3.9 C
Rome
giovedì 26 Gennaio 2023

RISTORANTI ED ALBERGHI: TRATTAMENTO FISCALE PASTI CONSUMANTI DA DIPENDENTI, TITOLARE E FAMILIARI

Quesito: l’istante,  svolgente attività di ristorazione, chiede quale sia il trattamento fiscale, ai fini dell’iva e delle imposte sui redditi, dei pasti consumati nel ristorante dai soci, dai loro familiari ovvero dai propri dipendenti (cuochi, camerieri, operai).  

 

Con l’interpello specificato in oggetto, concernente l’interpretazione dell’art. 3 comma  3 del DPR n. 633 del 1972 , è stato esposto il seguente  QUESITO  La Società “____________________________ (di seguito “l’istante”),  svolgente attività di ristorazione, chiede quale sia il trattamento fiscale, ai fini dell’IVA e delle imposte sui redditi, dei pasti consumati nel ristorante dai soci, dai loro familiari ovvero dai propri dipendenti (cuochi, camerieri, operai).  

La parte fa presente di avere in precedenza formulato la medesima istanza al centro di assistenza multicanale di Cagliari, il quale avrebbe evidenziato le criticità in ordine al trattamento della fattispecie ai fini delle imposte sul reddito, consigliando di presentare  un’istanza d’interpello di cui all’art. Il della legge 27 luglio 2000, n. 212.    

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE  

La parte rileva:  a) ai fini delle imposte sui redditi che, in base al combinato disposto degli artt. 57 ed 85, c. 2 del TUIR, costituiscono autoconsumo i beni destinati al consumo personale o familiare dell’imprenditore; non rientrando in tale ambito, i pasti erogati ai propri dipendenti non sarebbero produttivi di ricavi ed i costi sarebbero sempre deducibili; b) ai fini dell’IVA, che la somministrazione sul luogo di lavoro ai dipendenti sia esclusa da tassazione, in quanto non riconducibile ad alcuna fattispecie assoggettata a tale imposta dal D. P. R. N. 633 del 1972; allo stesso modo, il consumo dei pasti da parte dei soci ovvero dei familiari sarebbe escluso da IVA, limitatamente alle operazioni inferiori ad euro 25,82, stante quanto previsto dall’art. 3, c. 3, secondo periodo, del D. P. R. 26 ottobre 1972, n. 633 in relazione all’autoconsumo di servizi.

La parte evidenzia che nella metodologia di controllo dei ristoranti viene “raccomandato” di tenere conto, oltre che dello sfrido e del deterioramento, anche delle “somministrazioni riferibili ai dipendenti e all’autoconsumo dell’imprenditore, dei familiari e dei soci”, senza specificarsi “se dette operazioni debbano essere escluse dal volume d’affari ovvero debbano considerarsi in maniera differente dalle altre somministrazioni di alimenti e bevande”.  L’istante ritiene, infine, che l’IVA afferente dette operazioni sia detraibile e che queste ultime non siano comunque soggette a certificazione fiscale.  

 

PARERE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE  

Trattamento ai fini delle imposte dirette.  

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 19077 del 29 settembre 2005) i pasti consumati dall’esercente un’impresa di ristorazione ovvero dai suoi familiari rientrano nell’ambito dell’autoconsumo di beni; posto tale inquadramento per l’imprenditore  individuale, per una società può ritenersi che rappresenti autoconsumo di beni la fruizione dei pasti da parte dei soci e loro familiari.  

Con riferimento alla fattispecie in esame, relativamente ai pasti ed alle bevande  consumate dai soci e loro familiari, si ritiene di conseguenza che debba applicarsi l’art.  85, comma 2 del TUIR, il quale comprende tra i ricavi afferenti il reddito d’impresa il valore normale dei beni alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività  dell’impresa quando gli stessi sono assegnati ai soci o destinati a finalità estranee all’esercizio dell’impresa.  

