3.9 C
Rome
giovedì 26 Gennaio 2023

Scaricabili da oggi 18 aprile i modelli per la precompilata 2017. Come accedere, chi può farlo e da quando parte il conto alla rovescia per l’invio?

A partire da oggi 18 aprile 2017, sarà possibile scaricare dall’area dedicata del sito ufficiale dell’agenzia delle Entrate il 730 o il “modello redditi” precompilati. Vediamo insieme come, chi può accedere e da quando si potrà con certezza procedere all’invio della precompilata 2017 con eventuali modifiche ed integrazioni.  

A partire da oggi 18 aprile, sarà accessibile a tutti i contribuenti e ai soggetti delegati, dalla propria area dedicata tra i servizi online dell’Agenzia delle Entrate, la visualizzazione della dichiarazione precompilata 2017, sempre nell’ipotesi in cui si opti per la stessa in luogo di quella ordinaria, per poter successivamente  accettare, modificare, integrare e inviare la dichiarazione 2017, ma anche integrare o modificare la precompilata inviata nel 2016.

Come si accede alla precompilata?

Per visualizzare e scaricare il 730 o la dichiarazione redditi 2017, sarà  necessario utilizzare le credenziali dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, con il Pin rilasciato dell’Inps, tramite il Sistema pubblico per l’identità digitale (Spid) e con le credenziali di tipo dispositivo rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPa). Infine, i contribuenti possono accedere alla dichiarazione precompilata utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi.  

Chi può scaricare online il 730 precompilato?

Il Modello 730 2017 precompilato online può essere utilizzato dai lavoratori dipendenti e pensionati, che hanno i requisiti per presentare il modello 730, ovvero:

pensionati o lavoratori dipendenti;
lavoratori che percepiscono indennità di cassa integrazione, mobilità o ASpI;
soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
sacerdoti della Chiesa cattolica;
giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive come consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc. ;
lavoratori socialmente utili;
lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno;
personale scuola con contratto di lavoro a tempo determinato, se il contratto dura almeno dal mese di settembre al mese di giugno dell’anno successivo;
lavoratori con solo redditi di collaborazione coordinata e continuativa almeno nel periodo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio, se conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio;
produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta, IRAP e IVA;

Il 730 precompilato online può essere inoltre utilizzato da pensionati e lavoratori dipendenti se il loro reddito è derivato per l’anno 2016 da:

redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente come per esempio co. Co. Co. E contratti di lavoro a progetto;
redditi terreni e fabbricati;
redditi di capitale;

redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA, per esempio per le prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente;
redditi diversi come ad esempio i redditi terreni e fabbricati all’estero, soggetti a tassazione separata ecc.

Da quando si potrà procedere con l’invio?

Precisiamo, che sebbene la visualizzazione del modello sia possibile già da oggi per consentire un certo margine di tempo per la pianificazione e organizzazione della compilazione e lo studio di alcune problematiche tributarie funzionali ad eventuali  modifiche o integrazioni, sarà possibile effettuare  gli  invii con eventuali modifiche e integrazioni (nel caso in cui ci fossero delle anomalie nei dati o delle spese detraibili o deducibili non inserite) a decorrere dal 2 maggio fino al 24 luglio.

Istruzioni

Prima di procedere all’accettazione e all’invio del modello 730 precompilato, a partire dalla data sopra indicata, la dichiarazione andrà  verificata in tutte le sezioni, i quadri e gli importi, e solo dopo eventualmente si potrà procedere all’inoltro del modello preferibilmente con il supporto di intermediari esperti nel settore, ai quali delegare integralmente la responsabilità onde evitare errori e incorrere in possibili e pesanti sanzioni.  Il contribuente  dovrà in tal caso sottoscrivere la delega 730/2017 ed il commercialista sarà tenuto ad apporre sul 730 precompilato modificato o integrato, il visto di conformità 730/2017.

Per essere assistiti in tutta  serenità nella vostra dichiarazione dei redditi e ricevere consulenza fiscale-tributaria o un parere spot con la massima efficienza ed efficacia,

chiamateci subito al NUMERO VERDE  800. 19. 27. 52!

Iscriviti alla Newsletter

Altri Articoli