Ecco le nuove agevolazioni per la tua impresa!
Menu
  1. Il Network
  2. Fisco e Tributi
    1. abitazione principale
    2. ace (aiuti crescita economica)
    3. adempimenti fiscali
    4. affitti & locazioni
    5. alberghi - hotel - affittacamere - b&b
    6. appalti privati e pubblici
    7. apporti infruttiferi
    8. assegnazione azioni proprie
    9. assegnazioni al socio in natura
    10. assegnazione di beni immobili
    11. autovetture ed automezzi
    12. beni in uso ai soci
    13. cedolare secca
    14. cessione quote srl
    15. cloud
    16. compenso amministratore
    17. comunicazione beni ai soci
    18. conferimento
    19. contabilita' in outsourcing
    20. costi deducibili
    21. credito di imposta
    22. cubatura
    23. detrazioni ed incentivi
    24. dichiarazione
    25. dividendi
    26. domini internet o nomi a dominio
    27. dossier
    28. due diligence
    29. employee benefits
    30. errori in fattura
    31. escort
    32. fatture
    33. finanziamento all'amministratore
    34. fiscalità internazionale
    35. fonti di energia rinnovabili
    36. giochi d'azzardo
    37. guide e vademecum fiscali
    38. impairment test
    39. imposta di registro
    40. imposte saldi ed acconti
    41. imu
    42. indennità di trasferta
    43. interpelli agenzia entrate
    44. inventario
    45. irap
    46. iva imposta valore aggiunto
    47. ivie
    48. leasing
    49. legge di stabilita 2015
    50. manutenzioni
    51. marchio
    52. mediazione tributaria
    53. nuove attivita' ed agevolazioni
    54. obbligazioni nelle srl
    55. operazioni straordinarie
    56. parcella
    57. patent box
    58. perdite fiscali riportabilita'
    59. perdita sistematica
    60. permuta di immobili
    61. piano di risanamento aziendale
    62. prestiti a soci ed amministratori
    63. prima casa
    64. rateizzazioni
    65. ravvedimento operoso
    66. regime dei minimi
    67. rimanenze
    68. rimborso spese
    69. risarcimenti o indennita'
    70. risparmio energetico
    71. ristrutturazioni edilizie
    72. ristoranti e trattorie
    73. ritenute a titolo di acconto
    74. rivalutazione terreni edificabili
    75. rivalutazione immobili
    76. rivalutazione quote e partecipazioni
    77. royalty
    78. scadenze da monitorare
    79. servitù non aedificandi
    80. sigarette elettroniche
    81. societa' estere
    82. societa' tra professionisti
    83. spesometro
    84. srl a capitale ridotto
    85. srl ordinaria
    86. super ammortamento
    87. tassa di vidimazione annuale libri
    88. terreni
    89. yacht & catamarani
  3. Arte & Fisco
  4. Fisco e Contenzioso
  5. Fisco Sport e Non Profit
  6. Fisco ed Agricoltura
  7. Fisco Editoria TV
  8. Tax Credit
  9. Lavoro
  10. E-Commerce
  11. Dogana
  12. Cibo proteico e fisco




Caro energia e decreto aiuti ter

Caro energia e decreto aiuti ter

Ecco le nuove agevolazioni per la tua impresa!

Caro energia e decreto aiuti ter

Il decreto aiuti ter in Gazzetta Ufficiale

Di recente, lo scorso 23 settembre, è stato approvato il D.L. 23 settembre 2022, n. 144, noto come decreto Aiuti ter. Con la pubblicazione nel “registro delle leggi” (Gazzetta Ufficiale), è ufficialmente in vigore dal giorno 24.

La tua impresa ha ora in chiaro tutti gli aiuti che, come intuirai dal nome del decreto, il Governo ha predisposto per sostenerti a gestire meglio l’aumento dei costi di acquisto del gas ed energia elettrica, ma non solo.

Spiccano in particolare i tax credit energia ma anche novità per i finanziamenti (anche per le imprese agricole) e contributi alle imprese, alle associazioni del Terzo settore e per gli impianti sportivi e piscine.

