3.9 C
Rome
giovedì 26 Gennaio 2023

Prorogato il termine per l’invio del MUD (modello unico di dichiarazione ambientale) 2017: qual è la nuova scadenza dopo il “Decreto Milleproroghe” e come va inviato?

Entro quale termine va inviato il MUD 2017 in base alla nuova scadenza prevista dall’articolo 12 del “Decreto Milleproroghe” e come funziona l’invio telematico? Chi può optare per la trasmissione  cartacea?  

Come noto, l’articolo 12 del Decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244 modificando il Decreto Legge 31 agosto 2013, convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, n. 101, ha stabilito che, fino alla data del subentro nella gestione del Sistema di tracciabilità informatica dei rifiuti da parte del nuovo concessionario e comunque non oltre il 31 dicembre 2017 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni.

In particolare l’articolo 189 comma 3 del citato Decreto prevede che chiunque effettui a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione, le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento di rifiuti, i Consorzi istituiti per il recupero ed il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi e le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g), devono comunicare annualmente alle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura territorialmente competenti, con le modalità previste dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti oggetto delle predette attività.

N. B. Il MUD 2017 corrisponde a quello previsto dal D. P. C. M. 17 dicembre 2014, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 97 alla Gazzetta ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 e successivamente confermato dal D. P. C. M. 21 dicembre 2015.

Proroga del termine per l’invio

Il termine originariamente fissato per l’invio del MUD 2017 da parte delle imprese e delle amministrazioni che hanno prodotto, gestito, trasportato, recuperato e smaltito rifiuti nel corso del 2016, è stato spostato in forza dell’articolo 12 del decreto Milleproroghe, dal 30 aprile al 2 maggio, per effetto delle festività. Si precisa che le modalità di trasmissione, soggetti obbligati, modulistica e istruzioni sono identici a quelli dello scorso anno.

Come inviare il MUD

A) I soggetti obbligati a  presentare il MUD in via telematica possono predisporre il file da trasmettere utilizzando:

a) servizio mudtelematico di Infocamere;

b) servizio mudcomuni. It per compilazione e presentazione telematica della Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati;

B) I soggetti che hanno diritto di presentare la Comunicazione Rifiuti Semplificata riportata in Allegato al DPCM potranno inviare il MUD su supporto cartaceo. Trattasi di quei soggetti che producono nella propria Unità Locale, non più di 7 rifiuti per i quali sono tenuti a presentare la dichiarazione e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali.

Per ricevere assistenza fiscale in tutta serenità e con la massima efficienza ed efficacia o richiedere un parere legale/tributario, 

non esitate a contattarci al NUMERO VERDE 800. 19. 27. 52!

Iscriviti alla Newsletter

Altri Articoli