La legge sui c.d. “imbullonati” (legge n. 208/2015): un’azienda in provincia di Roma se ne sta giovando da 2 anni. Aggiornamento su udienza del 20.9.2023

0
19505

Che cosa può essere escluso e incluso dalla stima della rendita catastale? 

(a fine articolo aggiornamento su udienza del 20.9.2023)

Ad Ariccia, un’azienda, che opera nel settore dell’editoria, ha visto prima rigettare la proposta di rendita che teneva conto della nuova disposizione, per poi ottenere il riconoscimento delle proprie ragioni dal giudice tributario (sentenza n. 12070/21 Commissione Tributaria provinciale di Roma, sezione 30). 

La legge sui c.d. “imbullonati” (legge n. 208/2015): un’azienda in provincia di Roma se ne sta giovando da 2 anni“A fine 2018 il cliente aveva depositato, con proprio tecnico, una proposta di variazione della rendita catastale ai sensi dell’art. 1, comma 21 della legge 208/2015 (legge di stabilità 2016)”. A parlarcene è l’avv. Stefano Rossi, legale dell’azienda ricorrente, che aggiunge: “la legge citata stabilisce che gli elementi stabilmente ancorati a terra, quali i macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti funzionali allo specifico processo produttivo, all’interno di immobili a categoria speciale (catastalmente D ed E), devono essere scorporati dalla stima dei calcoli della rendita. Tale scorporo delle componenti impiantistiche dalla superficie utile per il calcolo della rendita catastale comporta una sensibile riduzione della rendita catastale stessa”. Ed è infatti quanto riportato anche in sentenza.

Le variazioni in ambito catastale avvengono con deposito DOCFA, tramite tecnici iscritti agli albi professionali.  “Lo stesso tecnico che curò il deposito a fine 2018 ci ha fornito tutti gli elementi tecnici utili per portare avanti questo contenzioso nei confronti dell’Agenzia del territorio” dichiara sempre l’Avv. Stefano Rossi. 

Ripercorrendo i fatti dal 2018 ad oggi, l’azienda, insieme all’affittuario dell’Immobile, a fine 2019 si vedevano rigettare il DOCFA con la proposta di variazione del 2018. Immediatamente il tecnico depositò un ricorso in autotutela, anch’esso rigettato: l’Agenzia delle entrate non prendeva in considerazione la norma sugli imbullonati del 2015 nell’esame del DOCFA, e quindi ometteva di considerare la consistenza di tutte le componenti ancorate a terra necessarie al ciclo produttivo, da scomputare dalla rendita catastale come previsto dalla legge del 2015.

Rendita su cui – è bene ricordare – vengono calcolate proporzionalmente alcune imposte statali. A quel punto l’azienda si è trovata costretta a ricorrere presso il Giudice tributario ottenendo una significativa vittoria a fine 2021, alla quale però ora l’Agenzia delle Entrate si è opposta in appello: il prossimo 20 settembre, data dell’udienza, se ne saprà di più.

AGGIORNAMENTO: con sentenza 5450/23 del 3.10.2023 è stato rigettato il ricorso in appello dell’Agenza delle Entrate. La Corte di Giustizia Tributaria di secondo grado del LAZIO Sezione 17, ha sostanzialmente sancito che la  legge 208/2015 è stata correttamente applicata dal tecnico: “Invero la Corte ritiene condivisibile l’iter logico argomentativo del primo Giudice laddove evidenzia che non è stato oggetto di contestazione specifica in primo grado l’effettiva superficie del capannone adibito ad attività tipografica in Ariccia, ma l’applicabilità al caso di specie della legittimità dello scorporo degli impianti ai fini produttivi presenti, e ciò ai fini dell’applicazione dell’art. 1 comma 21 L. n.208/2015. Nè è ammissibile in questa sede estendere il thema decidendum, come vorrebbe l’Agenzia, introducendo un tema nuovo quale un calcolo diverso della superficie, riducendo il valore catastale mai oggetto di contestazione in prime cure.” 

 

 

Previous articleStudio Legale Roberto Pusceddu & Partners entra nell’orbita di Commercialista.it
Next articleCreatività Verde: Il Garden Designer, l’Architetto del Mondo Naturale
Emiliano Bombardieri  nasce a Marino, Castelli Romani, nel 1983; dopo il Diploma al Liceo Linguistico J.Joyce di Ariccia, si laurea in Architettura degli Interni presso la Facoltà La Sapienza di Roma; si iscrive all’ albo degli Architetti di Roma nel 2010. Durante gli studi matura esperienze lavorative in Austria. Tra il 2008 e inizi 2010 è in Spagna: lavora nell’ ambito dei tessuti in uno degli outlet di Pepe Peñalver a Madrid. Artigiano e Architetto. Progettazione e auto-produzione: massima attenzione al particolare, alla materia e alla forma. Utilizza le materie naturali,  locali, di recupero. Quindi arredo, complementi e oggettistica, il tutto a costituire spazi e ambienti unici. Un proprio stile che spazia dal vintage, all’industriale: porre sempre e ovunque l’attenzione alla preesistenza, alla memoria dei luoghi, contestualizzando sempre ogni intervento. Preservare e tutelare, un pensiero costante che ha accompagnato la sua crescita umana prima e professionale poi.   Negli anni si susseguono allestimenti e progettazioni. Casa, ma anche spazio lavoro, uffici. Nel 2012 è la volta degli spazi di rappresentanza del Lanificio159. Con le sue produzioni partecipa a mercati artigianali Casale delle Cervelletta a Roma, passando per i Festival del Riciclo ai Castelli Romani, a proprie produzioni esposte presso le Scuderie Estensi a Tivoli. Cura l’apertura dell’ ArtSaloon Galery ad Ariccia, dove sono esposte alcune delle sue lampade in maniera permanente. Realizza, progetta, e compone presso il suo Laboratorio-Studio ai Castelli Romani. E costante la sua  collaborazione con aziende produttrici di sistemi integrati per i layout interni di spazi lavoro ed uffici: dal fine 2006 ad inizi 2008 è in forza presso l’Ardeco’,  Via Cristoforo Colombo, Roma, oggi Ardeco Group. Dal 2010 al 2016 cura la progettazione e la gestione dei cantieri per conto della Mdesign srl su Roma e centro Italia.  Dal 2016 svolge la sua professione di architetto per interni e artigiano: case private, progetti di ristrutturazione, ma anche sicurezza e pratiche d’edilizia. Qui  potete trovare quanto sino ad oggi realizzato.