Con riferimento ai pasti erogati a favore dei dipendenti, invece, si evidenzia  che il profilo fiscalmente rilevante è rappresentato dalla deducibilità del costo relativo, consentita dall’art. 95 del TUIR che comprende tra le “spese per prestazioni  di lavoro dipendente. Quelle sostenute in denaro o in natura a titolo di liberalità a  favore dei lavoratori, salvo il disposto dell’art. 100”.  

Trattamento IVA.  

In coerenza con la suddetta qualificazione ai fini delle imposte dirette, ai pasti e bevande consumati da parte dell’imprenditore o dei suoi familiari trova applicazione  l’art. 2, comma 2, n. 5) del D. P. R. 26 ottobre 1972, n. 633,  riguardante l’autoconsumo dei beni ai fini dell’IVA (in senso conforme, cfr  Commissione tributaria centrale, sentenza n. 2448 del 5 luglio 1994).  La norma menzionata dispone che i beni destinati all’uso o al consumo personale o familiare dell’imprenditore rappresentano una cessione di beni assoggettabile ad Iva, con esclusione di quelli per i quali non sia stata operata, all’atto dell’acquisto, la  relativa detrazione.  Al contrario, in tale ambito non rientra la fruizione dei pasti da parte dei dipendenti,  che la sentenza citata non considera come autoconsumo di beni (così anche sentenza n.  437 del 28 maggio 1979 della Commissione  tributaria di Primo grado di Belluno).  Ai fini della qualificazione, sotto il profilo IVA, di tale operazione si tenga, tuttavia,  presente l’orientamento della Corte di Giustizia (sentenza 10 marzo 2011, procedimenti riuniti C497/09, C499/09, C501/09 e C502/09), secondo cui “la fornitura di vivande o di cibi. Costituisce una cessione di beni qualora, da un esame qualitativo dell’operazione nel suo complesso, risulti che gli elementi di prestazione di servizi che precedono e accompagnano la fornitura dei cibi non sono preponderanti”; a ciò consegue che, di contro, è somministrazione di servizi la fornitura di beni che avviene unitamente ai relativi servizi e questi ultimi siano “preponderanti”,  ove pertanto il consumo dei pasti sia ascrivibile ad una somministrazione di alimenti e bevande, vale a dire ad una prestazione di servizi associata a cessione di beni alimentari (ad esempio, per il caso di una mensa aziendale) si applicherà:  – per i soci e familiari, l’art. 3, comma 2, n. 4), del D. P. R. 26 ottobre 1972, n. 633, che considera come prestazione di servizi le somministrazioni di alimenti e bevande; al pari delle altre prestazioni di servizi – stante quanto disposto dall’art. 3, comma 3, dello stesso decreto – dette somministrazioni sono assoggettate ad IVA anche quando la loro effettuazione avviene per l’uso personale o familiare dell’imprenditore, ovvero a titolo gratuito per finalità estranee all’esercizio dell’impresa e per ogni operazione di valore superiore a lire cinquantamila (25,82 euro), sempreché l’imposta afferente alla loro esecuzione sia risultata detraibile;  – per i dipendenti, lo stesso art. 3, c. 3, che, a prescindere dalla detrazione IVA operata sui relativi acquisti, dispone ai medesimi fini l’irrilevanza fiscale delle somministrazioni di alimenti e bevande nelle mense aziendali (a tal riguardo si tenga conto che a queste ultime possono assimilarsi – secondo la risoluzione 15 aprile 1991, n. 561118 – i luoghi nei quali vengono offerti “servizi di mensa”).  A ciò consegue che, ai fini del corretto inquadramento fiscale della fattispecie, occorrerà considerare l’aspetto fattuale dell’effettivo svolgimento dell’operazione che si vuole andare a sottoporre a tassazione.  Si evidenzia, inoltre, che ai sensi dell’art. 18, comma 3, del decreto IVA non è obbligatoria la rivalsa per le operazioni di autoconsumo di beni e servizi. Si precisa, infine, che non appare dirimente ai fini della qualificazione delle operazioni il richiamo alla metodologia di controllo cui fa riferimento la parte nella propria  istanza.

