destinatari di cartelle esattoriali, devono pagare all’Agente della riscossione (AER) per la propria attività di recupero dei tributi dovuti e non versati allo Stato.

La Legge di bilancio 2022 (L. 234/2021) ha eliminato gli oneri di riscossione limitatamente ai carichi affidati all'ente esattore dopo il 1° gennaio 2022, come comunicato anche da AER.

L’Agenzia delle entrate con comunicato del 18 gennaio 2022  ha approvato il nuovo modello di cartella di pagamento che non recherà più il riferimento agli oneri di riscossione a carico del debitore.  

Resteranno però ancora a carico del debitore le spese:

- di procedure esecutive e cautelari;

- di notifica della cartella di pagamento e di eventuali ulteriori atti di riscossione.

Inoltre, per le ipotesi di riscossione spontanea non è più dovuta, dal debitore, la quota pari all’1% delle somme iscritte a ruolo.

Per i carichi affidati fino al 31 dicembre 2021 (indipendentemente dalla data di notifica che potrà avvenire anche successivamente), gli agenti della riscossione useranno il precedente modello di cartella che addebita gli oneri di riscossione al contribuente.

Proroga a 180 giorni del termine per pagare.

Il decreto fiscale (D.L. n. 146/2021 convertito dalla legge n. 215/2021) e la legge di Bilancio per il 2022 prolungano da 60 a 180 giorni il termine per il pagamento delle cartelle esattoriali.

In particolare:

-      il decreto fiscale fissa a 180 giorni dalla notifica il termine per pagare le cartelle notificate dal 1° settembre al 31 dicembre 2021;

-      la legge di Bilancio 2022 prevede 180 giorni per pagare le cartelle notificate dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022.

Durante i 180 giorni dalla notifica l’Agente della riscossione non potrà agire per il recupero del debito iscritto a ruolo (pignoramenti) o promuovere azioni cautelari (fermi, ipoteche) e non decorreranno interessi di mora (Agenzia delle Entrate-Riscossione, FAQ n. 1 al decreto Fisco-Lavoro).

Esempio:

Per la cartella di pagamento notificata il 1° settembre 2021 avremo termine sino al 28 febbraio 2022 (180 giorni dalla notifica) per versare le somme. Fino a tale termine non decorreranno gli interessi di mora e l’Agente della riscossione non potrà dare corso alle attività di recupero del debito.  


Oneri di riscossione, cartelle affidate in carico fino al 31 dicembre e proroga del pagamento.

Per le cartelle che ci sono state notificate nell’anno 2021 e che ci verranno notificate sino al 31 marzo 2022 abbiamo diritto alla proroga 180 giorni per pagare.

E gli oneri di riscossione? Se la cartella è stata affidata in carico (a prescindere dalla data di notifica) fino al 31 dicembre 2021 andranno pagati.

Il pagamento a 180 giorni (oltre il termine ordinario di 60 giorni)  può comportare il versamento degli oneri di riscossione in misura doppia? La risposta è no, come chiarito dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione per la quale il differimento del termine di pagamento vale anche ai fini degli oneri di riscossione, che si applicheranno, quindi, nella misura prevista (pari al 3%) anche se il pagamento avviene tra il 61° e il 180° giorno.

Non vi è rischio che il pagamento oltre 60 giorni delle cartelle notificate dal 1° settembre 2021 al 31 marzo 2022 (ove il carico sia stato affidato all’Agente della Riscossione entro il 31 dicembre 2021) possa comportare il versamento degli oneri di riscossione in misura doppia. Né durane i 180 giorni saranno applicati interessi di mora.

In assenza di ulteriori interventi da parte dell'esecutivo, la scadenza del pagamento delle cartelle esattoriali notificate a partire dal 1° aprile 2022 in poi tornerà ai consueti 60 giorni dalla notifica.

Semplifichiamo con una veloce tabella.

Data di notifica

Termine per pagare

Oneri di riscossione

Dal 1° settembre 2021 fino al 31 marzo 2022

180 giorni dalla notifica

 

Dovuti al 3% solo se la cartella è stata affidata in carico fino al 31 dicembre 2021, a prescindere dalla data della notifica.

Dal 1° aprile 2022

60 giorni dalla notifica

 

E altri atti esecutivi della riscossione?

