Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. convenzioni contro doppie imposizioni
    21. costi deducibili
    22. credito di imposta
    23. cubatura
    24. detrazioni ed incentivi
    25. dichiarazione
    26. dividendi
    27. domini internet o nomi a dominio
    28. dossier
    29. due diligence
    30. employee benefits
    31. errori in fattura
    32. escort
    33. fatture
    34. finanziamento all'amministratore
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Fisco e Contenzioso
  4. Fisco Sport e Non Profit
  5. Fisco ed Agricoltura
  6. Fisco Editoria TV
  7. Tax Credit
  8. Lavoro
  9. E-Commerce
  10. Dogana




Scegliete la Professionalità e la Cortesia, Scegliete la Serenità

Rotator content list to rotate doesn't exist. Please edit settings.

Sviluppatori free lance di applicazioni mobile per smartphone e iPad (phone, android, etc..) guida fiscale e vademecum 2.0

Step 2.0. Esaminiano in sintesi, per un primo pratico approccio, il caso di un soggetto, persona fisica, che svolge diverse attività, a cui corrispondono diverse entrate, in regime di partita iva.

Premesso, non parliamo di reddito di impresa prodotto attraverso forma giuridica delle società di capitali (srl, spa, sapa, srls, srlcr) e/o di persone (snc, sas, ss), oggetto di un prossimo intervento (il 3.0).

Nostro orientamento è e sarà sempre quello di consentire un risparmio lecito di imposta, di contributi e di oneri camerali, evitando inutili sprechi.


CODICE ATTIVITÀ

Si individua il prevalente, è si possono comunicare alla Agenzia delle Entrate gli altri accessori, i principali sono:

74.10.21 disegnatori grafici di pagine web

62.02.00 consulenza informatica per l’integrazione dell’hardware e del software

63.12.00 portali web gestione

62.09.09 altri servizi connessi alle tecnologie

62.02.02 consulenza per installazione software ed hardware

62.01.00 programmazione di software personalizzato


CCIAA

Consigliamo di configurare l’attività sulla figura del  lavoratore autonomo, tradotto: libero professionista. evitando l’iscrizione alla CCIAA (camera di commercio, industria, agricoltura, artigianato), il che fa si, che si risparmiano €. 88,00 all’anno (quota annuale di una ditta individuale di diritto camerale).

Caso Utile: ad un nostro cliente lavoratore autonomo un addetto della banca non voleva aprire conto corrente come professionista,  vincolandone l’apertura ad una preventiva iscrizione alla camera di commercio. Abbiamo fatto presente che, un lavoratore autonomo che presta consulenza non deve iscriversi alla CCIAA, ad esempio: un avvocato commercia? NO. Un commercialista commercia? NO. Un consulente del Lavoro Commercia? NO. Pertanto dieci minuti dopo il cliente aveva il conto corrente aperto.


INPS

Non essendoci l’obbligo di iscriversi al commercio o alla sezione artigiani e non esistendo un cassa privata (tipo cassa forense, inarcassa, et similia) consigliamo la Gestione Separata, si risparmiano di soli contributi fissi oltre 3.000 euro all’anno (vedere foglio di calcolo per individuare risparmio finanziario e previdenziale). Non è detto che non si versano, ma con la Gestione separata se dal conteggio ricavi meno costi ho un utile, allora verso contributi, se non ho un utile non verso. Con la gestione commercio/artigiano, devo versare indipendentemente dal reddito, anche se ho una perdita.

Attenzione, non si deve improvvisare, la contabilità deve essere monitorata e si deve essere seguiti da valido professionista onde evitare di compromettere ogni ipotesi di convenienza contributiva, fiscale e finanziaria.


RITENUTE ALLA FONTE A TITOLO DI ACCONTO

Chi per convenienza o necessità (Rd alto) opta per il regime della partita IVA ordinaria, quando emette fatture verso soggetti titolari a loro volta di partita IVA,  subisce una ritenuta alla fonte a titolo di acconto del 20% (vedete il foglio di calcolo).

La ritenuta è un “paracadute” o “tesoretto”, viene determinata sul compenso “lordo”. Nel corso dell’anno, si sostengono costi deducibili, pertanto, se seguiti, monitorando il reddito passo passo, a fine anno (almeno 8 mesi prima della scadenza per il versamento delle imposte in Unico – giugno/luglio anno successivo a quello oggetto del calcolo di imposta) si determina un reddito imponibile che spesso consente al contribuente di essere a credito e compensare con le ritenute subite, quota parte o tutti i contributi da versare (eventualmente, se il reddito è positivo) e delle imposte (vedere foglio di calcolo). Per questo motivo, spesso conviene il regime ordinario a quello dei minimi.

Il tutto, sempre con un monitoraggio che consente di rispettare gli studi di settore ed il redditometro. Non si improvvisa.


IRAP

In assenza di dipendenti o un’organizzazione strutturata, non si è soggetti all’IRAP.

Considerate, secondo le nostre statiche, del portale e dello Studio, il 70% dei contribuenti scegli il regime dei minimi ed il 30% il regime ordinario, con iscrizione alla gestione separata INPS. Nessuno dei nostri assistiti o utente ha scelto la gestione commercio o artigiana, poiché finanziariamente sono un bagno di sangue,  prevedono il versamento del minimale indipendentemente dal reddito prodotto per un importo superiore ai 3.000 annui (fatta eccezione per il piccolo imprenditore che non è tema di questa diesamina).


REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

Sfatiamo il commercio, focus sugli sviluppatori freelance che producono applicazioni. Tali soggetti, di solito svolgono diverse attività, hanno diverse tipologie di entrate. Se avessero solo reddito dalla cessione dei diritti di vendita delle applicazioni create, allora vale la guida 1.0 della passata settimana, oppure la 3.0 se dovessero avviare una impresa con forma giuridica delle società di capitali o di persone (rarissime ad oggi, grazie alle srl under 35 e over 35). Nell’ipotesi, di maggior frequenza, in cui il freelance abbia diverse entrate, adotta i codici visti in precedenza, per i quali applichera’ le regole fiscali per la determinazione del reddito da lavoro autonomo (ricavi da compensi – costi, dichiarazione in unico). In merito al’inquadramento, gli sviluppatori freelance che producono applicazioni   sono lavoratori autonomi, titolari di partita IVA, che consentono a terzi (apple, google, samsung, etc..) di vendere attraverso loro “piattaforme” le proprie applicazioni, intese come opere dell’ingegno. Chi vende è il proprietario/gestore del negozio on line,  il freelance incassa delle royalties. Inquadrata come introiti derivanti dalla cessione di diritti, beni immateriali tutelati dalle norme sul diritto di autore da parte dell’autore o inventore, non conseguiti nell’esercizio di imprese commerciali. La royalties non passa nel reddito del lavoratore autonomo, ma va direttamente indicata in unico (730 se non si titolari di p.i.).

CLASSIFICAZIONE OPERE DELL’INGEGNO

I brevetti  industriali ed i processi, le formule e le informazioni acquisite in campo industriale, scientifico e commerciale, il software, i disegni, le opere d’architettura, le opere letterarie e musicali, i modelli ornamentali di utilità, gli articoli per giornali e riviste.

DOCUMENTAZIONE

I compensi sono certificati da un documento che riporta ammontare lordo del compenso, ammontare delle ritenute effettuate, ammontare netto erogato.


COME DETERMINARE IL REDDITO IMPONIBILE

Il reddito imponibile delle opere d’ingegno corrisponde all’ammontare  dei  proventi percepiti nell’anno d’imposta, in denaro o in natura, ridotto di un importo a titolo di deduzione forfetaria delle spese.

Si tratta di una forfetizzazione dei costi deducibili dal reddito, in quanto non è ammessa la deduzione di spese documentate.

Tale deduzione è pari:

al 25% dei proventi percepiti da soggetti di età superiore a 35 anni, (reddito imponibile 75%)

al 40% dei proventi percepiti da soggetti di età inferiore a 35 anni, (reddito imponibile 60%)

La ritenuta applicata dal sostituto d’imposta, nella misura del 20% sul reddito imponibile, è a titolo d’acconto. Pertanto, solo il 75% o 60% del reddito dichiarato è assoggettato a tassazione e concorre alla formazione del reddito complessivo.


Per capire quale regime fiscale conviene adottare (tra regime dei minimi, ordinario ed art. 13 L. 388/2000), dipende dal soggetto in esame, varia caso per caso, ed un valido consulente può tutelare il cliente e fargli risparmiare fino ad un 25% in termini di uscite finanziarie annue.

Da anni forniamo assistenza in tutta Italia ai titolari di partita Iva, oggi più che mai fornendo un programma contabile in cloud direttamente ai nostri clienti e comunicando con loro in ambiente riservato, criptato, in videochiamate a nostro carico, godendo della partnership di Passepartout S.p.a.

Per capire senza nostra assistenza quale regime fiscale adottare puoi scaricare il foglio di calcolo gratuito

Effettua download foglio di calcolo gratuito

primo-contattoOgni titolare di partita iva deve applicare in modo corretto il principio dell’inerenza contabile, giustificando ogni uscita finanziarie correlata alla propria attività con documentazione fiscale (es: fatture, ricevute, schede carburanti, estratti di cc bancari, etc..). Pertanto, ogni sviluppatore freelance, consulente informatico, web designer etc.. avrà un proprio esoscheletro di ricavi ed uno di costi, che una volta individuato, (SAGGIAMENTE PRIMA DI APRIRE PARTITA IVA O IN CORSO D’ANNO, VARIANDO REGIME ANCHE SOLO NEL RISPETTO DEL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE A TUTELA DEL CONTRIBUENTE, MA PRIMA DELLE DICHIARAZIONI IVA E/O DEI REDDITTI) consentirà di individuare la scelta con maggior convenienza, in termini fiscali, contributivi e previdenziali.

Per assistenza e per essere tutelati e seguiti con professionalità e tariffe sostenibili clicca qui

Recapiti e Contatti







Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

Statistiche dei Visitatori

Free counters!

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Network Fiscale S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top