-2.3 C
Rome
venerdì 27 Gennaio 2023

Imprenditoria femminile: contributi a fondo perduto e sotto forma di finanziamento

Nel decreto pubblicato il 14 dicembre 2021 in Gazzetta Ufficiale, è stato istituito il nuovo fondo a sostegno dell’imprenditoria femminile: parliamo di 40 milioni di euro stanziati per il 2022 e altre risorse complementari in arrivo dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Fondo impresa donna è un incentivo che ha l’obiettivo di sostenere l’avvio e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, rivolto  sia ad imprenditrici che a lavoratrici autonome

Imprenditoria femminile: contributi a fondo perduto e sotto forma di finanziamento

 

40 milioni di euro per creare nuove imprese o investire nella crescita di aziende già costituite

Nel decreto pubblicato il 14 dicembre 2021 in Gazzetta Ufficiale, è stato istituito il nuovo fondo a sostegno dell’imprenditoria femminile: parliamo di 40 milioni di euro stanziati per il 2022 e altre risorse complementari in arrivo dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Fondo impresa donna è un incentivo che ha l’obiettivo di sostenere l’avvio e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, rivolto  sia ad imprenditrici che a lavoratrici autonome

Requisiti

Possono richiedere le agevolazioni in oggetto le aziende femminili di qualsiasi dimensione, con sede legale/domicilio ed unità operativa in Italia che rispettano i seguenti requisiti:

essere lavoratrice autonoma (aver aperto la partita IVA da almeno 12 mesi);

avere un’azienda già costituita (da almeno 12 mesi);

costituire una nuova impresa femminile.

Nello specifico, le agevolazioni saranno concesse sulla base di due linee di azione:

a. Incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili;
b. Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili.

 

In cosa consiste

Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributi a fondo perduto e/o finanziamento agevolato, che possono essere utilizzati anche in combinazione tra loro. Il finanziamento, della durata massima di 8 anni, è a tasso zero e non ha bisogno di garanzie.

La forma e la misura delle agevolazioni sono articolate in funzione delle linee di azione e dell’ammontare delle spese ammissibili.

Agevolazioni per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili

Per creare o costituire un’azienda classificata come imprenditoria femminile, è possibile beneficiare di un contributo a fondo perduto un importo massimo pari a:

1.     80% delle spese ammissibili (fino a un massimo di €50. 000) per spese ammissibili inferiori a € 100. 000;

2.     50% delle spese ammissibili (superiori a €100. 000) per spese ammissibili superiori a € 100. 000 e fino a €250. 000.

Agevolazioni per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili

Per le imprese classificate come imprenditoria femminile già esistenti (da almeno 12 mesi) sono disponibili due tipologie di agevolazioni: il contributo a fondo perduto e il finanziamento agevolato.

Ancora una volta, le agevolazioni sono articolate a seconda del tipo di beneficiario, se l’impresa:

1.     è costituita da meno di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili, in egual misura in forma di contributo a fondo perduto e in forma di finanziamento agevolato;

2.     è costituita da più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse in relazione alle spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante costituenti spese ammissibili sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

 

Le spese ammissibili

L’agevolazione compete per sostenere progetti relativi all’avvio e la costituzione di una nuova impresa femminile, oppure per il suo sviluppo e consolidamento, nei seguenti settori ammissibili:

·        produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;

·        fornitura di servizi, in qualsiasi settore;

·        commercio e turismo.

Le iniziative dovranno essere realizzate entro 24 mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni, le spese ammissibili dovranno essere:

1.     non superiori a € 250. 000 per la costituzione e l’avvio di una nuova impresa femminile;

2.     non superiori a € 400. 000 per lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili.

 

Sono considerate spese ammissibili anche spese relative a immobilizzazioni materiali e immateriali, servizi cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale, personale dipendente ed esigenze di capitale circolante.

Termini per la presentazione dell’istanza per accedere al Fondo impresa donna

Saranno comunicati entro 30 giorni

 

 

Compila il form sottostante per ricevere la nostra assistenza, l’esito di fattibilità è gratuito.

FORM DI CONTATTO!

Iscriviti alla Newsletter

Altri Articoli