 WELCOME%20WOMEN%203. Jpg

 PER ASSISTENZA CHIAMA 

IL NUMERO VERDE 800. 19. 27. 52

 

Dott. Alessio Ferretti
Mission: Risolvere problemi, il principale consiste nel drenare liquidità rispettando la normativa fiscale italiana, la migliore al mondo. Tributarista Qualificato Lapet ai sensi della Legge 4/2013, referente di Networkfiscale.com, Commercialista.it, Commercialista.com, amministratore e consigliere in varie società. Dottore Commercialista ODCEC di Roma nr di iscrizione AA12304 Presto assistenza in operazioni tributarie e nella Contabilità in Cloud, in ogni Regione ed Isola Italiane, aziende ed industrie, enti non profit (APS, ASD, SSD e ODV) e prima ancora nuclei familiari, tutelandone redditi e patrimoni immobiliari. Opero abitualmente coordinando team per operazioni di due diligence, contabile, fiscale, immobiliare, del lavoro, finanziaria, giudiziaria, legale ed ambientale, con riservatezza ed efficienza. Ho redatto piani di risanamento aziendale nel settore turistico ricettivo (Hotel e Ristoranti), vitivinicolo ed enologico (Società Cooperative Agricole a Responsabilità Limitata). Assisto da circa 20 anni famiglie e società nel settore immobiliare, dall'acquisto dei terreni edificabili, alle operazioni di finanziamento mediante il canale creditizio, verificando computi tecnici, cronoprogrammi, la corretta applicazione del Reverse Charge IVA, il monitoraggio costi e conti nelle fasi di scavo, sbancamento, palificazione, cemento armato, impiantistica, tamponatura, agibilità. Oltre alla consulenza contrattuale nelle operazioni di compravendita immobiliare. Assisto gruppi nel settore editoriale tradizionale ed online, ed ho esperienza nella progettazione, apertura e gestione di ecommerce, nelle fasi di marketing e gestione delle campagne pubblicitarie on line. Assisto gruppi nel settore ludico (sale Bingo, newslot, vlt, sale ristoranti, tabacchi, bar). Attraverso la contabilità in cloud, installiamo il nostro programma contabile al cliente, customizzando, ossia personalizzando il piano dei conti alla propria realtà ed esigenze, creando causali che richiamate generano in automatico le scritture contabili, con conti da noi creati ed incolonnati nel dare o nell'avere, formiamo la o le risorse umane del cliente ad inserire direttamente i dati, onde avere bilancio aggiornato in tempo reale, da noi revisionato in ambiente condiviso. In questo modo si conoscono e monitorano i flussi finanziari e reddituali in itinere, conoscendo impatto fiscale e previdenziale in corso d'anno, senza sorprese a giugno/luglio dell'anno successivo. “Ignoranti quem portum petat nullus suus ventus est.” Lucius Annaeus Seneca “Nessun vento ti è favorevole, se non sai verso quale porto sei diretto”. Lucio Anneo Seneca o Seneca il Giovane (Corduba, 4 a.C. – Roma, 65) I miei maestri a cui sono e sarò sempre grato sono stati mio padre, Danilo Ferretti, Il Dott. Donato Montanaro (a suo tempo Direttore di vari Uffici dell'Agenzia delle Entrate) ed il Dottor Giuseppe Savella, i quali mi hanno consentito di maturare esperienza umana e professionale senza pari, sia con la visione del privato che del pubblico verso famiglie ed aziende. Dal 19.04.2010 al 30.04.2013 ho avuto il piacere e la responsabilità di presiedere la Commissione Bilancio e Patrimonio del Comune di Grottaferrata (Roma) e di ricoprire il ruolo di consigliere comunale di maggioranza, alla prima candidatura eletto terzo su 364 candidati. Diploma di Laurea conseguito alla Luiss Guido Carli di Roma, in Economia & Commercio, sotto indirizzo giuridico professionale.

Iscriviti alla Newsletter

Altri Articoli