30.7 C
Rome
mercoledì 12 Giugno 2024

Redditometro 2024: guida completa e aggiornata

Il Redditometro è uno strumento di controllo fiscale utilizzato dall’Agenzia delle Entrate per individuare i contribuenti che, pur avendo una capacità di spesa non congrua con il reddito dichiarato, non pagano le tasse correttamente.

In questa guida completa e aggiornata al 2024, illustreremo il funzionamento del Redditometro, i criteri di selezione dei contribuenti, le verifiche effettuate dall’Agenzia delle Entrate e le possibili conseguenze per chi non risponde correttamente alle richieste di chiarimenti.

Come funziona il Redditometro

L’Agenzia delle Entrate incrocia i dati presenti nel proprio archivio con quelli provenienti da fonti esterne, come banche, società di carte di credito, enti locali e gestori di servizi pubblici.

In particolare, vengono analizzate le spese sostenute dai contribuenti, tra cui:

  • Acquisti di beni immobili: l’Agenzia delle Entrate verifica se il contribuente ha acquistato immobili negli ultimi anni e se il prezzo di acquisto è congruo con il reddito dichiarato.
  • Acquisti di autoveicoli: l’Agenzia delle Entrate verifica se il contribuente ha acquistato autoveicoli negli ultimi anni e se il costo dell’autoveicolo è congruo con il reddico dichiarato.
  • Spese con carta di credito: l’Agenzia delle Entrate verifica le spese effettuate con carta di credito dal contribuente, come viaggi, ristoranti e alberghi.
  • Canoni di locazione: l’Agenzia delle Entrate verifica se il contribuente paga canoni di locazione elevati rispetto al reddito dichiarato.
  • Utenze domestiche: l’Agenzia delle Entrate verifica l’ammontare delle utenze domestiche del contribuente, come luce, gas e acqua.

 

Criteri di selezione dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate seleziona i contribuenti da sottoporre a controllo con il Redditometro sulla base di una serie di criteri, tra cui:

  • Elevata discrepanza tra reddito dichiarato e capacità di spesa: se la capacità di spesa del contribuente è significativamente superiore al reddito dichiarato, l’Agenzia delle Entrate lo seleziona per un controllo con il Redditometro.
  • Acquisti di beni di lusso: se il contribuente ha acquistato beni di lusso, come auto di grossa cilindrata o immobili di pregio, l’Agenzia delle Entrate lo seleziona per un controllo con il Redditometro.
  • Frequenti viaggi all’estero: se il contribuente effettua frequenti viaggi all’estero, l’Agenzia delle Entrate lo seleziona per un controllo con il Redditometro.
  • Posesso di barche o yacht: se il contribuente possiede barche o yacht, l’Agenzia delle Entrate lo seleziona per un controllo con il Redditometro.

 

Verifiche effettuate dall’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, una volta selezionato il contribuente, invia una comunicazione in cui richiede di fornire chiarimenti sulle spese sostenute. Il contribuente è tenuto a rispondere alla comunicazione entro il termine indicato, fornendo all’Agenzia delle Entrate la documentazione che giustifica le spese.

L’Agenzia delle Entrate può incrociare i dati forniti dal contribuente con quelli in proprio possesso e con quelli provenienti da altre fonti. Se dalle verifiche emerge che il contribuente non ha dichiarato correttamente i propri redditi, l’Agenzia delle Entrate può avviare un accertamento fiscale e contestare le maggiori imposte dovute, oltre alle sanzioni.

Conseguenze per chi non risponde alle richieste di chiarimenti

Il contribuente che non risponde alle richieste di chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate entro il termine indicato, o che fornisce documentazione non idonea a giustificare le spese sostenute, può subire le seguenti conseguenze:

  • Accertamento fiscale: l’Agenzia delle Entrate può avviare un accertamento fiscale per contestare i maggiori redditi non dichiarati e le relative imposte dovute.
  • Sanzioni: l’Agenzia delle Entrate può applicare le sanzioni previste per la mancata o irregolare presentazione della documentazione e per l’omessa o insufficiente dichiarazione dei redditi.
  • Iscrizione all’elenco dei contribuenti infedeli: l’Agenzia delle Entrate può iscrivere il contribuente all’elenco dei contribuenti infedeli, con conseguenze negative per l’accesso al credito e ad altri benefici.

 

Consigli per evitare il Redditometro

Per evitare di essere selezionati per un controllo con il Redditometro e incorrere nelle relative sanzioni, è consigliabile seguire alcuni consigli:

  • Dichiarare correttamente i propri redditi: è fondamentale dichiarare tutti i redditi percepiti, anche quelli derivanti da attività non ufficiali o da lavoro nero.
  • Conservare la documentazione che giustifica le spese: è importante conservare la documentazione che giustifica le spese sostenute, come fatture, scontrini e ricevute.
  • Evitare di effettuare pagamenti in contanti per importi elevati: i pagamenti in contanti per importi elevati possono attirare l’attenzione dell’Agenzia delle Entrate.
  • Utilizzare carte di credito prepagate per le spese online: l’utilizzo di carte di credito prepagate per le spese online può garantire una maggiore riservatezza.
  • Non ostentare il proprio tenore di vita: è consigliabile evitare di ostentare il proprio tenore di vita sui social network o attraverso acquisti di beni di lusso eccessivi.

 

In caso di dubbi

In caso di dubbi su come compilare la dichiarazione dei redditi o su come giustificare le proprie spese, è consigliabile consultare un professionista, come un commercialista o un consulente fiscale.

Conclusione

Il Redditometro è uno strumento di controllo fiscale importante per contrastare l’evasione fiscale. Tuttavia, è importante per i contribuenti essere informati sul suo funzionamento e adottare le opportune cautele per evitare di incorrere in sanzioni.

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Valeria Ceccarelli

Mi occupo di realizzazioni grafiche digitali e cartacee. 

Sono la responsabile della comunicazione e della sponsorizzazione di Commercialista.it e di altre aziende in diversi ambiti. 

Ho collaborato come editor per diversi volumi aziendali e biografici. 

Attualmente sono laureanda in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Unicusano di Roma.

Profilo completo e Articoli Valeria Ceccarelli

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli