25.1 C
Rome
giovedì 16 Maggio 2024

Nuovo bando 2023: la Camera di Commercio di Cagliari – Oristano incentiva lo sviluppo imprenditoriale nei piccoli comuni sardi

Cos’è

Il bando incentivi per insediamento nuove attività nei piccoli comuni sostiene e incentiva lo sviluppo imprenditoriale (apertura di un’attività/unità locale o il trasferimento d’azienda) nei territori dei Comuni della Sardegna aventi, alla data del 31 dicembre 2020, una popolazione inferiore ai 3 mila abitanti.

L’area oggetto di agevolazione

I territori dei Comuni della Sardegna aventi, alla data del 31 dicembre 2020, una popolazione inferiore ai 3 mila abitanti, di cui all’allegato fornito dal sito della CCIAA di Cagliari  e Oristano.

I beneficiari

Gli aiuti sono riservati ai seguenti soggetti:

– le nuove micro, piccole e medie imprese (MPMI) e i lavoratori autonomi e liberi professionisti che cioè, sono nati e hanno aperto un’attività tra 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, in uno dei Comuni della Sardegna aventi una popolazione inferiore ai 3 mila abitanti alla data del 31 dicembre 2020;

– le già attive micro, piccole e medie imprese (MPMI) e i lavoratori autonomi e liberi professionisti che, dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, hanno aperto una unità locale o trasferito la sede dell’azienda o dell’attività in uno dei Comuni della Sardegna aventi una popolazione inferiore ai 3 mila abitanti alla data del 31 dicembre 2020.

Con riferimento ai lavoratori autonomi e liberi professionisti faranno fede le comunicazioni effettuate all’Agenzia delle Entrate dal 01/01/2022 al 31/12/2022.

Ulteriori requisiti dei beneficiari

Per accedere al bando è necessario:

– essere regolarmente costituti ed iscritti nel Registro delle Imprese e/o REA ed essere attivi (nel caso di MPMI);

– essere possessori di partita iva correttamente registrata nell’Anagrafe tributaria ed essere attivi (nel caso di lavoratori autonomi e liberi professionisti);

 – avere un indirizzo PEC valido e attivo;

 – essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;

 – essere in regola con gli adempimenti relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali o agli obblighi fiscali e tributari, secondo la legislazione vigente;

– non essere stati destinatari, nei tre anni precedenti la presentazione delle domande di accesso, di provvedimenti di revoca totale delle agevolazioni concesse dalla Regione Sardegna;

– non rientrare tra i beneficiari che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato contributi pubblici di qualsiasi natura per i quali sia stata adottata una decisione di recupero;

 – non essere incorsi in sanzioni interdittive ovvero di esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e nell’eventuale revoca di quelli già concessi;

 – non sussistono, a qualsiasi titolo, nei confronti dell’Amministrazione Regionale crediti dichiarati inesigibili negli ultimi cinque anni o, comunque, non totalmente recuperati;

– essere in regola con il pagamento del diritto annuale (nel caso di MPMI – per le imprese già operanti la regolarità deve riferirsi al biennio 2021/2022);

– l’attività realizzata non comporta elementi di rischio sotto il profilo della sostenibilità ambientale o, nel caso ne determinasse, sono previsti appositi interventi di mitigazione;

 – l’attività realizzata è in grado di garantire le pari opportunità e la non discriminazione.

La misura dell’aiuto

L’agevolazione sarà concessa nella forma del contributo a fondo perduto, quantificato in:

 – euro 15.000,00 per la nuova apertura di un’attività o unità locale o per il trasferimento dell’azienda o dell’attività nel territorio oggetto dell’agevolazione;

euro 20.000,00 nel caso in cui l’avvio o il trasferimento d’azienda o dell’attività abbia determinato un incremento dell’occupazione, inteso come nuove assunzioni a tempo pieno indeterminato o determinato (per almeno 12 mesi dalla data di assunzione). Sono esclusi i contratti part-time e tutte le altre forme di lavoro diverse dal lavoro dipendente.