La Legge di bilancio 2022 e il decreto Fisco si riferiscono alle sole cartelle di pagamento, senza estendere la previsione di legge agli altri atti esecutivi (accertamenti esecutivi ex art. 29 del D.L. n. 78/2010).

Inoltre non si considerano le comunicazioni di irregolarità (avvisi bonari) né i piani di rateazione risultanti da accordi con il Fisco (accertamento con adesione, acquiescenza, conciliazione giudiziale, transazione fiscale).

La proroga a 180 giorni vale anche per i termini di impugnazione delle cartelle?

No. Avremo più tempo per pagare ma non per proporre il ricorso avverso la cartella, che resta sempre di 60 giorni dalla notifica! Anche in questo caso il Governo ha pensato la proroga per i soli termini di pagamento delle cartelle notificate tra il 2021 e il 31 marzo 2022 e non anche per i termini di impugnazione.

La rateizzazione delle cartelle 2022.

Per le cartelle notificate dal 1° gennaio 2022 non sono più in vigore le misure straordinarie favorevoli adottate dai vari decreti emergenziali durante la pandemia in materia di rateizzazione.

Si torna alle più gravose regole ordinarie:

-      se non si pagano 5 rate (prima 10) si decade dal piano di rateazione;

-     torna a 60.000 euro (prima 100.000 euro) la soglia di debito per pagare a rate. Per i debiti oltre soglia sarà necessario produrre i documenti che attestino lo stato di difficoltà economica.

 

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x

Notizie ed aggiornamenti nel contenzioso tributario

Fisco e debiti: cartelle esattoriali novità 2022

Stop al pagamento degli oneri di riscossione e proroga 180 giorni per pagare!

Fisco e debiti: cartelle esattoriali novità 2022

Dal 1° settembre del 2021 è ripresa l'attività di notifica delle cartelle esattoriali, dopo 18 mesi di blocco varato dal governo vista la crisi economica da pandemia Covid 19. 

La pandemia però non rallenta e neanche i debiti con il Fisco. Lo stato di emergenza sanitaria prosegue e il governo ha introdotto importanti novità a sostegno dei contribuenti in difficoltà economica. 

ARTICOLO 30 DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ LAVORATORI DEL SETTORE AGRICOLO

Analisi dell’articolo 30 del decreto Cura Italia che prevede un’indennità per i lavoratori del settore agricolo con contratto a tempo determinato

ARTICOLO 30 DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ LAVORATORI DEL SETTORE AGRICOLO

L’articolo 30 del decreto “cura Italia” al primo comma prevede che agli operai agricoli, assunti con contratto a tempo determinato e non titolari di pensione, che nel 2019 hanno effettuato almeno 50 giornate effettive di lavoro agricolo, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari ad € 600,00; questa indennità non concorre alla formazione del reddito ai sensi del decreto del presidente della repubblica del 22 dicembre 1986 n. 917.

I PERMESSI LEGGE 104 DURANTE IL CORONAVIRUS

Analisi delle modifiche apportate dal decreto “Cura Italia” ai permessi legge 104

I PERMESSI LEGGE 104 DURANTE IL CORONAVIRUS

Con il decreto “cura Italia” Il Governo ha deciso di venire incontro anche ai cittadini lavoratori invalidi e alle loro famiglie, estendendo i permessi legge 104, che passano dagli attuali 3 giorni al mese a 12 giorni cumulativi per i mesi di marzo e aprile.

MODULO DI AUTODICHIARAZIONE PER GLI SPOSTAMENTI

Aggiornato al 17.03.2020 valido su tutto il territorio Nazionale

MODULO DI AUTODICHIARAZIONE PER GLI SPOSTAMENTI

In allegato il nuovo modello di autodichiarazione necessario per gli spostamenti su tutto il territorio nazionale aggiornato al 17.03.2020.

EMERGENZA PARTITE IVA AUTONOMI E GESTIONE SEPARATA - COVID 19

Cosa afferma il "Decreto Cura Italia"

  • 17 marzo 2020
  • Autore: Federica Bocale
  • Numero di visualizzazioni: 12499
  • Commenti
EMERGENZA PARTITE IVA AUTONOMI E GESTIONE SEPARATA - COVID 19

In attesa della pubblicazione del nuovo Decreto sulla Gazzetta Ufficiale, la bozza di quest’ultimo comprende un provvedimento corposo ad ampio raggio, con interventi di sostegno per famiglie e imprese, ma anche medici e lavoratori.

RSS

Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top