Il contesto geopolitico in atto ha avuto ricadute negative anche sul piano economico.  Con la guerra in Ucraina il continuo aumento dei costi delle materie prime ha innescato, ad effetto domino, l’aumento dei costi in bolletta di gas e luce, di carburante e materiali da costruzione.

Una vera emergenza prezzi che non dà tregua alle aziende, esponendole al rischio di perdita di importanti quote di mercato, sino al limite della chiusura forzata.

Ecco come le nuove misure potranno dare un po' di respiro alla tua azienda!

 

Cosa prevede 

Qui in allegato troverai il testo ufficiale del decreto aiuti ter e di seguito una sintesi, con utili tabelle, per una lettura semplificata del testo legislativo.


Le misure a sostegno delle imprese

Il decreto aiuti ter contiene disposizioni rilevanti per le imprese in materia di:

-         crediti d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas;

-         credito d'imposta per l’acquisto carburanti per l’esercizio dell’attività agricola e della pesca;

-         contributo energia e gas per cinema, teatri e istituti e luoghi della cultura;

-         contributi a fondo perduto per associazioni e società sportive dilettantistiche;

-         contributi al Terzo settore per le spese energetiche;

 

I tax credit energia e gas

Il decreto aiuti ter (art.1) introduce crediti di imposta per le imprese a forte consumo di energia e gas (energivore e gasivore) e contributi anche per le altre imprese.

 

TAX CREDIT GAS

PER CHI

Le imprese a forte consumo di gas naturale, "gasivore", che operano in uno dei settori di cui all’allegato 1 al D.M. 21 dicembre 2021, n. 541, e hanno consumato, nel I trimestre solare del 2022, un quantitativo di gas naturale, per usi energetici, non inferiore al 25% del volume di gas naturale indicato all’art. 3, comma 1, del medesimo Decreto, al netto dei consumi di gas naturale impiegato in usi termoelettrici.

COS’E’

Credito di imposta del 40% della spesa per l’acquisto di gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici, se il prezzo di riferimento del gas naturale, calcolato come media, riferita al III trimestre 2022, dei prezzi di riferimento del MI-GAS, ha subìto un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre del 2019.

IMPRESE NON GASIVORE

Introdotto un credito d’imposta a favore delle imprese diverse da quelle a forte consumo di gas naturale, di cui all’art. 5, D.L. 1° marzo 2022 n. 17, convertito con modifiche dalla Legge 27 aprile 2022, n. 34. Il beneficio fiscale è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto di gas naturale, consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici, qualora il prezzo di riferimento del gas naturale abbia subìto un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre del 2019.

 

TAX CREDIT ENERGIA

PER CHI

Le imprese a forte consumo di energia elettrica (energivore) di cui al D.M. 21 dicembre 2017, i cui costi per kWh della componente energia elettrica, calcolati sulla base della media del III trimestre 2022 e al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, hanno subìto un incremento del costo per kWh superiore al 30% relativo al medesimo periodo del 2019 (tenendo conto anche di eventuali contratti di fornitura di durata stipulati dall’impresa)

 

COS’E’

Credito di imposta del 40% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata, ed effettivamente utilizzata, nei mesi di ottobre e novembre 2022 (l’agevolazione spetta anche in relazione alla spesa per l’energia elettrica prodotta e autoconsumata nei mesi di ottobre e novembre 2022. In tal caso l’incremento del costo per kWh di energia elettrica prodotta e autoconsumata è calcolato con rifermento alla variazione del prezzo unitario dei combustibili acquistati ed utilizzati dall’impresa per la produzione della medesima energia elettrica, e il credito d’imposta è determinato con riguardo al prezzo convenzionale dell’energia elettrica pari alla media, relativa ai mesi di ottobre e novembre 2022, del prezzo unico nazionale dell’energia elettrica).

IMPRESE NON ENERGIVORE

Alle imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW, diverse dalle imprese energivore, è riconosciuto un credito di imposta del 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica, effettivamente utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022, qualora il prezzo della stessa, calcolato sulla base della media riferita al terzo trimestre 2022, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, abbia subìto un incremento del costo per kWh superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre del 2019.