L’incentivo sarà erogato in base all’ordine cronologico di arrivo delle domande (numero e data di protocollo) e sullo stesso verrà applicata la ritenuta a titolo di acconto pari al 4% del contributo.

Come presentare domanda

I soggetti in possesso dei requisiti possono presentare una sola domanda e avranno diritto ad un solo contributo.

La domanda deve essere presentata in via telematica, tramite la piattaforma RESTART, nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà.

Per l’invio sono necessari:

  • lo spid per entrare nella piattaforma;
  • la visura camerale e il documento di identità;
  • l’iban sul quale sarà effettuato il bonifico;
  • indirizzo pec.

Per la compilazione della domanda è attivo un supporto tecnico dedicato (tel. 049 2015200 dalle ore 9.00 alle ore 18.00).

L’erogazione del contributo

La Camera di Commercio verifica le domande pervenute. In particolare, la verifica riguarda il rispetto delle modalità e dei termini di presentazione della domanda, della completezza e regolarità delle dichiarazioni presentate. Per ogni soggetto beneficiario sarà riscontrata la regolarità contributiva (tramite DURC) e la verifica dei massimali tramite visure RNA.

Al termine dell’istruttoria sarà redatto l’elenco degli aventi diritto in base all’ordine cronologico di arrivo della domanda.

Tale elenco sarà pubblicato nei rispettivi siti camerali. Successivamente alla pubblicazione nei siti camerali degli elenchi di cui sopra, le Camere adotteranno i provvedimenti di concessione e liquidazione dei contributi.

Cosa fare per non rischiare la revoca del contributo

Per non incorrere nella revoca con obbligo di restituzione del contributo liquidato, occorre:

  1. non rilasciare dichiarazioni mendaci in fase di autocertificazione del possesso dei requisiti;
  2. non avere condanne penali;
  3. rispettare gli obblighi del bando:
  • rimanere iscritti al Registro delle Imprese e/o REA e attivi per almeno 3 anni dalla data di insediamento nel Comune prescelto tra quelli ammissibili (nel caso delle MPMI);
  • avere Partita IVA attiva ed esercitare la propria attività per almeno 3 anni dalla data di insediamento nel Comune prescelto tra quelli ammissibili (nel caso dei lavoratori autonomi e liberi professionisti);
  • nel caso in cui l’avvio o il trasferimento aziendale determina un incremento dell’occupazione, le nuove assunzioni a tempo pieno, determinato o indeterminato dovranno essere garantite per almeno 12 mesi dalla data di assunzione.

I settori esclusi

Non rientrano nell’agevolazione i settori:

  • pesca e acquacoltura;
  • settore della produzione primaria di prodotti agricoli;
  • settori siderurgico, del carbone, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, nonché della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche;
  • gestione delle infrastrutture di trasporto;
  • attività destinate alla produzione o al commercio di armi e munizioni, esplosivi, equipaggiamenti o infrastrutture specificamente destinati per scopi militari, nonché equipaggiamenti o infrastrutture che limitano i diritti e le libertà personali (per esempio carceri e centri di detenzione di qualunque tipo);
  • attività destinate alla produzione e promozione del gioco d’azzardo e delle attrezzature correlate;
  • attività destinate alla produzione, fabbricazione, trattamento o distribuzione specializzata di tabacco e attività volte a facilitarne il consumo (ad esempio “sale per fumatori”).

Qui l’elenco completo.

La scadenza

Le domande di contributo potranno essere presentate dalle ore 10.00 del 15 giugno 2023 alle ore 10.00 del 15 luglio 2023.

RICHIEDI UNA CONSULENZA AI NOSTRI PROFESSIONISTI

Abbiamo tutte le risorse necessarie per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.
Non esitare, contatta i nostri professionisti oggi stesso per vedere come possiamo aiutarti.
Oppure scrivici all'email info@commercialista.it

Redazione Online

Siamo un team di professionisti altamente qualificati nel campo della consulenza fiscale e contabile. Con competenza e professionalità, offriamo soluzioni su misura per le esigenze finanziarie e fiscali dei nostri clienti.

Profilo completo e Articoli Redazione Online

Iscriviti alla Newsletter

Privacy

Focus Approfondimenti

Altri Articoli