 

I tax credit energia appena descritti (art. 1, commi 1-4) sono:

1. utilizzabili esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, sino al 31 marzo 2023;

2. cumulabili con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile IRAP, non porti al superamento del costo sostenuto;

3. cedibili, solo per intero, ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, senza facoltà di successiva cessione, fatta salva la possibilità di due ulteriori cessioni, solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari iscritti all’albo ex art. 106, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, società appartenenti a un gruppo bancario iscritto all’albo ex art. 64 del medesimo Testo Unico o imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia (fermo restando l’art. 122-bis, comma 4, D.L. n. 34/2020). Per la cessione dei crediti d’imposta occorre il visto di conformità.

Come richiedere il tax credit energia e gas

I beneficiari devono trasmettere un’apposita comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 16 febbraio 2023, pena la perdita del diritto al credito di imposta maturato nell’esercizio 2022.

Le istruzioni operative, per l’invio della comunicazione, saranno fornite dall’Agenzia delle Entrate, tramite apposito provvedimento, da emanare entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Aiuti ter (si presume entro fine ottobre).  

 

Contributi a fondo perduto per associazioni e società sportive dilettantistiche

Il decreto aiuti ter sostiene anche il mondo dello sport dalla crisi economica del caro energia, stanziando, per il 2022, 50 milioni per contributi a fondo perduto a favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche, nonché per le federazioni sportive nazionali, che gestiscono impianti sportivi e piscine.

Spetterà a un decreto attuativo, da adottare entro fine ottobre 2022, sancire le modalità, i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei contributi e i criteri di ammissione.  

 

Decreto aiuti ter ed Enti del Terzo Settore (ETS)

Stanziati fondi per l’erogazione di contributi a fondo perduto anche per gli ETS. In particolare:

-         per gli ETS che gestiscono servizi sociosanitari e sociali svolti in regime residenziale, semiresidenziale rivolti a persone con disabilità, è stato stanziato un fondo di 120 milioni di euro per l’anno 2022, per il riconoscimento di un contributo straordinario calcolato in proporzione ai costi energetici sostenuti nel periodo 2021;

-         per gli ETS iscritti al RUNTS, e gli altri enti in fase di trasmigrazione, è stato stanziato un fondo di 50 milioni di euro per l’anno 2022 per il riconoscimento di un contributo straordinario calcolato in proporzione ai costi sostenuti nel 2021 per la componente energia e il gas naturale.

Tali contributi sono cumulabili con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi e non concorrono alla formazione del reddito d’impresa né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Il decreto aiuti ter prevede che, con successivo decreto attuativo, saranno individuate le modalità e i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei contributi.


Ti aggiorneremo  sulle novità in materia!

Se hai dubbi i nostri consulenti sono a tua disposizione. 


Documenti da scaricare

Stampa

Alessandra GuandaliniAlessandra Guandalini

Altri articoli di Alessandra Guandalini

Contatta autore

Contatta autore

x



Recapiti e Contatti






Newsletter

Commercialista.it

il fisco facile per tutti

Le nostre Due Diligence

 
   
   
   
 
 
   
   
 
 

SEGUICI SUI SOCIAL

NEWSLETTER SIGNUP Subscribe

CONTATTI

Commercialista.it S.r.l. a socio unico

info@networkfiscale.com  

NUMERO VERDE  800.19.27.56

Capitale Sociale i.v. 10.000

Sede Legale Via Boezio 4c, Roma

Sede operativa per il Lazio,  Via Rocca di Papa n. 26, Albano Laziale  (Roma)

Sede operativa per la Sardegna, Via XX Settembre n. 7  e  9, Quartu Sant'Elena (Cagliari)   

C.F. & P.IVA 12059071006
Iscritta al Registro Imprese di Roma al n. 12059071006
Periodico telematico Reg. Tribunale di Velletri n. 11/2018

Periodico iscritto alla USPI


Direttore responsabile: Dott. Alessio Ferretti

www.networkfiscale.com     www.commercialista.it 

www.pareretributario.com    www.parerefiscale.com 

www.parerepenale.it         www.parereproveritate.com       

www.parerecivile.com        www.parerepenale.com

www.duediligence.it          www.parerelavoro.com

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2022 by Network Fiscale S.r.l. a socio unico p.i & c.f. 12059071006
Back To Top